it_IT Home Blogo.it - Ultime notizie della sezione Home Mon, 18 Mar 2019 22:43:55 +0000 Mon, 18 Mar 2019 22:43:55 +0000 Zend_Feed_Writer 2 (http://framework.zend.com) http://www.blogo.it/home 2004-2014 Blogo.it Utrecht (Olanda), spara su passeggeri<br> di un tram: arrestato Gokmen Tanis Mon, 18 Mar 2019 11:45:53 +0000 http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/615593/utrecht-olanda-uomo-spara-su-passeggeri-tram http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/615593/utrecht-olanda-uomo-spara-su-passeggeri-tram Redazione Blogo.it Redazione Blogo.it

Aggiornamento ore 18:35 - Gokmen Tanis, il sospetto che ha ucciso tre persone ferendone altre 5 su un trami di Utrecht è stato arrestato. Lo ha annunciato il capo della polizia locale.

Aggiornamento ore 18:30 - Gokmen Tanis ha aperto il fuoco per "motivi familiari": l’agenzia statale turca Anadolu, citando persone vicine al killer, conferma che il suo obiettivo fosse una donna e che ha colpito chi ha cercato di proteggerla.

Aggiornamento ore 18:15 - Il capo dell’antiterrorismo olandese Pieter-Jaap Aalbersberg ha prolungato lo stato d’emergenza fino alle ore 22 nonostante polizia e sindaco avessero revocato l’ordine di rimanere in casa. La polizia sta interrogando contestualmente il fratello di Gokmen Tanis, secondo quanto riporta il sito della TV olandese Nos. Intanto, un testimone oculare ha rivelato al quotidiano Algemeen Dagblad e a Skynews che l’obiettivo dell’assalitore fosse una donna e che si sarebbe accanito contro le persone che hanno cercato di difenderla. "L'assalitore è uno del quartiere, non credo abbia agito per terrorismo", ha aggiunto.

Aggiornamento ore 16:57 - La polizia ha appena fatto sapere che il numero dei feriti è stato rivisto e sarebbero cinque e non nove come aveva comunicato in precedenza.

Aggiornamento ore 15:42 - La polizia ha confermato ufficialmente che il bilancio è di 3 morti e 9 feriti.

Aggiornamento ore 15:30 - La polizia consiglia di restare a Utrecht e di non andare nella zona di Kanaleneiland e chiede di riferire qualsiasi informazione su una Renault Clio rossa.

Aggiornamento ore 15:15 - Sale purtroppo il bilancio delle vittime dell'attentato di Utrecht: si parla ora di 3 morti e 9 feriti. Intanto gli agenti si stanno servendo anche di cani poliziotto.

Aggiornamento ore 14:41 - Il Premier Olandese Mark Rutte sta parlando in diretta ai giornalisti e ha espresso la sua "profonda preoccupazione". Con lui anche il sindaco di Utrecht Jan Van Zanen, che ha definito l'accaduto un "atto orribile ed estremo" e ha detto che adesso "la cosa più importante è occuparsi delle persone ferite e indagare sulle cause dell'incidente. Non possiamo escludere nulla, neanche l'attacco terroristico".

Aggiornamento ore 14:19 - In questo momento la polizia olandese ha diffuso un frame nel quale si vede un uomo e ha scritto che si chiama Gökmen Tanis, è nato in Turchia e ha 37 anni. Chiede a chiunque lo avvisti di chiamare subito il numero 0800-6070 e di non avvicinarsi a lui. Dovrebbe dunque trattarsi dell'attentatore.

Aggiornamento ore 13:48 - La polizia invita tutti a non scire di casa perché non sono esclusi nuovi attentati.

Aggiornamento ore 13:08 - Il bilancio dell'attentato di Utrecht per ora è di un morto e sette feriti. Intanto il livello di allerta è salito in tutta la nazione, soprattutto negli aeroporti e in tutte le grandi città.

Aggiornamento ore 13:03 - È ancora in corso il raid della polizia, ma non è certo il numero di attentatori. Secondo alcune fonti sarebbe solo uno e sarebbe fuggito a bordo di una Renault Clio rossa, secondo altri, invece, sarebbero di più e ci sarebbero state più sparatorie.

Aggiornamento ore 12:57 - In questi minuti la polizia sta circondando un edificio, forse dentro potrebbe essersi asserragliato l'attentatore.

Aggiornamento ore 12:49 - Intanto su Twitter si invita a non pubblicare informazioni su che cosa sta facendo la polizia, in quanto l'attentatore è ancora in fuga ed è meglio che non ci siano aggiornamenti, come è successo in occasione di altri attentati in Francia e in Belgio.
Intanto il livello di allerta terrorismo è stato alzato in tutta la provincia di Utrecht e le scuole sono state chiuse ed è stato ordinato alla popolazione di non circolare.

Aggiornamento ore 12:42 - Il Comune di Utrecht ha attivato una linea telefonica che i cittadini possono chiamare per avere aggiornamenti. Intanto la polizia ha chiesto a tutti di non avvicinarsi alla zona in cui ci sono stati gli spari.

Aggiornamento ore 12:15 - Da Utrecht continuano ad arrivare brutte notizie: secondo l'ultimo aggiornamento ci sarebbe almeno un morto per gli spari su un tram.

Spari a Utrecht in Piazza 24 Ottobre


Spari a Utrecht

Lunedì 18 marzo 2019, ore 11:45 - A Utrecht, in Olanda, questa mattina, lunedì 18 marzo 2019, un uomo ha sparatoria sui passeggeri di un tram. La polizia ha subito isolato la piazza in cui stazionano i mezzi fuori dal centro città e sono arrivati anche i poliziotti dell'antiterrorismo. Secondo le prime informazioni che circolano sull'accaduto ci sarebbero diversi feriti.

Gli spari si sono sentiti alle ore 10:45 in Piazza 24 Ottobre, come ha riferito la polizia di Utrecht. È ora in corso una riunione dell'unità di crisi convocata dal premier olandese Mark Rutte. Secondo quanto riportato dai media locali, un testimone avrebbe sentito diversi colpi di arma da fuoco e avrebbe visto subito dopo una donna a terra, poi mentre alcune persone si avvicinavano per soccorrerla, sono partiti altri colpi e i soccorritori si sarebbero allontanati dalla donna. Sembra che chi ha sparato sia riuscito a fuggire. La polizia di Utrecht ha detto che quello terroristico è un possibile movente.

PROSEGUI LA LETTURA

Utrecht (Olanda), spara su passeggeri
di un tram: arrestato Gokmen Tanis é stato pubblicato su
Cronacaeattualita.blogosfere.it alle 11:45 di Monday 18 March 2019

]]>
0
Nave umanitaria italiana soccorre 50 migranti nel Mediterraneo, la risposta del Viminale Mon, 18 Mar 2019 19:28:15 +0000 http://www.polisblog.it/post/428505/nave-umanitaria-italiana-soccorre-50-migranti-nel-mediterraneo-la-risposta-del-viminale http://www.polisblog.it/post/428505/nave-umanitaria-italiana-soccorre-50-migranti-nel-mediterraneo-la-risposta-del-viminale redazione Blogo.it redazione Blogo.it

migranti mare ionio

La Mare Ionio ha soccorso un gommone in avaria nel Mediterraneo con 50 migranti a bordo. La nave umanitaria che batte bandiera italiana è partita dal porto di Palermo ed ha incrociato l’imbarcazione in difficoltà a circa 40 miglia dalla costa libica ed ha subito informato la sala operativa sia della Guardia Costiera di Roma sia quella di Tripoli. La reazione del Viminale non si è fatta attendere: il ministero di Matteo Salvini ha già fatto sapere di essere pronto a chiudere anche le acque territoriali italiane alle navi delle Ong.

Una volta raggiunto il gommone in difficoltà, i volontari a bordo della Mare Ionio hanno lanciato i giubbotti di salvataggio e portato a bordo i migranti, tra cui ci sono anche 12 minori. Sono tutti di originari dell'Africa sub sahariana ed erano partiti dalla Libia. Durante i soccorsi della nave Ong italiana è arrivata anche una motovedetta libica, che però ha invertito la marcia rientrando verso le proprie coste dopo pochi minuti. Ora resta da capire che ne sarà dei circa 50 migranti, poiché la Mare Ionio non ha intenzione di consegnarli alla Guardia Costiera libica, ma anche se è coinvolta una nave umanitaria italiana, il Viminale non semrba voler cambiare la propria linea.

Il prossimo passo, infatti, dovrebbe essere la richiesta di uno sbarco alla sala operativa di Roma, che con ogni probabilità non lo concederà. La Mare Ionio ha equipaggio italiano e porta anche le bandiere dei comuni di Palermo e Napoli. Il gommone, invece, era partito dalle coste libiche a conferma del fatto che anche se la maggior parte non riescono più a sbarcare in Italia, comunque le imbarcazioni prendono ugualmente il largo.

PROSEGUI LA LETTURA

Nave umanitaria italiana soccorre 50 migranti nel Mediterraneo, la risposta del Viminale é stato pubblicato su Polisblog.it alle 19:28 di Monday 18 March 2019

]]>
0
Isis: ucciso Lorenzo Orsetti Mon, 18 Mar 2019 14:23:47 +0000 http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/615635/isis-ucciso-lorenzo-orsetti-baghuz http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/615635/isis-ucciso-lorenzo-orsetti-baghuz Redazione Blogo.it Redazione Blogo.it

Attraverso un messaggio e delle foto diffuse via Telegram, l'Isis ha annunciato di aver ucciso un "crociato italiano". I documenti pubblicati, ossia la tessera sanitaria e la carta di credito, sono di Lorenzo Orsetti, 32enne fiorentino, volontario che da un anno e mezzo combatteva al fianco dei curdi dell'Ypg, le Unità di protezione del popolo, contro i jihadisti. Sarebbe rimasto ucciso negli scontri di Baghuz. Il sito americano Site, che monitora tutti i messaggi jihadisti su Internet, ha detto che lo Stato islamico ha pubblicato le foto di un uomo senza vita, vestito con un'uniforme militare.

A Baghuz sono rifugiati gli uomini dell'Isis con i loro famigliari dopo essere stati espulsi dalle altre aree del paese. Da gennaio c'è sulla zona un forte pressing dell'alleanza curdo-araba che è sostenuta dagli Stati Uniti e sono fuoriuscite più di 60mila persone, tra combattenti e civili. Non si sa ancora quante siano le persone asserragliate a Baghuz, ma le operazioni militari si stanno notevolmente allungando e l'Sdf, ossia l'alleanza curdo-araba delle Forze democratiche siriane, non può ancora considerare conquistata la città.

Lorenzo Orsetti

PROSEGUI LA LETTURA

Isis: ucciso Lorenzo Orsetti é stato pubblicato su Cronacaeattualita.blogosfere.it alle 14:23 di Monday 18 March 2019

]]>
0
Flat tax, Di Maio: "No promesse alla Berlusconi" Mon, 18 Mar 2019 09:42:47 +0000 http://www.polisblog.it/post/428438/flat-tax-famiglie-salvini-contro-il-mef-ma-di-maio-frena-promesse-alla-berlusconi http://www.polisblog.it/post/428438/flat-tax-famiglie-salvini-contro-il-mef-ma-di-maio-frena-promesse-alla-berlusconi redazione Blogo.it redazione Blogo.it


I numeri del Tesoro sono strampalati, i suoi giusti. A Rtl 102.5 il vicepremier Matteo Salvini, torna a insistere sulla flat tax per le famiglie: "50-60 miliardi sono numeri strampalati, non siamo al Superenalotto, noi i soldi li contiamo con più precisione". Salvini, dopo aver annunciato ieri dal suo tour elettorale in Basilicata la flat tax famiglie entro il 2019, assicura: "Stiamo facendo tutti i conti del caso ma siamo convinti che se abbassi le tasse lo Stato poi incassa di più. È un investimento intelligente per il futuro. Con una cifra tra 12 e i 15 miliardi diamo un primo colpo sostanzioso e un abbattimento fiscale non a tutti ma a tanti. È l'inizio di un percorso, una rivoluzione epocale".
 
Peccato che secondo la simulazione elaborata dai tecnici del Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF) la flat tax famiglie, cioè per i lavoratori dipendenti, costerebbe alle casse dello Stato qualcosa come tre leggi di bilancio messe insieme, circa 60 miliardi, una misura semplicemente "inapplicabile" spiegano dal Tesoro. Ma cosa prevede la flat tax proposta dalla Lega? Una deduzione di 3mila euro per ciascun componente del nucleo familiare con reddito fino a 35mila euro, per i redditi sopra i 50mila euro non ci sarebbe invece nessuna deduzione. In tutto ne beneficerebbero 16,4 milioni di famiglie, per un vantaggio medio a nucleo di 3.600 euro.

Il sottosegretario ai Trasporti Armando Siri, che ha messo a punto la misura, spiega: "La nostra proposta di Flat Tax Fase II ha un'incidenza di circa 12 mld e si riferisce a un intervento di riduzione dell’imposta per tutte le famiglie fino a 50 mila euro di reddito. Il nostro studio è stato messo a punto circa 15 giorni fa quindi risulta evidente come la data dell’8 febbraio sia antecedente alle nostre elaborazioni. Mi pare evidente che non c’entra". Siri si riferisce appunto allo studio del MEF dell’8 febbraio scorso secondo cui la flat tax applicata alle famiglie costerebbe 60 miliardi.

Ma a frenare sulla Flat tax famiglie è anche l’altro vicepremier Luigi Di Maio, cauto sulla proposta leghista: "Sulla Flat tax familiare troveremo una soluzione insieme alla Lega, come abbiamo sempre fatto (sì, come sulla Tav…). Sono molto fiducioso. Noi come M5S abbiamo lavorato a una riduzione degli scaglioni e della pressione fiscale attraverso il coefficiente familiare e in questo senso si individuerà un punto di incontro, ne sono certo. L’importante è non fare facili promesse alla Berlusconi, come rappresentanti dello Stato non dobbiamo mai dimenticarci di avere delle responsabilità nei confronti dei cittadini". 

PROSEGUI LA LETTURA

Flat tax, Di Maio: "No promesse alla Berlusconi" é stato pubblicato su Polisblog.it alle 09:42 di Monday 18 March 2019

]]>
0
Decreto sblocca cantieri: vertice a Palazzo Chigi, c'è un condono edilizio? Mon, 18 Mar 2019 22:30:23 +0000 http://www.polisblog.it/post/428508/decreto-sblocca-cantieri-vertice-a-palazzo-chigi http://www.polisblog.it/post/428508/decreto-sblocca-cantieri-vertice-a-palazzo-chigi redazione Blogo.it redazione Blogo.it

palazzo chigi sblocca cantieri

Vertice di maggioranza a Palazzo Chigi per definire gli ultimi dettagli del decreto sblocca cantieri. Presso la sede della presidenza del Consiglio sono giunti in serata, oltre al premier Giuseppe Conte, i ministri Toninelli e Tria, i sottosegretari Siri, Rixi e Castelli, oltre che i tecnici dei rispettivi ministeri. Il decreto dovrebbe giungere in Consiglio dei Ministri mercoledì 20 marzo. In visita ad un cantiere di Cuneo fermo dal 2012, Conte ha promesso che il governo si prenderà la responsabilità di sbloccare quelle opere che i precedenti esecutivi hanno trascurato per tanti anni.

Il video è stato pubblicato dallo stesso premier sul proprio profilo Facebook con il seguente messaggio: "Sono finiti i tempi delle proroghe continue e dello sperpero di risorse pubbliche. È il momento di sbloccare i cantieri fermi e far ripartire il Paese".

Sblocca cantieri: c’è un condono edilizio?

In serata sono circolate alcune indiscrezioni in merito alla possibilità che all’interno dello sblocca cantieri venga inserito un condono edilizio. Le agenzie Adnkronos e Ansa, sostengono che la Lega avrebbe prodotto 24 pagine di proposte, tra le quali ci sarebbe anche una sanatoria per le irregolarità dei vecchi edifici. Un’ipotesi alla quale il Movimento 5 Stelle sarebbe contrario, ma intanto fonti interne al Carroccio citate da Il Fatto Quotidiano smentiscono seccamente: "Nessuna ipotesi di condono edilizio né nello sblocca cantieri né in altri provvedimenti. È una notizia infondata e senza alcun fondamento. La Lega, come noto, è contraria a ogni tipo di condono", fanno sapere dalle parti di via Bellerio.

PROSEGUI LA LETTURA

Decreto sblocca cantieri: vertice a Palazzo Chigi, c'è un condono edilizio? é stato pubblicato su Polisblog.it alle 22:30 di Monday 18 March 2019

]]>
0
Mattarella: "Biagi era uomo del dialogo. Br sconfitte" Mon, 18 Mar 2019 17:03:29 +0000 http://www.polisblog.it/post/428482/mattarella-biagi-era-uomo-del-dialogo-br-sconfitte http://www.polisblog.it/post/428482/mattarella-biagi-era-uomo-del-dialogo-br-sconfitte redazione Blogo.it redazione Blogo.it

Domani, 19 marzo, ricorrerà il 17esimo anniversario dall'omicidio di Marco Biagi, il giuslavorista ucciso dalle Nuove Brigate Rosse con 6 colpi di pistola. È di pochi giorni fa la notizia che uno dei brigatisti condannati, Simone Boccaccini, ha chiesto che gli venga riconosciuto il vincolo della continuazione tra la condanna a 21 anni per l'assassinio di Biagi, decisa dal Tribunale di Bologna, e quella a 5 anni ed 8 mesi per banda armata, decisa dal Tribunale di Roma.

L'accoglimento della richiesta comporterebbe uno sconto di pena per Boccaccini. Al di là delle considerazioni giuridiche che spettano alla Corte di Assise di Appello di Bologna, la notizia ha riacceso il dolore della famiglia Biagi. Suo figlio Lorenzo, oggi 30enne, ha già speso parole in merito, augurandosi che l'unico degli assassini non condannato all'ergastolo sconti tutta la sua pena come stabilito nei due gradi di giudizio di merito e poi confermato dalla Cassazione.

Oggi il Presidente della Repubblica ha reso omaggio alla memoria di Marco Biagi intervenendo alla sessione inaugurale del convegno internazionale promosso dalla fondazione che porta il suo nome e dall'Università di Modena e Reggio Emilia. Mattarella ha definito Biagi come "un uomo del dialogo" oltreché "un docente che amava l'insegnamento e il rapporto con gli studenti", ma soprattutto uno "studioso che approfondiva i temi della sua disciplina, avvertendo con grande consapevolezza che il mirabile equilibrio disegnato nella nostra Costituzione richiede che ci si preoccupi costantemente di evitare che nascano ferite nella coesione sociale, di intervenire costantemente per sanarle, per ridurre e rimuovere le fratture sociali. Per questo i suoi assassini lo hanno ucciso"

Mentre la memoria di Biagi è sempre viva, "le Br sono state sconfitte grazie all'unità degli italiani, a noi resta il dovere della memoria di chi, delle Br, è rimasto vittima, perché impersonava un ruolo di cucitura e valorizzazione della coesione sociale. È molto importante che la Fondazione che porta il suo nome abbia voluto, di anno in anno, ricordare Marco Biagi sviluppando i temi dei suoi studi. Questo è il modo per tenere libera la strada che i brigatisti volevano ostruire".

Il Capo dello Stato ha poi sottolineato "l'importanza e il rilievo delle rappresentanze sociali e dei corpi intermedi supera la pur fondamentale dimensione dell'ambito delle relazioni del lavoro, perché riguarda anche la salute del tessuto democratico del nostro Paese. Rappresentanze sociali e corpi intermedi sono realtà in cui i cittadini si riconoscono; la loro emarginazione, la loro attenuazione di ruolo rende più fragile la società ed espone maggiormente i cittadini ad essere vulnerabili rispetto alle incertezze, insicurezze, paure che inducono alla chiusura in se stessi".

PROSEGUI LA LETTURA

Mattarella: "Biagi era uomo del dialogo. Br sconfitte" é stato pubblicato su Polisblog.it alle 17:03 di Monday 18 March 2019

]]>
0
M5S: fino a 14 anni di carcere per chi sfregia una donna Mon, 18 Mar 2019 17:19:28 +0000 http://www.polisblog.it/post/428485/m5s-norme-contro-violenza-su-donne-e-minori http://www.polisblog.it/post/428485/m5s-norme-contro-violenza-su-donne-e-minori redazione Blogo.it redazione Blogo.it

Il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede ha parlato proprio oggi a Repubblica di un pacchetto di nuove norme da aggiungere al Codice rosso contro la violenza sulle donne e i minori e una prima anticipazione più dettagliata l'ha data la deputata Stefania Ascari in Commissione Giustizia.

Una norma in particolare prevede una pena fino a 14 anni di reclusione per chi sfregia una donna, un reato che non esiste ancora e che dunque verrebbe introdotto con questo pacchetto normativo. Ascari ha spiegato anche:

"Sono previsti aumenti di pena per i reati di stalking e maltrattamenti in famiglia fino a 7 anni. Estendiamo inoltre misure di controllo e prevenzione prevedendo ad esempio la sorveglianza speciale per i casi gravi o cambio di dimora per la donna vittima"

Inoltre si parla di condanne inoltre fino a 12 anni per chi violenta una donna e fino a 24 anni per chi violenta un minore. Inoltre, ha spiegato Ascari:

"I reati sessuali sui minori diventano sempre procedibili d'ufficio. Non serve dunque più la denuncia"

PROSEGUI LA LETTURA

M5S: fino a 14 anni di carcere per chi sfregia una donna é stato pubblicato su Polisblog.it alle 17:19 di Monday 18 March 2019

]]>
0
Zecchino d'Oro diventa film per la tv con Matilda De Angelis Mon, 18 Mar 2019 13:53:42 +0000 http://www.tvblog.it/post/1641819/zecchino-doro-film-tv-trama-anticipazioni-cast http://www.tvblog.it/post/1641819/zecchino-doro-film-tv-trama-anticipazioni-cast Massimo Galanto Massimo Galanto

Sono iniziate oggi, lunedì 18 marzo 2019, le riprese del film tv di Lo Zecchino d'Oro, che sarà girato interamente a Bologna.

Il cast del tv movie, co-prodotto da Rai Fiction e Compagnia Leone Cinematografica, è formato da Matilda De Angelis (nei panni di Mariele Ventre, la fondatrice del Piccolo Coro dell'Antoniano di Bologna), Maya Sansa (Ernestina, la mamma di Mimmo), Antonio Gerardi (Vincenzo), Valentina Cervi (Silvana) e Simone Gandolfo (Cino Tortorella). Regia di Ambrogio Lo Giudice.

Le riprese dureranno quattro settimane. Secondo quanto riporta il sito di La Repubblica, il film sarà con tutta probabilità pronto per l’autunno, a novembre, in occasione della 62esima edizione dello Zecchino. Di seguito la trama.

Zecchino d'Oro film tv: trama

Anni '60, appunto a Bologna, Mimmo, 9 anni, è quello che oggi si direbbe un bambino difficile. Figlio di immigrati dalla Sicilia, alla scuola e allo studio preferisce la vita di strada nella banda di Sebastiano, suo fratello maggiore, Mimmo però canta benissimo e un giorno mamma Ernestina, preoccupata per lui, lo porta a un provino per un concorso canoro con la speranza che questa esperienza possa responsabilizzarlo. Un consiglio del suo insegnante: forse la musica potrà salvarlo. Quello che ancora nessuno sa è che quel provino è l'inizio di uno spettacolo destinato a entrare nella storia della televisione e del paese: lo Zecchino d'Oro. Mimmo viene scelto insieme ad altri bambini. Fra questi, Gaetano, figlio di un carabiniere e di una madre ambiziosissima Caterina, figlia di importanti imprenditori. I tre diventano presto inseparabili e sempre più bravi, sotto la guida della giovane Mariele Ventre, fondatrice del Piccolo Coro dell'Antoniano di Bologna, che diresse per oltre trent'anni. Mariele,
con Cino Tortorella, accompagna i ragazzi alla prima esibizione canora in televisione. Da qui nasce l' idea di una formazione stabile che sia una vera e propria scuola di musica e di vita: il Piccolo Coro Mariele Ventre dell'Antoniano.

PROSEGUI LA LETTURA

Zecchino d'Oro diventa film per la tv con Matilda De Angelis é stato pubblicato su Tvblog.it alle 13:53 di Monday 18 March 2019

]]>
0
Report torna stasera: il tema della prima puntata Mon, 18 Mar 2019 07:06:37 +0000 http://www.tvblog.it/post/1641771/report-diretta-puntata-18-marzo-2019 http://www.tvblog.it/post/1641771/report-diretta-puntata-18-marzo-2019 marcellofilograsso marcellofilograsso

In un Paese normale Report andrebbe in prime time su Rai1, delle sue inchieste parlerebbero tutti i giornali: invece, per qualche strano motivo, nonostante si sia confermato negli anni un programma di ottima fattura nonostante l'addio di Milena Gabanelli, gli argomenti sollevati a volte non vanno oltre la stessa trasmissione di Rai3.

Sigfrido Ranucci tuttavia appare ormai a suo agio davanti alle telecamere: sorride, cerca di empatizzare con lo spettatore, soprattutto quando si ritrova a illustrargli situazioni strane come la scuola di formazione della Lega che presenta come destinatario del versamento un'associazione che si occupa di amore universale e discipline olistiche.

La bravura dei giornalisti armati di telecamera sulla scrivania non si discute. Le domande sono precise e puntuali. Il problema è che sta diventando sempre meno comune fare domande al politico di turno, come se stessimo perdendo l'abitudine a sentire domande e risposte.

[live_placement]Report, anticipazioni puntata 18 marzo 2019


Una nuova, attesa, stagione della trasmissione di approfondimento giornalistico di Rai3 Report, condotta da Sigfrido Ranucci. Nella prima puntata, in onda stasera alle 21.20, come sempre inchieste di economia, politica, attualità. In primo piano il reportage "Politica a costo zero" di Bernardo Iovene con la collaborazione di Michela Mancini.

I partiti hanno chiuso le sedi e licenziato i dipendenti, hanno bilanci che si basano ormai sulle donazioni. Fino al 2013 lo Stato li finanziava per 100 milioni di euro l’anno, oggi il contributo del 2 per mille si ferma a 14 milioni. Restano le sedi del Partito Democratico, ma tante saranno sfrattate dalle fondazioni dei Democratici di Sinistra, che sono proprietarie di 2400 immobili affittati al Pd attraverso convenzioni. Report ha scoperto che i Ds, che hanno interrotto la loro attività politica nel 2008, pubblicano ancora i bilanci e per ripianare qualche debito hanno venduto uno dei dipinti più famosi di Guttuso.

Quanto guadagnano oggi gli eletti, dai Comuni al Parlamento? Quanti soldi versano al partito e dove vanno i soldi che restituiscono gli eletti del Movimento 5 stelle? Sul taglio retroattivo dei vitalizi agli ex parlamentari, il risparmio sarà di 40 milioni di euro, ma ci sono 2500 ricorsi. Intanto nel bilancio della Camera Report ha individuato un tesoretto di 385 milioni di euro non utilizzati, un avanzo che cresce dal 2012 e non viene restituito allo Stato.

A seguire "A scuola di politica" di Adele Grossi. Il partito più impegnato in cattedra, da qualche anno, è la Lega, trascinata dal leader Matteo Salvini: i corsi di formazione registrano il tutto esaurito. Nelle regioni, annualmente, si possono frequentare tre livelli di corso organizzati come vere e proprie "accademie federali"; la capofila è quella che i coordinatori delle scuole chiamano "la nostra Università": la Scuola di Formazione Politica, che ha sede a Milano e fa capo a Armando Siri, sottosegretario al ministero delle Infrastrutture e ideologo della flat tax per la Lega. Al termine del corso, a consegnare i diplomi è lo stesso segretario del partito Salvini. Gli ultimi cinquecento sono stati rilasciati pochi giorni fa. Come funzionano queste scuole e chi le dirige?

Si continua con "Porto sicuro" di Manuele Bonaccorsi con la collaborazione di Lorenzo Di Pietro. Il 20 marzo il Senato dovrà decidere se concedere al Tribunale dei Ministri di Catania l’autorizzazione a procedere contro il ministro dell’Interno Matteo Salvini, accusato di sequestro di persona per aver negato per giorni l’autorizzazione allo sbarco a 177 migranti salvati dalla motonave della Guardia Costiera Diciotti il 16 agosto 2018. Qual è la posta in gioco, politica e giuridica? Per quale motivo in quei giorni il Viminale non emette ordini scritti? La Guardia Costiera, che è sotto il controllo del ministro dei Trasporti Danilo Toninelli, avrebbe potuto fare scendere i migranti? Si può parlare di sequestro di persona? Il governo ha usato il caso Diciotti per aprire una trattativa sulla redistribuzione dei migranti con l’Europa. Report ricostruirà i fatti di uno dei casi politico-giudiziari più controversi degli ultimi anni con testimonianze e documenti inediti.

Infine l'inchiesta "La cortesia" a firma dei Antonella Cignarale. Gli uffici oggetti smarriti nelle stazioni ferroviarie sono stati chiusi anni fa e per chi dimentica una giacca o una valigia su una delle Frecce di Trenitalia il servizio di ritrovamento è diventato un servizio di cortesia. Per il pendolare che dimentica qualcosa su un regionale Trenitalia non è previsto un servizio e il ritrovamento diventa una caccia al tesoro. Secondo il codice civile chi trova un oggetto deve consegnarlo “senza ritardo” all’Ufficio comunale degli oggetti rinvenuti della città in cui è stato trovato. Ma i treni sono sempre in movimento, come fa un capotreno ad andare in Comune tra un turno e un altro? A pochi passi da noi, le Ferrovie Federali Svizzere hanno messo a punto un sistema di recupero oggetti smarriti che, oltre a fornire un servizio su tutti i treni, è un modo per fare cassa.

Report: dove vederlo


Il programma di inchieste va in onda su Rai3 alle 21.20, ma è disponibile anche in diretta streaming su Raiplay, selezionando il terzo canale della tv di viale Mazzini.

Report: Second Screen


Report è molto presente sui social, in particolare su

Facebook: @ReportRai3

Twitter: @reportrai3

Instagram: @reportrai3

Telegram: @reportrai3.

PROSEGUI LA LETTURA

Report torna stasera: il tema della prima puntata é stato pubblicato su Tvblog.it alle 07:06 di Monday 18 March 2019

]]>
0
Mentre Ero Via, la nuova serie tv di Cotroneo e Rametta Mon, 18 Mar 2019 15:33:27 +0000 http://www.tvblog.it/post/1641835/mentre-ero-via-trailer-fiction-raiuno http://www.tvblog.it/post/1641835/mentre-ero-via-trailer-fiction-raiuno Paolino Paolino

Archiviata la quinta stagione di Che Dio Ci Aiuti, il giovedì sera di Raiuno si tingerà di thriller, con Mentre Ero Via, la nuova serie tv di Ivan Cotroneo e Monica Rametta, che debutterà il 28 marzo 2019. Terzo capitolo delle storie che vedono al centro donne forti ed alle prese con seconde opportunità, la serie cercherà di replicare il successo già ottenuto da Un'altra vita e Sorelle.

I presupposti ci sono tutti, sia per quanto riguarda il cast, composto da attori molto noti al pubblico che segue la fiction italiana, che per il racconto. Ambientata a Verona, la protagonista della serie in sei episodi è Monica (Vittoria Puccini), che si risveglia dal coma dopo un incidente in cui hanno perso la vita il marito Gianluca, che era manager dell'azienda farmaceutica di famiglia, e l'avvocato Marco, presunto amante della donna.

Monica non ricorda nulla degli ultimi otto anni di vita: non riesce quindi a capire perché la famiglia di Marco ed i suoi stessi figli le diano la colpa per quanto accaduto. La protagonista, aiutata dalla psicologa Caterina (Stefania Rocca), inizia così un percorso per cercare di ricordare cosa sia davvero successo. Un percorso che la porterà ad avere anche la convinzione di vedere in giro per la città il marito: l'uomo, in realtà, è Stefano (Giuseppe Zeno), suo cognato, anche lui in cerca di indizi.

Il cast, oltre agli attori citati, include anche Carmine Buschini, Francesca Cavallin, Flavio Parenti e Mariano Rigillo, per la regia di Michele Soavi. "Potrebbe sembrare un linguaggio diverso dal nostro", ha ammesso la Rametta al Corriere della Sera, rivelando anche di non seguire serie tv thriller. "La verità è che lei si spaventa anche solo scrivendo la sceneggiatura di certe cose", spiega Cotroneo, "e quando succede, capisco che funzionano".

Mentre Ero Via non chiuderà il ciclo di racconti dedicato alle donne, tanto che i due rivelano di avere in mente altri titoli. La coppia Cotroneo-Rametta, d'altra parte, è molto attiva, e nel corso degli anni ha regalato a Raiuno numerose serie tv, come Sirene, E' arrivata la felicità, La Compagnia del Cigno e Tutti pazzi per amore. Proprio quest'ultimo, racconta Cotroneo, ha permesso ai due di conoscersi:

"[Claudia Aloisi, ex capostruttura di Rai Fiction, ndr] ci ha proposto di lavorarci assieme. Ha quindi combinato una sorta di appuntamento al buio. Ed è nato l'amore. Dovevamo parlare di lavoro, invece abbiamo finito col parlare di noi. Abbiamo scoperto di avere molti gusti in comune, ci piacevano le stesse cose, avevamo visto gli stessi film, le stesse serie. Quando lavoriamo, siamo uno l'avvocato del diavolo dell'altro".

I due sono consapevoli di aver sviluppato un linguaggio tutto loro, che differenzia le loro serie rispetto alle altre: "Quando scriviamo assieme lo facciamo in un modo sensibilmente diverso rispetto a quando scriviamo da soli", spiega la Rametta. "E' come se avessimo una nostra lingua comune".

La stessa lingua utilizzata per La Compagnia del Cigno, la loro ultima fiction andata in onda quest'inverno. Il successo della serie faceva ben sperare per una seconda stagione, che ora sembra essere confermata: il duo Cotroneo-Rametta, infatti, è al lavoro sui nuovi episodi.

PROSEGUI LA LETTURA

Mentre Ero Via, la nuova serie tv di Cotroneo e Rametta é stato pubblicato su Tvblog.it alle 15:33 di Monday 18 March 2019

]]>
0
Amici 18, Alessandro Casillo ha lasciato la scuola: "Non posso rischiare di perdere lucidità, stima e fiducia in me stesso..." Mon, 18 Mar 2019 14:27:44 +0000 http://www.tvblog.it/post/1641827/amici-18-alessandro-casillo-ha-lasciato-la-scuola http://www.tvblog.it/post/1641827/amici-18-alessandro-casillo-ha-lasciato-la-scuola Fabio Morasca Fabio Morasca

Maria De Filippi, ormai, è una maestra nel creare il cosiddetto hype, il famoso "Aspettate" che abbiamo visto spesso a C'è posta per te ne è una prova concreta.

E così, anche per quanto riguarda la misteriosa sparizione di Alessandro Casillo dall'ultimo speciale di sabato di Amici 18, il mistero, appunto, è stato svelato, con molta calma, solo durante la striscia pomeridiana odierna andata in onda su Real Time.

Alessandro Casillo ha lasciato la scuola e la notizia è ufficiale.

Il cantante vincitore di Io Canto e di un Festival di Sanremo, sezione Giovani, ha motivato la sua decisione, inaspettata e coraggiosa, con una lunga lettera.

Ve la riportiamo integralmente:

Cari Maria e cari tutti, sto a casa e sto bene.
Me ne sono andato prima della registrazione della puntata che per me poteva rappresentare l'ultima opportunità di proseguire il mio percorso.
Sono pronto a prendermi tutte le responsabilità di questa scelta che è solo mia e di prendermi ovviamente tutti i giudizi, le critiche e le sentenze.
Sono stati cinque mesi di alti e di bassi, come è la vita.
Ad Amici, ho deciso io di partecipare e in tutti questi mesi, fino all'ultimo giorno, tutte le mattine, mi sono sempre alzato con tanta voglia di studiare, provare, cantare, fare lezione, crescere.
Ad Amici, come nella vita, puoi piacere e non piacere, ti trovi di fronte a dei giudizi, devi farli tuoi e farne tesoro.
E da lì, ripartire per provare a fare meglio.
Io ci ho provato, giuro.
A volte sono "arrivato" di più, a volte meno. Ci sta.
Perché non arrivare a giocarmela fino in fondo?
Posso certamente accettare di non piacere a chi è chiamato a giudicarmi ma per questo non posso rischiare di perdere lucidità, stima e fiducia in me stesso, di non avere la serenità per continuare, per dare tutto me stesso e per andare avanti a fare quello che amo come vorrei.
Questo è quello che stava succedendo.
Sono sempre stato sincero e anche questa volta mi sono sentito di prendere una decisione, guardandomi allo specchio e guardandomi dentro.
Continuerò a cercare la mia strada con la passione di sempre e la musica sempre al centro.
Maria, ti ringrazio per l'opportunità e lo faccio dal profondo del mio cuore.
Grazie a chi ha creduto in me e a tutte le persone che mi sono state vicine fuori e dentro Amici.
Ale

Il serale di Amici 18, a prescindere dal gusto artistico, perde oggettivamente un protagonista.

PROSEGUI LA LETTURA

Amici 18, Alessandro Casillo ha lasciato la scuola: "Non posso rischiare di perdere lucidità, stima e fiducia in me stesso..." é stato pubblicato su Tvblog.it alle 14:27 di Monday 18 March 2019

]]>
0
Nino Frassica commosso per Mario Marenco Mon, 18 Mar 2019 00:13:41 +0000 http://www.tvblog.it/post/1641759/che-tempo-che-fa-nino-frassica-commosso-morte-mario-marenco http://www.tvblog.it/post/1641759/che-tempo-che-fa-nino-frassica-commosso-morte-mario-marenco Alberto Graziola Alberto Graziola

Oggi è stata resa nota la notizia della morte di Mario Marenco, attore e umorista, protagonista della tv di Renzo Arbore, il Riccardino di "Indietro Tutta". L'uomo è scomparso nelle scorse ore ed era ricoverato da qualche tempo al Policlinico Gemelli per problemi di salute. Tra i suoi personaggi più noti, nel corso della sua lunga carriera, il colonnello Buttiglione, il dottor Anemo Carlone, il professor Aristogitone.

Nella puntata di Che tempo che fa di oggi, 17 marzo 2019, Nino Frassica non ha chiuso l'appuntamento settimanale del programma con il suo consueto sketch comico legato alle notizie di Novella Bella, caratterizzato dalla sua ironia grottesca e sottile. L'attore, presente al tavolo del programma, ha motivo proprio questa sua decisione di fermarsi per una settimana, in ricordo dell'amico e collega:

"Non ho voglia di divertirmi, non me la sento di scherzare e divertirmi perché oggi è scomparso Mario Marenco..."

Queste le poche parole, con tono commosso ed emozionato, di Frassica che poi, col sorriso, ha ricordato alcuni dei momenti più personali e divertenti vissuti negli ultimi tempi con l'amico Mario:

Le ultime passeggiate, quando lui guidava e, a volte, andava contromano... sbagliava le strade, lo perdonavo e ridevo... anche perché io non so guidare e non potevo intervenire. Ci divertivamo con nient. Lui era un genio, un grande

PROSEGUI LA LETTURA

Nino Frassica commosso per Mario Marenco é stato pubblicato su Tvblog.it alle 00:13 di Monday 18 March 2019

]]>
0
Cucine da Incubo 2019 torna su Nove con Cannavacciuolo Mon, 18 Mar 2019 13:00:07 +0000 http://www.tvblog.it/post/1641800/cucine-da-incubo-italia-7-anticipazioni-prima-puntata-18-marzo-2019 http://www.tvblog.it/post/1641800/cucine-da-incubo-italia-7-anticipazioni-prima-puntata-18-marzo-2019 Giorgia Iovane Giorgia Iovane

 

Antonino Cannavacciuolo ha ormai definito una propria misura nel racconto di Cucine da Incubo e nel susseguirsi delle edizioni è riuscito a fare una cosa non semplice: procedere per sottrazione. Sempre meno protagonista, sempre meno focus delle storie, sempre più in 'retroguardia', con commenti sempre più asciutti e tranchant.

Non è mai stato invadente, anzi si è fatto da sempre notare per la sua capacità di ascoltare e non attaccare, di accogliere e non schiacciare, ma in questa settima stagione sembra essere ancor più 'mimetico' rispetto ai veri protagonisti, ovvero i tradizionali duellanti che si trovano sempre all'interno di un locale in crisi. Se all'inizio poteva dare l'impressione di essere il cavaliere senza macchia (sulla casacca) e senza paura (dell'avvelenamento) pronto a salvare innocenti e colpevoli da loro stessi in sprezzo del pericolo per la sua salute, ora Cannavacciuolo ha trovato la misura del mentore di Vogleriana memoria. Strumento per i protagonisti, non loro sostituto, Cannavacciuolo favorisce l'incontro, supervisiona o ordina le prove, fornisce gli strumenti per il superamento della soglia. La particolarità che oltre ad essere mentore è anche 'l'elisir', in fondo. Le sue lezioni di cucina sono l'azione magica del mentore che apre definitivamente la strada verso il raggiungimento dell'obiettivo. Ma lascia i suoi protagonisti a metà strada, al premio temporaneo al termine della prima serata della nuova vita. Poi bisogna camminare da soli. Ma, come dicevo, Cannavacciuolo è sempre più in trasparenza (lo so, sembra strano vista la mole) e non in senso negativo: permea, è ovunque, ma è un mezzo e non ha bisogno di sottolineare la sua presenza. Anche le pacche sono ridotte - o almeno lo sono state in questa prima puntata- e anche questo è un segno.

Cannavacciuolo c'è, ma non invade. E così è ancora più gustoso.

Cucine da Incubo 2019, diretta prima puntata: Cannavacciuolo a El Paso Ranch


 

[live_placement]

Cucine da Incubo 7, anticipazioni prima puntata 18 marzo 2019


 

Settima stagione per Cucine da Incubo Italia, che torna da questa sera, lunedì 18 marzo 2019, nella prima serata di Nove sempre con Antonino Cannavacciuolo in versione 'salvatore' di attività sull'orlo del fallimento (e della crisi di nervi di titolari e lavoratori). La versione italiana di Kitchen Nightmares, prodotta da Endemol Shine Italy per Discovery Italia, riparte col suo giro d'Italia per dare nuovi (e vecchi) consigli a chi rischia la chiusura del proprio locale, nel quale spesso ha investito tutti i propri averi e tutti i propri affetti.

Cucine da Incubo Italia, anticipazioni prima puntata 18 marzo 2019


Antonino Cannavacciuolo parte dalla provincia di Como e per la precisione da Cavallasca, dove si trova El Paso Ranch, un mix tra agriturismo, ranch, maneggio e ristorante che fa capo a Tuccio, campione di arti marziali e grande appassionato di cavalli. Alla mancanza di identità del locale si aggiungono le liti tra Tuccio e uno dei suoi 4 figli, Ruben. Per cercare di rimettersi in sella ci vuole Chef Cannavacciuolo.

Cucine da Incubo Italia 2019, il format


Sono solo 5 le puntate di questa settima stagione, come sempre prodotta da Endemol Italia per Discovery Italia. E' la quarta a essere su Nove ed è finora la più breve. Anche in questa nuova edizione, lo Chef viaggerà da Nord a Sud della Penisola, partendo dalla Lombardia per continuare in Friuli Venezia Giulia, Toscana, Lazio e Puglia e in alcune puntate riceverà delle sorprese dal “passato”.

Cucine da Incubo 2019, come vederlo in tv e in streaming


Cucine da Incubo va in onda ogni lunedì dalle 21.25 sul canale Nove del DTT (gruppo Discovery). Nove è visibile anche su Sky (canale 145) e Tivùsat (9). Non è possibile, invece, seguirlo in live streaming, ma si può rivedere on demand su Dplay.

Cucine da Incubo, Second screen


Per commentare Cucine da Incubo Italia vi consigliamo il nostro liveblogging, dalle 21.25 su TvBlog. Il programma condivide la pagina FB di Nove e anche il suo profilo Twitter. L'hashtag è #CucineDaIncubo.

PROSEGUI LA LETTURA

Cucine da Incubo 2019 torna su Nove con Cannavacciuolo é stato pubblicato su Tvblog.it alle 13:00 di Monday 18 March 2019

]]>
0
Achille Lauro: 1969 è il nuovo album Mon, 18 Mar 2019 11:07:16 +0000 http://www.soundsblog.it/post/572048/achille-lauro-1969-nuovo-album http://www.soundsblog.it/post/572048/achille-lauro-1969-nuovo-album Fabio Morasca Fabio Morasca

A partire dal prossimo 12 aprile, sarà disponibile nei negozi, negli store digitali e sulle piattaforme streaming, il nuovo album di Achille Lauro che si intitola 1969.

L'album è già disponibile in pre-order in tre versioni: Standard, Deluxe autografata e Vinile. La versione Deluxe dell'album contiene anche un esclusivo booklet fotografico di 32 pagine.

Il comunicato stampa del nuovo album è stato scritto direttamente da Achille Lauro che ha annunciato il nuovo album con le seguenti dichiarazioni:

Ho chiesto di scrivere questo comunicato personalmente per eliminare la distanza tra me e voi. Dopo tutto quello che è successo in questo mese, ci tenevo particolarmente a ringraziarvi. Sanremo è stata un esperienza incredibile e il vostro appoggio è stato determinante. Era tempo che lavoravo a questo nuovo genere che prende dal passato e cerca di guardare al futuro. Il vostro apprezzamento e l’interessamento da parte di un pubblico più vasto, mi ha permesso di provare a dare poco peso a quello che dicevano su di me e a sognare di fare musica senza tempo. Da quando è finito Sanremo mi sono chiuso in studio, 20 ore al giorno ad immergermi in questo nuovo progetto che il 12 aprile sarà fuori ovunque, vi presento 1969. Ci risentiremo presto.

Achille Lauro, come sappiamo, è reduce dalla partecipazione alla 69esima edizione del Festival di Sanremo durante la quale ha presentato la canzone Rolls Royce, un brano pop rock che si è discostato nettamente dai generi rap e trap che hanno caratterizzato la sua produzione fino ad ora.

1969 sarà il quinto album di inediti dell'artista romano. L'ultimo album di inediti di Achille Lauro, in ordine di tempo, è Pour l'amour, rilasciato nel giugno dell'anno scorso.

PROSEGUI LA LETTURA

Achille Lauro: 1969 è il nuovo album é stato pubblicato su Soundsblog.it alle 11:07 di Monday 18 March 2019

]]>
0
Detective per caso: il trailer della commedia Mon, 18 Mar 2019 14:37:59 +0000 http://www.cineblog.it/post/902374/detective-per-caso-trailer-film-18-19-marzo http://www.cineblog.it/post/902374/detective-per-caso-trailer-film-18-19-marzo Pietro Ferraro Pietro Ferraro

[Per visionare il trailer clicca sull'immagine in alto]

 

Evento speciale con Medusa il 18 e 19 marzo, arriva nelle sale Detective per caso, la commedia diretta da Giorgio Romano, anche autore della sceneggiatura insieme ad Aurora Piaggesi. Si tratta della prima produzione cinematografica composta da tre donne che hanno avuto il coraggio di rivoluzionare il cinema italiano portando sul grande schermo un film dove ad essere attori protagonisti sono i ragazzi disabili, insieme a normodotati dell’accademia L’Arte nel Cuore. Un film che per la prima volta, non tratta le tematiche della disabilità ma è a tutti gli effetti una commedia gialla brillante e divertente.

Il film vede la partecipazione di un cast di volti  noti del cinema italiano che hanno recitato pro bono accanto ad alcuni giovani attori con disabilità dall'Accademia L'arte nel cuore onlus.

 

 

La trama ufficiale:

 

Giulia (Emanuela Annini) è una ragazza brillante, astuta e determinata che non cerca legami sentimentali duraturi e non nasconde la sua passione per i misteri! Soprattutto, le piace scoprire le persone, vedere oltre ciò che mostrano. La sua amicizia con il cugino Piero sarà messa a dura prova dalla storia d’amore tra il ragazzo e Marta, una giovane bellissima ma problematica. Infatti, ben presto, la situazione precipita a causa sua e Piero verrà coinvolto, suo malgrado, in una rapina i cui risvolti gli apriranno le porte del carcere. Giulia, che ha sempre sognato di fare la detective da quando era piccola, decide di scoprire lei stessa la verità per dimostrare l’innocenza del cugino a cui nessuno sembra credere. Per fare questo, trova la forza e ispirazione nel suo personaggio giallo preferito, la Detective Ramona (Claudia Gerini), protagonista di Occhio Privato, la serie più amata da Giulia. Quando Giulia incontrerà per caso il suo idolo, sarà proprio la sua iconica frase "Niente che una buona indagine non possa risolvere!" a spingerla a investigare, accompagnata dai fedeli amici. Tra fughe rocambolesche e tragicomiche, momenti toccanti e significativi, la storia, in un crescendo ironico, si risolverà con l’innocenza di Piero e la cattura del vero responsabile. Una storia coinvolgente e piacevole, che parla di amicizia e di legami familiari che non si disgregano di fronte alle difficoltà ma si rafforzano facendo riaffiorare ciò che si è creduto perso.

 

[Per guardare il video musicale clicca sull'immagine in alto]

 

Giampaolo Letta, amministratore delegato di Medusa, sottolinea: "Lo spirito di collaborazione con cui tutti hanno aderito al progetto nato per caso da un incontro con Daniela Alleruzzo e dall'impatto dei giovani attori che ho visto a teatro e mi hanno conquistato".

La giovane ed entusiasta protagonista Emanuela Annini parla del messaggio importante veicolato dal film affermando che: "Le famiglie che hanno figli disabili ce la possono fare, come ce l’ho fatta io!".

Claudia Gerini descrive il progetto come: "Un’utopia che può sfondare qualche muro. La produzione è riuscita a tirar fuori il meglio e ora bisognerebbe portarlo in giro nelle scuole, farlo vedere il più possibile".

Letta ha accennato ad una potenziale serie tv ("Per ora Mediaset ha comprato i diritti tv, ma non neghiamo di aver pensato anche alla serialità, vedremo.") e promette un prolungamento della programmazione nelle sale: "Se i risultati ci daranno ragione".

 

ELENCO SALE

 

 

 

[Per guardare il video backstage del film clicca sull'immagine in alto]

 

 

 

 

PROSEGUI LA LETTURA

Detective per caso: il trailer della commedia é stato pubblicato su Cineblog.it alle 14:37 di Monday 18 March 2019

]]>
0
Un viaggio indimenticabile con Nick Nolte e Matt Dillon Mon, 18 Mar 2019 13:00:54 +0000 http://www.cineblog.it/post/900580/un-viaggio-indimenticabile-trailer-italiano-del-remake-con-nick-nolte-e-matt-dillon http://www.cineblog.it/post/900580/un-viaggio-indimenticabile-trailer-italiano-del-remake-con-nick-nolte-e-matt-dillon Pietro Ferraro Pietro Ferraro

[Per visionare il trailer clicca sull'immagine in alto]

 

Il 21 marzo arriva nelle sale italiane, con Warner Bros., il dramma Un viaggio indimenticabile (Head Full of Honey) interpretato dal pluri-nominato all’Oscar Nick Nolte nei panni di Amadeus, un uomo da poco rimasto vedovo la cui forte personalità, il fascino e il senso dell’umorismo non sono sufficienti a mascherare i devastanti sintomi dell’Alzheimer. Scritto e diretto dall’acclamato attore e cineasta tedesco Til Schweiger, e basato sul suo precedente film tedesco di successo, questo commovente dramma generazionale segna il debutto alla regia di Schweiger in lingua inglese.

 

La trama ufficiale:

 

Non essendo più in grado di vivere da solo, Amadeus a malincuore si trasferisce dal figlio Nick (il candidato all’Oscar Matt Dillon) che vive con la moglie Sarah (Emily Mortimer) – una coppia che ha a che fare con i propri problemi – e la loro vivace figlioletta di 10 anni, Tilda (l’esordiente Sophia Lane Nolte), alle porte di Londra. Lì, nonostante lo sconvolgimento e il caos che derivano dall’arrivo di Amadeus in un clima familiare già teso, tra il nonno e la nipotina si instaura un legame speciale. La pazienza e l’affetto di Tilda per Amadeus diventano il suo più forte legame con la vita e la persona che era. Quando Amadeus esprime il profondo desiderio di rivisitare i luoghi dei suoi ricordi più belli, Tilda prende una decisione coraggiosa. Sfuggendo ai suoi genitori, lo accompagna in un imprevedibile viaggio a Venezia, che trasformerà non solo le loro vite, ma l’intera famiglia.

 

 

“Un viaggio indimenticabile” ha come protagonisti anche Jacqueline Bisset e Greta Scacchi, così come Eric Roberts, Julian Ovenden, Til Schweiger, Jake Weber, Joplin Sibtain, Claire Forlani, Emily Cox, Costa Ronin, Max Befort, Toni Garrn, Leigh Gill, Anna-Lea Mende, Alistair Brammer, Rossano Rubicondi, Giampiero Judica, Dominic Coleman, Simone Spinazzè, Luca Ribezzo, e Jo Ashe.

La sceneggiatura è di Til Schweiger, Lo Malinke e Jojo Moyes, basata sul film “Honig im Kopf”, scritto da Hilly Martinek e Til Schweiger, e diretto da Schweiger. “Un viaggio indimenticabile” è prodotto da Schweiger e Christian Specht, con Kimberly Hines in veste di produttore esecutivo.

Il team di realizzatori include René Richter come direttore della fotografia; Isabel von Forster come scenografa; Christoph Strothjohan e Til Schweiger come montatori, e Metin Misdik come costumista. La musica è composta da Martin Todsharow, e da Diego con Nora e Lionel Baldenweg.

 

 

 

 

PROSEGUI LA LETTURA

Un viaggio indimenticabile con Nick Nolte e Matt Dillon é stato pubblicato su Cineblog.it alle 13:00 di Monday 18 March 2019

]]>
0
Selvaggia Lucarelli: "Volevano vendere un video in cui faccio sesso, ma non sono io" Mon, 18 Mar 2019 11:36:44 +0000 http://www.gossipblog.it/post/596358/selvaggia-lucarelli-video-in-cui-facevo-sesso-non-sono-io http://www.gossipblog.it/post/596358/selvaggia-lucarelli-video-in-cui-facevo-sesso-non-sono-io Massimo Galanto Massimo Galanto

In un'intervista concessa al quotidiano La Verità per commentare la vicenda Giulia Sarti, le cui foto scattate in alcuni momenti di intimità sono in circolazione, Selvaggia Lucarelli ha raccontato per la prima volta un episodio che la riguarda ("mi è tornato in mente in queste ore") :

Un giorno, anni fa, mi arrivò una telefonata da Lele Mora: 'Guarda che c'è un tizio che ha un video in cui tu fai sesso e sta cercando di venderlo in giro. Il primo impulso, che non riuscii a trattenere, fu quello di scoppiare a piangere. Mi fece coraggio, indagai, provai a risalire la catena; chiesi chi fosse il tipo, lo individuai, e solo così, dopo giorni di angoscia, ebbi la certezza che la ragazza del video non fossi io.

La giornalista de Il Fatto quotidiano, da sabato 30 marzo di nuovo nella giuria di Ballando con le stelle, ha poi svelato di aver ricevuto già nell'ottobre 2016 "un messaggio da un ragazzo che mi diceva che esisteva una cartella dropbox, chiamata 'la Bibbia'. Mi scrisse: 'Dentro questo file ci sono cinque foto di Giulia Sarti', la deputata del Movimento 5 Stelle. Foto "più esplicite" di quelle in circolazione in questi giorni, "ma non entro nei dettagli".

Cosa fece allora Lucarelli?

Chiamai Marco Travaglio e gli chiesi il numero della Sarti, per avvisarla direttamente. Le mandai un messaggio, ma non mi rispose mai. Capisco che possa dare fastidio anche parlarne: rispettai la sua libertà.

PROSEGUI LA LETTURA

Selvaggia Lucarelli: "Volevano vendere un video in cui faccio sesso, ma non sono io" é stato pubblicato su Gossipblog.it alle 11:36 di Monday 18 March 2019

]]>
0
Henger vs. Marcuzzi: “Disposta a tutto per il successo" Mon, 18 Mar 2019 10:11:29 +0000 http://www.gossipblog.it/post/596354/eva-henger-vs-alessia-marcuzzi-donna-fredda http://www.gossipblog.it/post/596354/eva-henger-vs-alessia-marcuzzi-donna-fredda dr. apocalypse dr. apocalypse

Che tra le due non scorra buon sangue è cosa nota, ma l'ultimo attacco di Eva Henger ad Alessia Marcuzzi fa indubbiamente rumore. L'ex isolana è infatti tornata a criticare la conduttrice Mediaset, dalle pagine di Nuovo Tv, cavalcando l'ormai celebre polemica per il video di Fabrizio Corona a Riccardo Fogli.

“L’avevo detto io che Alessia Marcuzzi non è come sembra. È disposta a tutto per l’audience. Non ha guardato in faccia a nessuno pur di fare audience. E pensare che Fogli è un amico di famiglia: lo conosce benissimo visto che è stata fidanzata per tanti anni con Francesco, il figlio di Roby Facchinetti. La Marcuzzi doveva rifiutarsi di trasmettere il video di Corona. Fogli si era già sentito male in settimana: con quell’attacco poteva rischiare l’infarto. Non vorranno mica farci credere che la Marcuzzi volesse fargli un piacere mostrandogli le offese di Corona? Secondo me Alessia è solo una persona fredda, disposta a tutto per il successo. Con questo caso speravano di ricreare il clamore del canna gate: ormai l’Isola è diventato un programma scandalistico”. “Non ha alcuna giustificazione. Penso che già l’anno scorso il pubblico abbia intuito che la Marcuzzi non è una persona obiettiva: quando è punta nel vivo aggredisce, urla e fa come le pare. Ma poi come può sorridere di fronte a un amico in difficoltà, cui stavano toccando gli affetti più cari? La Marcuzzi avrebbe dovuto dissociarsi come hanno fatto le due opinioniste in studio. Erano disperati perché il programma è andato malissimo, ma facendo così hanno perso ancor più credibilità. Gli autori creano i polveroni, dal canna gate al caso Fogli, ma poi sono incapaci di gestire la situazione. Questo però non significa che la Marcuzzi non c’entri: non firma come autrice, però da conduttrice doveva rifiutarsi di accettare un giochino simile. Con la perdita della credibilità totale della Marcuzzi penso che la rete valuterà il da farsi. Ormai mancano poche puntate: chi sarebbe disposto ad accettare un’Isola così disastrosa? Penso che nessuno vorrebbe farlo e solo una conduttrice come Simona Ventura potrebbe riuscire nell’impresa di risollevare un po’ gli ascolti. Mi chiedo se vedremo mai più una nuova edizione”.

Parole di fuoco, quelle della Henger, da oltre un anno sempre in prima linea nell'attaccare la conduttrice dell'Isola dei Famosi. E non è finita qui.

“Il pubblico ormai ha capito che persona è la Marcuzzi. Lei, che è mamma, non aveva tutelato mia figlia Jennifer, di nove anni, minacciata dai fan di Monte, né ha tutelato la figlia di Riccardo Fogli, che ne ha solo 6. L’anno scorso mia figlia era sveglia quando è scoppiato il canna gate e ha visto tutto il polverone che mi ha coinvolta. Spero che la bambina di Riccardo Fogli non abbia visto il suo papà piangere disperato mentre gli dicevano che la moglie lo tradisce”.

PROSEGUI LA LETTURA

Henger vs. Marcuzzi: “Disposta a tutto per il successo" é stato pubblicato su Gossipblog.it alle 10:11 di Monday 18 March 2019

]]>
0
Isola dei famosi 2019 Mon, 18 Mar 2019 16:34:12 +0000 http://www.gossipblog.it/post/596384/isola-dei-famosi-2019-puntata-daytime-18-marzo http://www.gossipblog.it/post/596384/isola-dei-famosi-2019-puntata-daytime-18-marzo Sebastiano Cascone Sebastiano Cascone

Paolo Brosio, dopo 40 giorni in Honduras, cattura, per la prima volta, un pesce. I suoi compagni di spedizione sono Marco Maddaloni e Aaron Nielsen. Il giornalista, colto da un momento di euforia,denuda il figlio della Nielsen battendogli le chiappe con le mani.

Luca (confidandosi con Marina La Rosa) sospetta che Soleil abbia nascosto mezzo cocco nella sua maglietta decidendo, poi, la ripartizione per gli altri naufraghi.

Maddaloni: Mi hanno quadrato Soleil e Sarah dicendomi: "Non è marcio?!". E, poi, magicamente l'hanno diviso con tutti".

Luca: "Sono tutte e tre complici. Avevo detto a Sarah di non farmi trascinare da Soleil. Secondo me, sta cadendo in alcuni suoi giochetti."

Marina: "Noto che c'è un po' di tensione tra i vari gruppi"

Sarah: "Soleil mi dà questo sprint, è sul pezzo. La mia Isola la finirò in bellezza".

Soleil piange dallo sconforto perché sente la mancanza di Jeremias Rodriguez. Si rifugia tra le braccia dell'Altobello:

E' difficilmente riempire questi momenti. Non vedo l'ora di poter tornare per condividere questo affetto che fatico ad esprimere alle persone che amo".

Kaspar e Bettarini perdono il coltello durante una traversata in mare per recuperare del legno. Fà un'espressione del viso che turba visibilmente Stefano:

Stefano: "Non devi farmi il processo alle intenzioni, io non ti ho detto un caxxo".

PROSEGUI LA LETTURA

Isola dei famosi 2019 é stato pubblicato su Gossipblog.it alle 16:34 di Monday 18 March 2019

]]>
0
Psicologia: guardandoti negli occhi posso scoprire se hai capito davvero Mon, 18 Mar 2019 13:00:16 +0000 http://www.benessereblog.it/post/188796/psicologia-guardandoti-negli-occhi-posso-scoprire-se-hai-capito-davvero http://www.benessereblog.it/post/188796/psicologia-guardandoti-negli-occhi-posso-scoprire-se-hai-capito-davvero Maria Vasta Maria Vasta

occhi

È possibile capire se una persona ha davvero compreso ciò che stiamo dicendo? A rispondere a questa domanda è un nuovo studio pubblicato sul Journal of Vision, i cui autori hanno cercato di scoprire se sia possibile determinare ciò che le persone apprendono, e come imparano, analizzando solo i comportamenti anticipatori. I risultati dello studio suggeriscono che il comportamento anticipatorio in certi casi può fornire informazioni in merito all'apprendimento.

Questi risultati aprono le porte a sviluppi futuri per lo studio dell'apprendimento nelle persone che forniscono risposte non affidabili a stimoli esterni, come ad esempio i bambini o gli individui affetti da disturbi fisici o mentali, per i quali può essere più difficoltoso riuscire a valutare il grado di attenzione e comprensione.

Ma come è possibile scoprire se una persona sta imparando e assimilando delle informazioni utili? La risposta, secondo gli autori, è che potrebbe essere utile osservare i movimenti oculari preparatori e inconsci, poiché proprio questi offrono una finestra sul processo di apprendimento. Un movimento oculare molto piccolo (identificato mediante eye tracking) si è infatti rivelato estremamente informativo, poiché permette di dedurre che il cervello può prepararsi in anticipo, una volta appreso un dato. Ciò permette di isolare uno stato mentale che si registra prima che si manifestino le risposte 'normali' che vengono innescate da stimoli esterni (come ad esempio le risposte verbali).

L'interrelazione tra apprendimento e predizione è un argomento che suscita molto interesse trasversalmente, non solo nella comunità scientifica, e che tocca aree che possono essere molto vicine alla nostra vita quotidiana. Ad esempio, vengono già fatti grandi investimenti in settori come la pubblicità e l'intrattenimento online, che mirano a studiare i movimenti oculari delle persone e come questi possono prevedere i comportamenti e la memoria. Identificare una firma anticipatoria nei movimenti oculari può far avanzare anche quelle aree.

via | Eurekalert
Foto da Pixabay

PROSEGUI LA LETTURA

Psicologia: guardandoti negli occhi posso scoprire se hai capito davvero é stato pubblicato su Benessereblog.it alle 13:00 di Monday 18 March 2019

]]>
0
Pizza di Pasqua dolce viterbese, la ricetta Mon, 18 Mar 2019 10:00:14 +0000 http://www.gustoblog.it/post/228042/pizza-di-pasqua-dolce-viterbese-la-ricetta-tradizionale http://www.gustoblog.it/post/228042/pizza-di-pasqua-dolce-viterbese-la-ricetta-tradizionale Roberta F. Roberta F.

Pizza di Pasqua dolce viterbese, la ricetta tradizionale La pizza di Pasqua dolce viterbese è solo una delle tante ricette tradizionali pasquali che rendono ancora più dolce la festività.

La pizza di Pasqua civitavecchiese e quella marsicana non sono che due esempi, senza citare anche la crescia - o pizza cresciuta - dolce di Pasqua marchigiana: tutte varianti sul tema.

Più che di pizze, si tratta quasi di brioche dolci adatte alla colazione di Pasqua da accompagnare a piacere con latte, caffè e confetture, o con salumi e formaggi.

Come fare la pizza di Pasqua dolce è presto detto: seguite la ricetta che trovate sotto rispettando i tempi di lievitazione - che sono fondamentali per la buona riuscita - ed andrete sul sicuro. La pizza va cotta dapprima ad una temperatura di 150 gradi, salvo poi aumentarla a 180 per la seconda parte della cottura. Buon lavoro!

Ingredienti


(dose per tre pizze)
580 gr di farina
200 gr di zucchero
2 uova, più 1 per lucidare
1 bustina di lievito di birra liofilizzato
170 ml dilatte
cannella qb
poco Cognac
1 limone grattugiato
1 arancia grattugiato
50 gr di olio

Procedimento

Fate scaldare il latte senza portarlo a bollore quindi, una volta tiepido, unite il lievito di birra e fatelo sciogliere bene. Unite poca farina, tanta quanta ne basta per ottenere un impasto morbido e mettetelo a lievitare, al coperto, per circa 15 minuti.

Nel frattempo mescolate il resto degli ingredienti in una ciotola capiente e, trascorsi i 15 minuti, aggiungete anche il lievitino. Ottenuto un impasto omogeneo, elastico e privo di grumi, ungete lo stampo con burro o strutto a piacere, quindi versate al suo interno il composto: dovrà arrivare a metà altezza dello stampo.

Fate lievitare per 4-5 ore, o fino a quando l'impasto non sarà arrivato al bordo. Spennellate la superficie con un uovo sbattuto con delicatezza e trasferite la pizza dolce all'interno del forno già caldo alla temperatura di 150°C per i primi 30 minuti quindi a 180°C per altri 30.

Photo | iStock

PROSEGUI LA LETTURA

Pizza di Pasqua dolce viterbese, la ricetta é stato pubblicato su Gustoblog.it alle 10:00 di Monday 18 March 2019

]]>
0
Perché il 19 marzo si celebra la Festa del papà? Mon, 18 Mar 2019 08:30:25 +0000 http://www.bebeblog.it/post/216950/19-marzo-festa-del-papa http://www.bebeblog.it/post/216950/19-marzo-festa-del-papa Valentina Rorato Valentina Rorato

Non c’è bambino che non attenda con gioia la Festa del papà. È una giornata per ricordare quanto sono importanti gli uomini nella vita dei bambini, ma anche per sottolineare l’importanza della paternità, che spesso viene messa in secondo piano rispetto alla maternità, relegando l’accudimento dei figli sempre e solo alla mamma. Questa mentalità nel 2019 deve essere superata e sicuramente il 19 marzo può essere d’aiuto.

In Italia come in tutti i Paesi di tradizione cattolica (pensiamo a Spagna e Portogallo) la Festa del papà cade il 19 marzo perché si ricorda il papà per eccellenza, San Giuseppe, il padre di Gesù, che ha tenuto unito la famiglia e ha difeso la sua sposa incinta. Nella storia, i primi a festeggiare questa ricorrenza sono stati i monaci benedettini nel 1030, seguiti dai Servi di Maria nel 1324 e dai Francescani nel 1399.

In Italia diventa una festa nazionale e civile dal 1968 al 1977. C’è stato un periodo in cui era prevista anche la chiusura delle scuole. Nel 2008 sono stati proposti alcuni disegni di legge per il ripristino di alcune festività soppresse come quella di San Giuseppe, ma la celebrazione non è vincolante per il calendario scolastico.

Ricordate dunque di festeggiare il vostro papà, magari con un bel regalo o preparando un dolce tipico della tradizione.

PROSEGUI LA LETTURA

Perché il 19 marzo si celebra la Festa del papà? é stato pubblicato su Bebeblog.it alle 08:30 di Monday 18 March 2019

]]>
0
Zingaretti: "Flat tax estesa? Bufala da paperoni" Mon, 18 Mar 2019 12:13:17 +0000 http://www.polisblog.it/post/428457/flax-famiglie-della-lega-tutti-contro-salvini http://www.polisblog.it/post/428457/flax-famiglie-della-lega-tutti-contro-salvini redazione Blogo.it redazione Blogo.it

Nicola Zingaretti flat tax famiglie bufala

La flax tax per le famiglie proposta dalla Lega altro non è che "una bufala da paperoni, serve progressività". A parlare in questi termini di quella che per i critici è l’ultima promessa elettoralistica del Carroccio è Nicola Zingaretti, il neo segretario del Partito Democratico, fresco di proclamazione.

Dice Zingaretti: "Vedo un governo che sta diventando pericoloso per l'Italia. Il Paese non si governa con i ni". A Radio Capital il segretario dem parla anche di elezioni europee e azzarda una previsione: "Un sorpasso sul M5S alle Europee? È possibile. Conto di recuperare tantissimo elettorato che abbiamo perso per strada" grazie "al candidato o candidata più forte". Secondo il governatore del Lazio: "Il nuovo bipolarismo sarà tra il nuovo centrosinistra e la destra molto di destra".

Per quanto riguarda la flat tax famiglie, Matteo Salvini ha ribadito nelle ultime ore che dalla simulazione del Tesoro sono venuti fuori dei "numeri strampalati... non siamo al superenalotto". Per i tecnici di Via XX settembre la flat tax proposta dalla Lega costerebbe la bellezza di 60 miliardi di euro, praticamente tre finanziarie. Salvini, incurante delle critiche arrivate anche da Forza Italia, spiega: "Per la prima fase bastano tra i 12 e i 15 miliardi per un abbattimento fiscale a tante persone. Con 15 miliardi sarebbe una rivoluzione epocale".

Contro la rivoluzione fiscale leghista si scaglia anche la ministra per il Sud Barbara Lezzi: "La flat tax costa 60 miliardi di euro e il nostro Paese non se li può permettere, dunque è una promessa che non si può mantenere" dice l’esponente pentastellata a Radio 24. "Vogliamo rivedere le aliquote fiscali, ma il principio costituzionale deve rimanere fermo. La progressività, a mio avviso, non può essere aggirata. Per la Lega non si tratta di 60 miliardi per il Mef invece sì, e non credo che il Mef si sbagli" conclude Lezzi.

Flat tax autonomi, chi ci guadagna

PROSEGUI LA LETTURA

Zingaretti: "Flat tax estesa? Bufala da paperoni" é stato pubblicato su Polisblog.it alle 12:13 di Monday 18 March 2019

]]>
0
Cristiano Ronaldo, la Uefa ha aperto un'inchiesta per il gestaccio 'alla Simeone' Mon, 18 Mar 2019 15:19:32 +0000 http://www.calcioblog.it/post/771673/cristiano-ronaldo-la-uefa-ha-aperto-uninchiesta-per-il-gestaccio-alla-simeone http://www.calcioblog.it/post/771673/cristiano-ronaldo-la-uefa-ha-aperto-uninchiesta-per-il-gestaccio-alla-simeone Redazione CalcioBlog Redazione CalcioBlog

Alla fine la Uefa ha rotto gli indugi ed ha aperto un'inchiesta su Cristiano Ronaldo, al fine di valutare la sua condotta al termine di Juventus-Atletico Madrid di martedì scorso. Come noto i bianconeri hanno vinto 3-0 grazie ad una tripletta dello stesso Ronaldo, con la quale hanno ribaltato la sconfitta per 2-0 dell'andata. Nel match giocato al Wanda Metropolitano Diego Simeone si è esibito in un'esultanza non particolarmente educata dopo il gol dell'1-0 segnato da Godin.

L'allenatore dell'Atletico si è girato verso la tribuna ed ha mostrato a tutti 'los huevos'. Il gesto di Simeone non è necessariamente interpretabile come un'offesa nei confronti degli avversari e la Uefa ha deciso di multarlo, senza impedirgli di guidare la sua squadra dalla panchina nella partita di ritorno.

Lo stesso non si può dire di Ronaldo. Il portoghese è stato preso di mira dal pubblico del Wanda Metropolitano; niente di straordinario considerata la lunga militanza nel Real Madrid e i tanti gol segnati all'Atletico. Alla fine del match di Torino ha deciso di replicare il gesto di Simeone e l'ha fatto due volte: una verso il settore ovest dello Stadium e una verso il settore ospiti.

Quella del portoghese è stata oggettivamente una provocazione nei confronti della tifoseria avversaria; un gesto certamente evitabile perché mai i giocatori e gli allenatori dovrebbero interagire con la tifoseria della squadra avversaria per evitare qualsiasi tipo di tensione. Per questo motivo si è subito ipotizzata l'ipotesi di una squalifica per Ronaldo, eppure non sarà così.

La Uefa ha infatti contestato a Ronaldo la violazione di due commi dell'articolo 11 previsto per i tesserati; "la cui condotta viola le norme della decente condotta" e "la cui condotta scredita lo sport, il calcio e la UEFA". Per queste fattispecie non è prevista la squalifica come pena, motivo per il quale Ronaldo verrà punito solo con una multa, magari più salata di quella comminata a Simeone. Per il doppio confronto con l'Ajax la Juve non dovrà fare a meno del suo fuoriclasse.

PROSEGUI LA LETTURA

Cristiano Ronaldo, la Uefa ha aperto un'inchiesta per il gestaccio 'alla Simeone' é stato pubblicato su Calcioblog.it alle 15:19 di Monday 18 March 2019

]]>
0
MotoGP e SBK, Ducati fra trionfi e polemiche Mon, 18 Mar 2019 10:00:53 +0000 http://www.motoblog.it/post/955974/motogp-e-sbk-ducati-fra-trionfi-e-polemiche http://www.motoblog.it/post/955974/motogp-e-sbk-ducati-fra-trionfi-e-polemiche Massimo Falcioni Massimo Falcioni

MotoGP e SBK, Ducati fra trionfi e polemiche

I due massimi campionati di velocità sono iniziati con il vento in poppa per Ducati, trionfatrice con Dovizioso nel primo round MotoGP a Losail e con il “cappotto” in SBK, dove Bautista sulla inedita V4 ha dominato le prime sei corse dei GP in Australia e in Thailandia.

Mai prima d’ora, i due mondiali riservati ai prototipi e alle derivate, si erano avviati in modo così favorevole per la Casa di Borgo Panigale. Niente avviene a caso. Questi successi dimostrano la bontà del progetto racing Ducati, tanto più valido perché gli avversari sono il fior fiore dell’industria motociclistica mondiale. Anche in questo caso la medaglia ha due facce, con la vittoria di Dovizioso a Losail “sub judice” per i reclami di Aprilia, Honda, Suzuki, Ktm e con i sei centri su sei di Bautista non privi di polemiche e di interrogativi. Diciamo subito che quel che conta è il responso della pista e quindi tanto di cappello alla Casa bolognese, al suo staff e ai suoi piloti per quanto fatto fin ora.

dovizioso_2019_ducati.jpg

Caso mai il limite sta nel promoter dei due campionati e nella Fim impegnati nel ginepraio di regolamenti arzigogolati ad uso e consumo dello show pro business. Se in MotoGP si rischia di passare dalle corse in pista alle corse nei tribunali è evidente che in questo motociclismo iper tecnologico tutto immagine e tutto business c’è qualcosa che non va alla radice. Idem in SBK dove serve il mago dei maghi per non essere travolti da regolamenti tecnici che definire farlocchi è poco. Ducati non ha nessuna colpa: a Dall’Igna e soci va caso mai riconosciuto di essersi districati bene nel caos dei regolamenti e di averli interpretati come nessun altro, ovviamente a proprio favore facendo “marameo” agli avversari, con le pive nel sacco. Tutto bene, tutto qui? No.

Sulla bega dello spoiler montato sulla ruota posteriore della Ducati del Dovi ritenuto irregolare dalle altre Case (solo Yamaha si è astenuta), dopo ricorsi e contro ricorsi, deciderà la cosiddetta corte d’appello della Fim entro pochi giorni, comunque prima del prossimo GP dell’Argentina a Termas de Rio Hondo del 31 marzo. Qualunque sarà la decisione, ci saranno mugugni e scontenti, avviando una spirale di rivalse da “caccia alle streghe” già anticipata dall’Ing. Dall’Igna pronto al ricorso contro Honda per le sue “alette” … pericolose.

Ping-pong di carte bollate dove a perdere la faccia sarà la Dorna-Fim con l’immagine del motociclismo deteriorata, alla guisa di carnevalata. Ancora peggio in SBK. Nelle prime sei gare non c’è stata storia con la inedita Rossa V4 dell’entrante Bautista ex MotoGP, imprendibile, con disarmante superiorità.

Di fatto, si sta ripetendo quanto visto nelle ultime quattro stagioni, ma al contrario, con un unico dominatore e con gli altri – a parte il secondo – nel ruolo di comprimari. SBK ingarbugliata tecnicamente e scarsa come show. Tagliamo corto sulla mancata lotta al vertice. Bautista è un gran bel manico, già ottimo in MotoGP, subito gran feeling con il nuovo bolide italiano in SBK, ma Rea non è da meno e il suo pesante gap non è dovuto a questioni di manico. Non torniamo su analisi già fatte.

Che succede nei prossimi round sapendo che dalla terza gara ci saranno (forse) i “bonus” Dorna con l’aiutino tecnico a chi sta dietro e con un “freno” per la volpe in fuga? Davvero la scure dei regolamenti spezzerà le ali al missile Rosso di Alvaro rimescolando i bussolotti? Chi lo sa? Fra le “armi” a disposizione di Dorna e Fim, c’è soprattutto quella dell’abbassamento dei giri motore alla moto dominatrice nelle prime gare (quante?).

Il limitatore oggi è così ripartito: Ducati 16.350 giri, Kawasaki 14.600, Bmw 14.900, Honda 14.550, Yamaha 14.700, Suzuki 14.900. E qui ci si perde nel labirinto. Il cosiddetto bonus del pacchetto-giri è assegnato sulla base di un algoritmo dell’inglese Scott Smart direttore tecnico Fim, frutto di parametri da… 007.

MotoGP e SBK, Ducati fra trionfi e polemiche

Ma anche questo è un optional perché dai meandri regolamentari viene fuori la conferma che “qui comando io e solo io”, cioè comanda Dorna che può decidere unilateralmente come e quando intervenire su questi parametri tecnici con l’obiettivo di riportare quell’equilibrio che oggi dopo i primi due round è venuto a mancare. La ciliegina sulla torta è un’altra.

Il taglio dei giri motore non avviene dopo che la moto vincente continua a dominare per tre gare consecutive (o quattro o cinque…) ma sulla base delle prestazioni e dei risultati di tutte le altre moto (della stessa marca). Tradotto: stante l’attuale situazione in pista il “bombone” V4R di Bautista non avrà nessun taglio di giri motore perché le altre Ducati arrancano. Forse è questo il motivo che in Ducati non sono poi così dispiaciuti per lo stentato avvio di Davies, Laverty, Rinaldi. Scandaloso? Chissà. Certo è che anche nel 2018 accadde lo stesso. Allora con il binomio travolgente Rea-Kawasaki e le altre verdone in ... affanno. Che dire?

PROSEGUI LA LETTURA

MotoGP e SBK, Ducati fra trionfi e polemiche é stato pubblicato su Motoblog.it alle 10:00 di Monday 18 March 2019

]]>
0
Ford: tagli in Europa e Gran Bretagna Mon, 18 Mar 2019 13:00:57 +0000 http://www.autoblog.it/post/975230/ford-annunciati-tagli-al-personale-in-europa-e-gran-bretagna http://www.autoblog.it/post/975230/ford-annunciati-tagli-al-personale-in-europa-e-gran-bretagna Alessandro Pinto Alessandro Pinto

Ford

Ford ha annunciato tagli al personale in Germania e Gran Bretagna, alla luce dei deludenti risultati europei emersi nel terzo trimestre finanziario. Nello specifico, saranno circa 5000 i tagli al personale in Germania, compresi i lavoratori con contratto a termine. In Gran Bretagna invece non è stato specificato il numero di lavoratori in esubero. Come specificato da Autocar, il piano rientra nel programma di riduzione dei costi di Ford al fine rendere più profittevoli le attività dei prossimi 5 anni.

La riorganizzazione interesserà anche la gamma, con l'abbandono dei monovolumi in favore dei SUV e l'allargamento della proposta nel settore dei veicoli commerciali. In Germania è già stata annunciata la fine della produzione di C-MAX e di Grand C-MAX, mentre in Francia, a Bordeaux, è stata annunciata la chiusura della fabbrica di ricambi dell'Ovale Blu.

Per il futuro Ford intende sfruttare al massimo l'alleanza siglata con il Gruppo Volkswagen, oltre ad aumentare significativamente il numero di modelli elettrificati nella sua gamma. A partire dalla Ford Focus, in futuro declinata anche in versione mild-hybrid o full-electric. Stesso destino per i veicoli commerciali, come il nuovo Transit previsto per la fine del 2019, o per la sportivissima Mustang, probabilmente proposta sia in versione ibrida sia in versione 100% EV.

PROSEGUI LA LETTURA

Ford: tagli in Europa e Gran Bretagna é stato pubblicato su Autoblog.it alle 13:00 di Monday 18 March 2019

]]>
0
Ferrari Monza SP1 vincitrice dell'iF Gold Award Mon, 18 Mar 2019 09:00:14 +0000 http://www.autoblog.it/post/975196/ferrari-monza-sp1-e-lei-la-vincitrice-dellif-gold-award http://www.autoblog.it/post/975196/ferrari-monza-sp1-e-lei-la-vincitrice-dellif-gold-award Alessandro Pinto Alessandro Pinto

Ferrari Monza SP1

Dopo l'apprezzamento del pubblico del Salone di Parigi 2018, la Ferrari Monza SP1 ha ottenuto anche quello della giuria dell'iF Design Awards 2019, che l'ha decretata vincitrice del premio più prestigioso nella cerimonia che si è tenuta a Monaco di Baviera. Gli appassionati di design sicuramente lo conosceranno, ma per chi non fosse pratico l'iF Design Award è uno dei più importanti riconoscimenti, da 66 anni sinonimo di eccellenza nell’ambito del design.

Nel consegnare il Gold Award, la giuria ha premiato la linea minimalista ed elegante della capostipite di “Icona”, un nuovo concetto di vetture in serie speciale limitata del Cavallino Rampante. Nuovo si, ma dal sapore retrò, visto che a Maranello hanno deciso di riportare sotto i riflettori le celebri barchette anni '50 con una reinterpretazione che abbina lo stile vintage alle più recenti tecnologie.

Per la giuria, la Ferrari Monza SP1, come la biposto SP2, rappresenta infatti la “perfezione classica che non manca di strizzare l’occhio al futuro”, come recita la motivazione del premio. Il risultato è una monoposto stradale riconoscibile per il singolare impianto asimmetrico, il profilo ‘monolitico’ della carrozzeria e la purezza del design che delinea una forma altamente iconica.

A Monaco la Ferrari ha collezionato altri tre Design Award con la Ferrari Portofino, la 488 Pista e la one-off SP38. Sono ulteriori riconoscimenti per il lavoro fatto dal Centro Stile Ferrari diretto da Flavio Manzoni che, nelle vetture di serie così come nelle serie limitate e nel programma one-off, crea soluzioni di design innovative mettendo in stretta sinergia estetica e tecnologia.

PROSEGUI LA LETTURA

Ferrari Monza SP1 vincitrice dell'iF Gold Award é stato pubblicato su Autoblog.it alle 09:00 di Monday 18 March 2019

]]>
0
Seat Leon: foto spia su strada della nuova generazione Mon, 18 Mar 2019 10:00:54 +0000 http://www.autoblog.it/post/975201/seat-leon-foto-spia-su-strada-della-nuova-generazione http://www.autoblog.it/post/975201/seat-leon-foto-spia-su-strada-della-nuova-generazione Tommaso Marcoli Tommaso Marcoli

La nuova generazione di Seat Leon é stata avvistata dai nostri fotografi mentre eseguiva alcuni collaudi su strada. Il veicolo, tuttavia, presentava un'invadente camuffatura che, di fatto, non rendeva visibili le fattezze dell'automobile. L'estetica,comunque, appare arricchita, con linee muscolose ma ben rifinite e nel complesso armoniose, in grado di garantire una certa presenza su strada.

Il frontale presenta un disegno dei fari inedito e molto moderno, così come la zona posteriore appare ora in una conformazione quasi definitiva con gruppi ottici a LED dalla forma triangolare . A cambiare, infine, saranno anche le dimensioni: la nuova Seat Leon sfrutterà la piattaforma MQB del gruppo Volkswagen, che permetterà di aumentare il passo fino a 5 cm, migliorando di molto l'abitabilità.

Al momento, sono ancora pochi i dettagli riguardo ai dati tecnici e alle motorizzazioni disponibili per il veicolo, é comunque molto probabile che la nuova Leon riprenda grosso modo l'offerta di propulsori e configurazioni già disponibile sugli ultimi modelli del colosso di Wolfsburg, senza escludere una possibile variante ibrida.

PROSEGUI LA LETTURA

Seat Leon: foto spia su strada della nuova generazione é stato pubblicato su Autoblog.it alle 10:00 di Monday 18 March 2019

]]>
0
Porsche Taycan: le foto della versione definitiva Mon, 18 Mar 2019 18:00:34 +0000 http://www.autoblog.it/post/975284/porsche-taycan-prime-immagini-della-versione-definitiva http://www.autoblog.it/post/975284/porsche-taycan-prime-immagini-della-versione-definitiva Peppe Croce Peppe Croce



Nuove immagini della Porsche Taycan elettrica, che verrà presentata ufficialmente al pubblico solo a settembre. L'auto elettrica che vediamo in queste foto è molto meno camuffata delle precedenti e con molti nuovi dettagli come l'avanzato sistema di frenata rigenerativa, lo spoiler posteriore retrattile, le maniglie retrattili che ricordano le Tesla.

Nelle foto, pubblicate sul Taycan Forum, appare un'auto molto probabilmente definitiva o quasi e pronta ad andare in produzione. Un passo da gigante rispetto ai bozzetti fatti girare pochi giorni fa. Con uno stile, onestamente, molto più Porsche. Sul parabrezza, la scritta "Soul Electrified", per ricordare a tutti che parliamo di un EV a batteria, il primo della storia di Porsche e di una serie che ha già altri modelli in arrivo, come la Macan elettrica.

Si intuisce, inoltre, una somiglianza all'anteriore con quello di 718 Cayman e Boxster. Al posteriore, invece, spiccano i due gruppi ottici, alimentati da una striscia a LED.


La Porsche elettrica Taycan, come è noto da tempo, verrà proposta in versione berlina 4 porte e (entro l'anno prossimo) anche Cross Turismo.

Sia la versione berlina che la Croos Turismo saranno costruite a partire dalla piattaforma Porsche-Audi PPE, quella che il gruppo Volkswagen ha creato per le auto di alta gamma e prestazioni (sarà condivisa anche con la Audi e-tron GT), mentre il resto della gamma elettrica del gruppo poggerà su piattaforma MEB di VW.

La Taycan avrà un pacco batterie a 800V, avrà la ricarica ultraveloce e sarà lunga 4,8 metri per 1,9 di larghezza, rispettivamente 19 centimetri e 5,3 centimetri in lunghezza e larghezza rispetto all'attuale Panamera con motore termico.

PROSEGUI LA LETTURA

Porsche Taycan: le foto della versione definitiva é stato pubblicato su Autoblog.it alle 18:00 di Monday 18 March 2019

]]>
0
iPhone XI: Ecco come sarà la fotocamera a 3 lenti Mon, 18 Mar 2019 09:50:58 +0000 http://www.melablog.it/post/217470/iphone-xi http://www.melablog.it/post/217470/iphone-xi Giacomo Martiradonna Giacomo Martiradonna


Aggiornamento del 18 marzo 2019

Sul fatto che la prossima generazione di iPhone avrà la fotocamera a 3 lenti sembra non sussistere più alcun dubbio; l'incertezza, semmai, è sul design che adotterà (leggi sotto), e infatti pare che a Cupertino fossero indecisi tra disposizione orizzontale oppure in un quadrato. Una nuova, recente indiscrezione tuttavia sostiene che il modulo a tre lenti adotterà una forma quadrata e sporgente, ma sarà un'esclusiva del successore di iPhone XS Max da 6.5". E questo è niente, se considerate che gli iPhone dell'anno prossimo avranno pure le fotocamere laser.

Ricapitoliamo. I successori di iPhone XS e iPhone XR avranno fotocamere a due lenti come quelle attuali (aumentano solo i megapixel); iPhone XI Max, invece, avrà 3 lenti, di cui una da 10 megapixel, e un'altra da 14 megapixel; mistero invece sulla terza, che però dovrebbe servire a ottenere un campo visivo più ampio, un range di zoom più elevato e in generale un numero superiore di pixel, e dunque di dettagli.

Apple sta lavorando inoltre ad una tecnologia che consentirebbe di utilizzare questi pixel in più per riparare foto e video in modo automatico, così da farvi rientrare "un soggetto che potrebbe essere stato scartato per errore dallo scatto." E tra l'altro, ci sarà una versione migliorata delle Live Photo che porterà a 6 secondi complessivi il video collegato ad ogni fotografia.

La fotocamera frontale TrueDepth passa dagli attuali 7 megapixel a 10 megapixel; infine, non sembra corroborata la possibilità dell'abbandono di Lightning in favore di USB-C.

E secondo i più recenti rumors provenienti dalla catene di produzione in Cina, il design prescelto sarebbe lo stesso del Huawei Mate 20 Pro: un quadrato stondato e estruso dal resto della scocca, in cui alligneranno le tre fotocamere e il flash, in distribuzione assolutamente simmetrica. Esattamente come nell'immagine in cima al post.

La vera sorpresa, tuttavia, è dall'evoluzione prevista per gli anni successivi. Gli iPhone del 2020, infatti, avranno fotocamere 3D laser che restituiranno un'esperienza completamente nuova e più efficace, nel campo della Realtà Aumentata. Grazie ai cosiddetti sensori time-of-flight (ToF), iPhone sarà dunque possibile misurare la distanza dagli oggetti fisici con un raggio laser, il che consentirà a sua volta di ricostruire una mappatura pressoché perfetta dell'ambiente circostante fino a una distanza massima di circa 5 metri. E il primo dispositivo a beneficiare di questa novità sarà iPad Pro, per il quale non sono previsti aggiornamenti durante l'anno in corso.

Possibile design della fotocamera a 3 lenti


Oramai l'andamento dello sviluppo a Cupertino è consolidato. Sappiamo che ad ogni anno in cui ci sono novità importanti sul fronte del design, segue poi sempre un'annata "S" in cui vengono aggiornati solo processore, fotocamera e software. Evoluzione, piuttosto che rivoluzione.

Ovviamente è presto per poter avanzare ipotesi concrete, soprattutto riguardo i particolari estetici del dispositivo in arrivo dopo l'estate del 2019; possiamo anticipare che complessivamente dovrebbe essere un gingillo più sottile (grazie agli sforzi di Samsung), e che non supporterà il 5G; pare che avrà sensori 3D integrati nella fotocamera posteriore, e dunque 3 lenti, ma a livello di resistenza ai liquidi dovremmo essere nella stessa barca di iPhone XS. Di sicuro includerà un processore A13 più potente, e forse potrebbe dire definitivamente addio al 3D Touch.

Per il resto è praticamente un mistero, e ci sono buone probabilità che pure a Cupertino debbano ancora definire diversi dettagli. Ecco perché fa piacere poter dare un'occhiata in anteprima ad iPhone XI grazie ai voli pindarici dei designer.

Il video che vedete qui su è stato messo a punto da Concept Creator, e mostra un telefono in cui la Notch scompare per lasciar posto a due fori nel display, tipo il Huawei Nova 4.

Qui di seguito, invece, trovate una Gallery con tutti i design possibili della fotocamera posteriore. Alcuni la pongono al centro della scocca, in perfetta simmetria, altri la lasciano sul lato ma abbondano con la superficie occupata. Altri ancora, invece, comprimono tutto in un quadratino più piccolo d'un francobollo. A voi quale design piace di più? Diteci la vostra nei commenti, su Twitter o sulla nostra pagina Facebook.

PROSEGUI LA LETTURA

iPhone XI: Ecco come sarà la fotocamera a 3 lenti é stato pubblicato su Melablog.it alle 09:50 di Monday 18 March 2019

]]>
0
Spotify denuncia Apple per monopolio su App Store Mon, 18 Mar 2019 09:00:52 +0000 http://www.melablog.it/post/218878/spotify-apple-ue http://www.melablog.it/post/218878/spotify-apple-ue Giacomo Martiradonna Giacomo Martiradonna


Aggiornamento del 18 marzo 2019

Dopo mesi di inconcludenti tentativi di concertazione, il CEO e fondatore di Spotify Daniel Ek getta la spugna e si scaglia contro la "tassa Apple" che impone di versare il 30% di tutti i guadagni fatti su App Store, diretti e indiretti. Una pratica che costringe la sua società a imporre un abbonamento di 12.99$ al mese per poter rientrare dei 9.99$ che normalmente chiede al di fuori dell'ecosistema della mela. E in seguito a un botta e risposta tra le due società, arriva il J'Accuse pesante come un macigno: su App Store, Apple si comporterebbe come un monopolista.

Atto I

Apple, argomenta Ek, "applica una serie di restrizioni tecniche e di limitazione dell'esperienza" a tutti i suoi competitor, impedendo l'accesso a Siri, HomePod e Apple Watch. Tutte chicche che la mela terrebbe per sé, così da mantenere un distacco perenne e artificioso dalla concorrenza, causando però un danno agli utenti. Per queste ragioni, Spotify ha denunciato Cupertino alla Commissione Europea, avanzando tre richieste formali:


  • 1. "Le app dovrebbero essere in grado di competere sul merito, e non sulla proprietà dell'App Store. Dovremmo tutti essere soggetti allo stesso set di regole eque e restrizioni, incluso Apple Music."

  • 2. "I consumatori dovrebbero avere una scelta reale sulle modalità di pagamento, e non essere 'bloccati' o forzati ad usare sistemi con tariffe discriminatorie come quelle di Apple."

  • 3."Infine, agli App store non dovrebbe essere consentito di controllare le comunicazioni tra servizi e utenti, incluse restrizioni ingiuste sul marketing e sulle promozioni che vanno a vantaggio dei consumatori."

Atto II


La risposta di Apple non si è fatta attendere, e in una lunga missiva, accusa l'altra di "retorica fuorviante." Spotify, si legge, "cerca di mantenere tutti i benefici dell'ecosistema App Store, inclusi i guadagni importanti che derivano dai clienti dell'App Store, senza contribuire alla sussistenza del marketplace." E c'è pure la stoccatina finale, sugli "scarsi contributi" che Spotify fa ad artisti, musicisti e autori, laddove Apple "supporta gli sviluppatori indipendenti, i musicisti, gli autori e i creatori di tutti i generi."

Infine, la chiosa. "Spotify non sarebbe nel business in cui è oggi se non fosse per l'ecosistema App Store, e ora stanno avvantaggiandosi della loro grandezza per evitare di contribuire a mantenere l'ecosistema per la prossima generazione di imprenditori software. Pensiamo che sia sbagliato."

Al momento, le politiche dell'App Store impongono agli sviluppatori di versare il 30% dei guadagni ad Apple; percentuale che scende al 15% negli anni successivi.

Aggiornamento, la risposta di Spotify

Quelli di Spotify non sembrano sorpresi della risposta ricevuta da Apple, e hanno rincarato la dose:

Ogni monopolista suggerirà di non aver fatto nulla di male, e dirà di avere sempre a cuore gli interessi di utenti e competitor. In questo senso, il responso di Apple alla nostra denuncia in seno alla Commissione Europea non è nuovo ed è perfettamente in linea con le nostre aspettative.

L'abbiamo denunciata perché le azioni di Apple danneggiano la concorrenza e i consumatori, e sono in chiara violazione della legge. Ciò è evidente quando Apple specifica che gli utenti su iOS sono clienti Apple e non clienti Spotify, il che ci porta al cuore della questione. Rispettiamo il processo che porterà la UE a fare le proprie valutazioni."

Nel frattempo, Spotify ha lanciato un sito Web autonomo chiamato Time To Play Fair ("È Ora di Giocare Pulito") con cui illustra il problema e spera di sensibilizzare l'opinione pubblica sugli svantaggi che derivano dalla situazione attuale.

PROSEGUI LA LETTURA

Spotify denuncia Apple per monopolio su App Store é stato pubblicato su Melablog.it alle 09:00 di Monday 18 March 2019

]]>
0
Samsung Galaxy Watch Active arriva in Italia Mon, 18 Mar 2019 08:00:08 +0000 http://www.gadgetblog.it/post/198102/samsung-galaxy-watch-active-italia http://www.gadgetblog.it/post/198102/samsung-galaxy-watch-active-italia Filippo Vendrame Filippo Vendrame

Il nuovo smartwatch Samsung Galaxy Watch Active è finalmente disponibile anche in Italia.

Samsung Galaxy Watch Active

Samsung ha annunciato l'arrivo del suo nuovo smartwatch dedicato allo sport, Galaxy Watch Active, presentato lo scorso 20 febbraio in occasione dell’evento Unpacked. La società evidenzia un'interessante promozione legata al debutto del suo indossabile. Acquistando il nuovo Galaxy Watch Active entro il 29 marzo si ha la possibilità di ricevere in omaggio il Samsung Wireless Battery Pack, il comodo caricabatterie portatile che consente di ricaricare i device in modalità wireless.

Per poter usufruire della promozione e ricevere il Samsung Wireless Battery Pack direttamente a casa è sufficiente, dopo aver acquistato Galaxy Watch Active, registrare su Samsung Members il prodotto.

Si ricorda, che il Galaxy Watch Active presenta una linea sportiva che lo rende sottile, leggero e versatile. Il suo design, infatti, punta su discrezione e leggerezza, con un pratico display che consente di visualizzare velocemente tutti i traguardi raggiunti.

Le funzionalità di monitoraggio dell’attività fisica, del sonno e del benessere fanno di Galaxy Watch Active un coach personale in grado di guidare verso il raggiungimento del benessere psico-fisico. Questo dispositivo combina gli aspetti migliori della tradizione Galaxy con funzionalità ottimizzate orientate alla forma fisica e al benessere.

Galaxy Watch Active è compatibile con Android e iOS, offre funzionalità di allenamento in tempo reale, monitoraggio delle attività all’aperto o al chiuso e offre app di terze parti molto utilizzate, come Under Armour, Spotify e Strava. È, inoltre, possibile controllare Galaxy Watch Active usando la voce grazie alle funzionalità vocali di Bixby che permettono di effettuare chiamate o inviare messaggi senza prendere in mano il telefono.

Prezzo di 249 euro.

PROSEGUI LA LETTURA

Samsung Galaxy Watch Active arriva in Italia é stato pubblicato su Gadgetblog.it alle 08:00 di Monday 18 March 2019

]]>
0