it_IT News Blogo.it - Ultime notizie della sezione News Thu, 25 May 2017 08:32:37 +0000 Thu, 25 May 2017 08:32:37 +0000 Zend_Feed_Writer 2 (http://framework.zend.com) http://www.blogo.it/news 2004-2014 Blogo.it Melania Trump "cade" sulla putizza - video Wed, 24 May 2017 17:56:11 +0000 http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/583170/putizza-papa-francesco-melania-trump-video http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/583170/putizza-papa-francesco-melania-trump-video Alessandro Guerra Alessandro Guerra

È stato senza dubbio uno dei frangenti più curiosi dell'incontro tra Papa Francesco e la famiglia Trump.

Nel salutare Melania, Bergoglio ha voluto ricordare le origini slovene della first lady citando uno dei dolci tipici di quella nazione, la potica o "putizza".

Melania Trump però, forse anche a causa di un'incomprensione dovuta alla traduzione, non ha colto il gentile riferimento alle sue terre e ha risposto "pizza?".

La battuta del Pontefice nasce dalla sua passione per questo dolce tipico della Slovenia, si tratta di una specie di ciambella con noci.

PROSEGUI LA LETTURA

Melania Trump "cade" sulla putizza - video é stato pubblicato su Cronacaeattualita.blogosfere.it alle 19:56 di Wednesday 24 May 2017

]]>
0
Londra, massima allerta: aggiunti 1000 soldati Wed, 24 May 2017 18:03:21 +0000 http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/583175/londra-rafforzate-misure-di-sicurezza-attacco-manchester http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/583175/londra-rafforzate-misure-di-sicurezza-attacco-manchester Alessandro Guerra Alessandro Guerra

Continuano a rafforzarsi le misure di sicurezza nel Regno Unito dopo l'attacco di Manchester. Se, sul fronte dell'indagine, vengono registrati oggi nuovi arresti collegati al kamikaze che ha provocato la strage dopo il concerto di Ariana Grande, sul fronte della protezione vengono attivate nuove misure anche a Londra.

Il ministro degli interni Amber Rudd, al termine della riunione del comitato di crisi, ha annunciato che vengono dislocati sulla capitale britannica un migliaio di nuovi soldati.

Per l'esattezza, sono 984 i militari britannici chiamati a proteggere i luoghi più sensibili della metropoli.

Il livello di allerta terrorismo è attualmente al grado più alto, il governo ha annunciato il dispiegamento di forze supplementari in tutta la nazione.

PROSEGUI LA LETTURA

Londra, massima allerta: aggiunti 1000 soldati é stato pubblicato su Cronacaeattualita.blogosfere.it alle 20:03 di Wednesday 24 May 2017

]]>
0
Trafitto al collo da un dardo: miracolo dei medici Wed, 24 May 2017 09:50:16 +0000 http://scienzaesalute.blogosfere.it/post/569869/trafitto-al-collo-da-un-dardo-uomo-salvato-grazie-a-un-intervento-eccezionale http://scienzaesalute.blogosfere.it/post/569869/trafitto-al-collo-da-un-dardo-uomo-salvato-grazie-a-un-intervento-eccezionale Maria Vasta Maria Vasta

Dardo balestra

Un uomo colpito al collo da un dardo è stato salvato grazie a un intervento straordinario. L’uomo si sarebbe ferito mentre puliva la sua balestra, ma è stato fortunatamente salvato dai medici dell’ospedale Molinette della Città della Salute di Torino, che hanno prima svitato la punta della freccia che aveva perforato l’arteria, quindi hanno intubato l’uomo ed hanno suturato l’arteria lesionata. La fortuna dell’uomo, che incredibilmente si è recato presso l’ospedale sulle sue stesse gambe, è stata che il dardo abbia risparmiato la trachea, l'esofago, la laringe e le corde vocali, e che sia passato a un millimetro dalla carotide.

Inoltre, la freccia avrebbe fratturato la sesta vertebra cervicale dell’uomo, ma non ha lesionato il midollo spinale.

Adesso, dopo un’operazione rischiosa e indubbiamente straordinaria, non rimane che attendere che il paziente venga dimesso dall’ospedale.

via | Ansa

PROSEGUI LA LETTURA

Trafitto al collo da un dardo: miracolo dei medici é stato pubblicato su Scienzaesalute.blogosfere.it alle 11:50 di Wednesday 24 May 2017

]]>
0
Strage di migranti: almeno 31 morti, molti i bambini Wed, 24 May 2017 14:04:30 +0000 http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/583150/strage-di-migranti-almeno-31-morti-molti-sono-bambini http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/583150/strage-di-migranti-almeno-31-morti-molti-sono-bambini Fabio Pagano Fabio Pagano

untitled-design.png

E’ un bilancio terribile quello che riguarda l’ennesima strage del Mediterraneo. Un barcone carico di migranti, si stima fossero circa 500, si è ribaltato poco dopo essersi allontanato dal porto libico di Zuara. Non ci sono notizie precise sul perché l’imbarcazione si sia ribaltata. Un’onda anomala o uno spostamento delle persone a bordo sono ugualmente plausibili come ipotesi.

Al momento, con i soccorsi ancora in corso, si può parlare di 200 persone tratte in salvo e di almeno trentuno morti, la maggior parte bambini, restituiti dalle acque. Sul posto si è immediatamente precipitata la nave Fiorillo della Guardia Costiera Italiana coordinata dalla centrale operativa di Roma.

Sul posto ci sono anche diverse unità dell’Ong Moas e un rimorchiatore. Le condizioni del Mediterraneo sono ottime e quindi in questi giorni è previsto un grosso flusso di imbarcazioni che proveranno la traversata partendo dai porti della Libia. La Guardia Costiera ha messo in moto un network di quattordici navi che cercheranno per quanto possibile di evitare inutili sprechi di vite umane.

Il Viminale ha reso noto che al 23 maggio sono poco più di cinquantamila i migranti giunti in Italia con imbarcazioni di fortuna e che poco più del dodici per cento sono minori non accompagnati. I porti coinvolti dagli sbarchi sono siciliani, calabresi e persino il porto di Cagliari.

PROSEGUI LA LETTURA

Strage di migranti: almeno 31 morti, molti i bambini é stato pubblicato su Cronacaeattualita.blogosfere.it alle 16:04 di Wednesday 24 May 2017

]]>
0
Titoli di Stato: aste BTP e CTZ del 26 maggio Wed, 24 May 2017 13:00:14 +0000 http://www.soldiblog.it/post/25853/titoli-di-stato-aste-btp-e-ctz-del-26-maggio-2017 http://www.soldiblog.it/post/25853/titoli-di-stato-aste-btp-e-ctz-del-26-maggio-2017 re.mar. re.mar.

Banche stock titoli di Stato

Il 26 maggio 2017 il Tesoro mette in asta titoli di Stato BTPei, indicizzati all’inflazione dell’area euro, per 750 milioni massimo 1,25 miliardi di euro e Ctz per 3-3,5 miliardi di euro. In dettaglio saranno offerti il BTP in scadenza a maggio 2028, in seconda tranche, a un tasso di interesse reale annuo dell'1,3% pagabile ogni sei mesi (codice Isin: IT0005246134) e la 22esima tranche BTPei settembre 2041 a un tasso di interesse reale del 2,55% annuo (codice Isin: IT0004545890).

Sempre il 26 maggio 2017 si terrà anche l’asta di CTZ a 24 mesi con scadenza: 30 maggio 2019 tramite il meccanismo di collocamento dell’asta marginale, il codice Isin è da attribuire.

Aste BTP e CTZ di oggi 24 aprile 2017

Nelle aste di titoli di Stato BTPei e CTZ di oggi 24 aprile 2017 il Tesoro ha piazzato un BTP a 5 anni, in ottava tranche, indicizzato all'inflazione dell'area euro per 737,55 milioni di euro contro richieste per 1,277 miliardi, a un tasso dello 0,14%, -24 centesimi sull’analoga e precedente emissione.

Il BTPei a 15 anni, in dodicesima tranche, invece è stato venduto per 512,45 milioni con richieste per 983 milioni e un rendimento all’1,36%. I Ctz biennali, in nona tranche e con scadenza 28-12-2018, invece sono stati collocati per un 2 miliardi di euro per una domanda totale di 3,405 miliardi; il tasso resta negativo seppur in aumento di centesimo, a quota -0,075, sull'ultima asta CTZ.

Aste BTP e CTZ 24 aprile | Caratteristiche

Il 24 aprile 2017 il Tesoro mette in asta titoli di Stato BTP e CTZ per un massimo di 3,25 miliardi di euro. In dettaglio saranno offerti due BTP indicizzati all’inflazione europea per 750 milioni-1,25 miliardi di euro. Il primo BTPei maggio 2022 con decorrenza 15 maggio 2016, in ottava tranche è offerto a un tasso di tasso di interesse reale annuo dello 0,1% (codice Isin: IT0005188120). Il secondo BTPei settembre 2032 con decorrenza 15 settembre 2015 è offerto 12esima tranche a un tasso d’interesse reale annuo dell’1,25% (Isin: IT0005138828). Infine il CTZ 24 mesi, in nona tranche con decorrenza 29 novembre 2016 e scadenza 28 dicembre 2018 verone offerto per 1,5 massimo 2 miliardi di euro (codice Isin: IT0005221285).

Asta CTZ del 28 marzo 2017 | Tasso in calo

Nell'asta di CTZ a 24 mesi di oggi 28 marzo 2017 il Tesoro ha assegnato tutto l'ammontare offerto, pari a 2,5 miliardi di euro, con una buona domanda e rendimenti in calo per il titolo di Stato con scadenza 28-12-2018. Il tasso lordo si è attestato a -0,085% contro lo 0,029% registrato nella precedente e analoga asta CTZ a due anni del 23 febbraio scorso. La domanda è arrivata a quota i 4,391 miliardi per un rapporto di copertura in salita a 1,76, da 1,65 precedente.

Asta CTZ del 28 marzo 2017 | Caratteristiche

Il 28 marzo 2017 il Tesoro effettuerà un’asta di CTZ biennali, in settima trance, con decorrenza 29 novembre 2016 e scadenza 28 dicembre 2018 per un'offerta di titoli di Stato che va da un minimo di 2 miliardi a un massimo di 2,5 miliardi di euro. Il codice Isin dell'asta è IT0005221280 e l'importo asta supplementare pari a 375 milioni di euro.

I CTZ vengono collocati con il sistema dell'asta marginale con determinazione discrezionale del prezzo di aggiudicazione e della quantità emessa entro l'intervallo di emissione stabilito. Il Tesoro ha poi comunicato di aver cancellato l’asta dei BTPei prevista pure per il 28 marzo 2017 perché nello stesso mese è già stato emesso via sindacato il nuovo BTP 2028 indicizzato all'inflazione dell'area euro.

Aste BTPei e CTZ di oggi 23 febbraio

Nelle aste di titoli di Stato di oggi 23 febbraio 2017 il Tesoro ha piazzato tutti gli 1,25 miliardi di BTP indicizzati all'inflazione dell’eurozona previsti dall’offerta, in dettaglio: 783,6 milioni di BTP 5 anni 15/05/2022 a un tasso dello 0,37%, -14 centesimi sull’analoga asta precedente, e 466,4 milioni di BTP a 15 anni 15/09/2026 a un rendimento dell'1,17%. Il regolamento delle aste è fissato al 27 febbraio.

Collocati sempre stanati anche 2,5 miliardi di titoli di Stato Ctz a 2 anni un tasso, in aumento, pari allo 0,029%, ciò è +10 punti base rispetto all'asta precedente di titoli zero coupon a 24 mesi. Le richieste hanno curato i 4,1 mld per un rapporto di copertura di 1,65.

Aste BTP e CTZ del 23 febbraio 2017

Il 23 febbraio 2016 si terranno le aste di titoli di Stato BTP indicizzati, per un'offerta oscillante tra 750 milioni e 1,25 miliardi euro, e di CTZ per un massimo di 2,5 miliardi di euro. Per quanto riguarda i primi, più in dettaglio saranno venduti BTP indicizzati all'inflazione europea maggio 2022 con decorrenza 15 maggio 2016, in sesta tranche a un tasso d'interesse reale annuo dello 0,1% (codice ISIN: IT0005188120) e BTP indicizzati settembre 2026 con decorrenza 15 marzo 2011, in 34esima tranche, a un tasso d'interesse reale del 3,1% annuo, pagabile ogni sei mesi (codice Isin: IT0004735152).

I CTZ dicembre 2018 con decorrenza 29 novembre 2016 saranno invece in asta sempre la mattina del 23 febbraio per 2-2,5 miliardi di euro. Il codice ISIN è IT0005221285. I titoli di Stato CTZ sono venduti con il sistema dell'asta marginale con determinazione discrezionale del prezzo di aggiudicazione e della quantità collocata entro l'intervallo di emissione prestabilito.

Aste 26 gennaio 2017 | Tasso sale per il BTP

Nelle aste di titoli di Stato di oggi 26 gennaio 2017 il tasso lordo dei CTZ a 24 mesi è tornato negativo pari -0,071% (da 0,283% dell'analoga asta di novembre); buona comunque la domanda pari a 4,9 miliardi, per un rapporto di copertura di 1,96 (la domanda ha superato di 1,96 volte l'offerta).

In netta crescita invece il rendimento del BTP indicizzato all'inflazione europea settembre 2032: sono stati collocati stamattina 976 milioni di euro del titolo di stato sulla lunga scadenza, quasi il massimo dell'offerta, pari a un miliardo di euro, per un rapporto di copertura di 1,35 e un rendimento lordo dell’1,22%. Il BTPei assicura una cedola reale dell'1,25%.

Aste BTPei e CTZ 26 gennaio 2017

Il Tesoro comunica che il 26 gennaio 2017 si terranno le aste di CTZ con scadenza 28/12/18 (in terza tranche, codice Isin IT0005221285) per un importo compreso tra 2 e 2,5 miliardi di euro e di BTPei con decorrenza 15/9/2015 e scadenza 15/9/2032, in decima tranche, per un importo compreso tra 500mila euro e un miliardo.

I BTP indicizzati all'inflazione dell'Eurozona vengono offerti con un tasso di interesse reale dell'1,25% annuo, pagabile ogni sei mesi (Isin: IT0005138828). Il regolamento di entrambe le aste di titoli di Stato è fissato al 30 gennaio.

Il collocamento dei CTZ avviene come sempre con il meccanismo dell'asta marginale con determinazione discrezionale del prezzo di aggiudicazione e della quantità emessa all'interno dell'intervallo di emissione.

Risultati aste BTPei e CTZ del 25 novembre 2016

Il Tesoro ha piazzato nelle aste di titoli di Stato del 25 novembre 2016 tutti 3,5 miliardi di euro di CTZ biennali previsti dall'offerta con tassi in aumento allo 0,283% per una domanda pari a 5,152 miliardi. Collocati anche 791,7 milioni di di BTPei, indicizzati all'inflazione europea, con scadenza a maggio del 2022 a un tasso dello 0,51%. Buona la domanda pari a 1,365 miliardi. Infine sono stati venduti 414,2 milioni di BTPei con scadenza settembre 2041, a un rendimento dell'1,74% per una domanda di 682,7 milioni di euro.

Titoli di Stato | Aste BTPei e CTZ 25 novembre 2016

Il Ministero dell'Economia e delle Finanze, come comunicato ieri a mercati chiusi, ha reso noti i dettagli delle aste di titoli di Stato del 25 novembre 2016: CTz a 24 mesi per un importo tra 3 e 3,5 miliardi e BTPei, titoli indicizzati all'inflazione dell'area euro, a 5 e 30 anni ognuno dei quali per un importo compreso tra 750 milioni e 1,250 miliardi (in totale 2,5 miliardi massimo).

Per il BTPei maggio 2022 il tasso di interesse reale annuo è dello 0,1% (codice Isin: IT0005188120), per il BTPei settembre 2041, del 2,55% (Isin:IT0004545890). Per i CTZ a due anni l'Isin è da attribuire. Il meccanismo di collocamento usato per i titoli zero coupon sarà quello dell'asta marginale con determinazione discrezionale del prezzo di aggiudicazione e della quantità emessa entro l'intervallo di emissione programmato.

Titoli di Stato | Risultati aste BTPei 26 ottobre

Nelle aste BTPei di oggi 26 ottobre 2016 il Tesoro ha venduto tutti gli 1,5 miliardi di titoli di Stato sulla media e lunga scadenza indicizzati all’inflazione europea.

Il BTPei a 10 anni, con scadenza 15/09/2024, è stato assegnato per 668,5 milioni contro richieste per 1,096 miliardi, a un tasso d'interesse lordo dello 0,29%, per un rapporto di copertura di 1,64. Il BTPei a 15 anni, con scadenza 15/09/2026, è stato invece collocato per 831,5 milioni a un tasso lordo dello 0,51% per un rapporto di copertura di 1,50.

Titoli di Stato | Aste BTPei del 26 ottobre 2016

Il prossimo 26 ottobre il Tesoro offrirà in asta BTPei, titoli di Stato indicizzati all'inflazione europea, a 10 e 15 anni. Il primo con scadenza settembre 2024 e il secondo settembre 2026. I titoli saranno offerti fino a un massimo di 1,5 miliardi di euro. Il Tesoro ha precisato in una nota che non si terrà invece l'emissione di CTZ che era in calendario per questa tornata di aste di fine ottobre.

Titoli di Stato | Aste BTPei e CTZ 27 settembre | Tassi in calo

Il Tesoro nelle aste di titoli di Stato di oggi 27 settembre 2016 ha collocato 3,44 miliardi in CTZ e BTPei. I CTZ con scadenza 2018 sono stati collocati per 2,5 miliardi di euro a un tasso pari a -0,216% da -0,067% dell'analoga asta precedente. Per i Btp 2032 indicizzati all'inflazione europea sono stati assegnati 939 milioni di euro allo 0,63%, 37 punti in meno rispetto all'ultima analoga asta.

Titoli di Stato | Aste BTPei e CTZ 27 settembre 2016

Il 27 settembre 2016 il Tesoro terrà le aste di CTZ e BTPei di fine mese. In dettaglio saranno offerti titoli di Stato con queste caratteristiche: CTz 30 marzo 2016 in settima tranche con scadenza 28 marzo 2018 per 2-2,5 miliardi di euro (codice Isin: IT0005175366) e BTP indicizzati all'inflazione europea, in ottava tranche, per 500 milioni massimo 1 miliardo di euro con decorrenza settembre 2016 e scadenza 15 settembre 2032 a un tasso di interesse reale pari all'1,25% annuo (codice Isin: IT0005138828).

Titoli di Stato | Aste BTPei e CTZ 26 luglio

Buoni risultati nelle aste di titoli di Stato italiani di oggi 26 luglio. Il Tesoro ha piazzato CTZ a un tasso negativo dello 0,15% (-1 punto base) con scadenza 28/03/2018 per 2,5 miliardi contro richieste totali pari a 4 miliardi di euro. Venduti anche BTPei a 5 anni con scadenza 15/05/2022 per 1 miliardo di euro per una domanda pari a 1,625 miliardi di euro e un tasso allo 0,08%, in leggero calo.

Titoli di Stato | Aste BTPei e CTZ 26 luglio 2016

Il 26 luglio prossimo ci sarà l’asta di BTPei, titoli di Stato indicizzati all’inflazione europea, con scadenza il 15 maggio 2022 e decorrenza il 15 maggio 2016, in seconda tranche, per un tasso di interesse reale dello 0,1%. L'ammontare dell'offerta va da 500 milioni a massimo 1 miliardo di euro. Il codice Isin è IT0005188120. L'importo asta supplementare è stato fissato in 150 milioni di euro.

Lo stesso giorno si terrà l'asta di CTZ 24 mesi, in quinta tranche, con decorrenza 30 marzo 2016 e scadenza 28 marzo 2018 per un ammontare dell’emissione compreso tra 2 miliardi e massimo 2,5 miliardi di euro. Il codice Isin dell'asta è IT0005175366, l'importo di quella supplementare è pari a 375 milioni di euro. Il meccanismo di collocamento è quello dell'asta marginale con determinazione discrezionale del prezzo di aggiudicazione e della quantità emessa all'interno dell'intervallo di emissione.

Titoli di Stato | Prima asta BTPei post Brexit

Il Tesoro nell'asta BTPei di oggi 27 giugno 2016 ha collocato titoli di Stato a 15 anni per 692.925.000 con un tasso d'interesse in calo rispetto all'asta precedente, all'1%. Il clima di incertezza post Brexit che si riflette anche questa mattina sul mercato azionario spinge gli investitori a scegliere asset sicuri, con la liquidità che viene spostata quindi verso beni rifugio classici come l'oro e sui titoli di Stato.

Tornando all'asta di stamattina, l'importo offerto era compreso tra 500 mila e 750 mila euro. Buona la domanda, pari a 1,05 miliardi, per un rapporto di copertura di 1,52 (domanda pari a 1,52 volte l'offerta).

Sul mercato secondario il BTP decennale del Tesoro mostra un calo del rendimento all'1,44% per uno spread BTP/Bund a 10 anni che resta ben saldo sopra i 150 punti base, a 153.

Titoli di Stato | Asta BTPei del 27 giugno 2016

Ieri a mercati chiusi il Tesoro ha comunicato che il 27 giugno 2016 ci sarà l'asta del BTP indicizzato, in sesta tranche, settembre 2032, con decorrenza 15 settembre 2015 e scadenza 15 settembre 2032.

Il tasso di interesse annuo lordo riconosciuto è pari all'1,25%. Il codice ISIN: è IT0005138828. Il Ministero dell'Economia e delle Finanze ha altresì comunicato che il 27 giugno non si terrà, come precedentemente preventivano, l'asta di CTZ.

Ieri sul mercato secondario italiano lo spread tra Btp decennale e Bund tedesco equivalente è calato per un differenziale di rendimento che in chiusura si è attestato a 137 punti base, dai 140 punti del giorno prima. Il tasso di rendimento del benchmark del Tesoro è sceso così all'1,44% dall'1,45% precedente.

Asta CTZ 26 maggio 2016 | Tasso a -0,137%

Nell’asta di CTZ a 24 mesi di oggi 26 maggio, terza tranche, sono stati piazzati titoli di Stato per complessivi 2,5 miliardi di euro, il massimo dell’offerta prevista a un tasso lordo sempre negativo, a -0,137 (nuovo minimo storico), in calo rispetto all’ultima analoga asta di marzo quando il rendimento si era attestato a -0,063%. Buona comunque la domanda pari a 4,03 miliardi di euro, per un rapporto di copertura di 1,61, da 1,69 dell’asta di marzo.

Titoli di Stato | Asta CTZ del 26 maggio 2016

Il 26 maggio 2016 il Tesoro terrà l'asta di CTZ a due anni in terza tranche con decorrenza 30 marzo 2016 e scadenza 28 marzo 2018 per un ammontare dell’emissione compresa tra i 2 miliardi e massimo i 2,5 miliardi di euro.

Il codice Isin è IT0005175366 e l'importo dell'asta supplementare è fissato in 375 milioni di euro. I CTZ 24 mesi verranno collocati attraverso il meccanismo dell'asta marginale con la determinazione discrezionale del prezzo di aggiudicazione e della quantità emessa all'interno dell'intervallo di emissione stabilito.

Il Tesoro ha fatto sapere anche che l’asta dei BTP indicizzati all'inflazione, prevista pure per il 26 maggio, non ci sarà perché nel mese è stato già emesso via sindacato il nuovo BTPei 2022.

Titoli di Stato | Asta BTPei 26 aprile 2016 | Tasso 0,48%

Nell'asta di titoli di Stato di oggi 26 aprile 2016 il Tesoro ha collocato BTPei, bond indicizzati all'inflazione europea, con scadenza settembre 2024, per il massimo dell'offerta prevista pari a 750 milioni di euro, a un tasso medio che si è attestato allo 0,48%. Buona la domanda pari a 1,693 miliardi di euro, oltre due volte l'importo offerto.

Titoli di Stato | Asta BTPei del 26 aprile 2016

Martedì 26 aprile 2016 il Tesoro terrà l'asta di BTPei, titoli di stato indicizzati all'inflazione europea, con scadenza 15 settembre 2024. Il titolo obbligazionario a 10 anni, in ventesima tranche, verra offerto per una forchetta compresa tra 500 e 750 milioni di euro a un tasso di interesse reale del 2,35% annuo, pagabile ogni sei mesi.

Il codice Isin dell'emissione è IT0005004426; le domande in asta vanno presentate entro le ore 11 del 26 aprile mentre il regolamento dell'operazione è previsto due giorni dopo. Per il Btpei decennale verranno riconosciuti 44 giorni di dietimi, la provvigione per il collocamento è pari allo 0,30%.

Titoli di Stato | Asta BTPei e CTZ del 24 marzo 2016

Nelle aste di titoli di Stato di oggi 24 marzo 2016 il Tesoro ha venduto tutti i 3 miliardi di CTz, con scadenza 28.03.18, previsti dall’offerta un tasso negativo pari a -0,063%, in leggero aumento dal minimo dell’analoga asta precedente (-0,118%), a gennaio scorso. Buona la domanda per un rapporto di copertura di 1,69 (domanda superiore di 1,69 volte l'offerta).

Collocato anche il massimo dell’offerta prevista per i BTPei, pari a 750 milioni di euro. In dettaglio BTPei a 15 anni, 15.09.26, in trentesima tranche, è stato piazzato per 495,5 milioni di euro contro una domanda di 1,18 miliardi, a un tasso o lordo dello 0,55% mentre il BTPei a 30 anni, 15.09.41, in 18esima tranche, è stato venduto per 254,5 milioni di euro, a fronte di 633 milioni le richieste, a un tasso di rendimento lordo dell'1,20%

Titoli di Stato | Asta BTPei e CTZ del 24 marzo 2016 | Caratteristiche

Ieri a mercati chiusi il Tesoro ha annunciato che nelle aste di titoli di Stato del 24 marzo 2016, offrirà BTPei e CTZ per un massimo di 3,75 miliardi di euro. In dettaglio saranno emessi CTZ 24 mesi, in prima tranche, con codice Isin da attribuire, in scadenza il 28 marzo 2018, per 2,5-3 miliardi di euro.

Poi 250-750 milioni di BTPei, titoli indicizzati all'inflazione dell'eurozona, a 30 anni, in 30esima tranche, con scadenza 15 settembre 2041, con tasso di interesse reale del 3,1% annuo, pagabile semestralmente (Isin IT0004545890) e BTPei con scadenza il 15 settembre 2026, in 18esima tranche, a un tasso di interesse reale del 2,5% annuo, pagabile semestralmente.

Titoli di Stato | Asta BTPei 24 febbraio 2016 | Tasso su a 1,22%

Nell'asta di BTpei a 15 anni di oggi 24 febbraio 2016, con scadenza settembre 2032, il Tesoro ha venduto titoli di Stato indicizzati all'inflazione dell'eurozona per 904 milioni di euro, meno dell'obiettivo massimo previsto dall'offerta pari a un miliardo, a un tasso d'interesse in rialzo all'1,22%, dallo 0,83% precedente. La domanda è stata pari a 1,33 miliardi.

Titoli di Stato | Asta BTPei del 24 febbraio 2016

Mercoledì 24 febbraio 2016 il Ministero dell'Economia e delle finanze terrà l'asta di BTPei settembre 2032, la quarta tranche dei titoli di Stato indicizzati all'inflazione dell'eurozona per un importo compresso tra 0,5-1,0 miliardi di euro.

Il codice Isin dell'asta BTPei a 15 anni è IT0005138828, la cedola annua 1,25%. Per il titolo di Stato sulla scadenza medio-lunga saranno riconosciuti 164 giorni di dietimi e una provvigione dello 0,35% per il collocamento. Il Tesoro ha poi confermato che sulla base delle linee guida per la gestione del debito pubblico 2016, questo mese l’asta di CTZ non ci sarà.

Leggi tutto: http://www.soldionline.it/notizie/obbligazioni-italia/un-btp-indicizzato-in-asta-il-24-febbraio-2016?cp=1

Titoli di Stato | Aste CTZ e BTPei 26 gennaio 2016

Nelle aste di titoli di Stato di oggi 26 gennaio 2016 il Tesoro ha piazzato CTZ a due anni, con scadenza agosto 2017, per il massimo previsto dall'offerta pari a 1,5 miliardi di euro a un tasso ancora sotto lo zero e calato ulteriormente dal precedente collocamento: a -0,118% da -0,095%. Piazzati anche due BTPei indicizzati all'inflazione dell'area euro, per il massimo dell'offerta pari a un miliardo di euro, a un tasso dello 0,66% per il titolo in scadenza nel 2024 e dello 0,83% per il BTPei 2026.

Titoli di Stato | Aste CTZ e BTPei 26 gennaio 2016

Il 26 gennaio 2016 il Tesoro terrà le aste di titoli di Stato CTZ a due anni e BTPei a 10 e 15 anni per un ammontare compreso tra 1,5 e 2,5 miliardi di euro. Il Ministero dell’Economia e delle finanze spiega che i CTZ 24 mesi (Codice Isin IT0005126989) in scadenza il 30 agosto 2017 saranno offerti per 1-1,5 miliardi di euro mentre i BTPei, titoli indicizzati all'inflazione dell'area euro, a 10 e 15 anni saranno emessi per 0,5 massimo 1 miliardo di euro. Il BTPei 10 anni, codice Isin IT0005004426, in scadenza il 15 settemnre 2024, assicura una cedola annua del 2,35% mentre il titolo a 15 anni (Isin IT0004735152) in scadenza il 15 settembre 2026, al 3,10%.

Intanto sul secondario italiano lo spread tra BTP decennale e Bund tedesco equivalente si attesta a 103,5 punti base, in calo dai 105 punti base dell'avvio di seduta per un rendimento del titolo italiano pari all’1,51%.

Titoli di Stato | Asta CTZ 29 dicembre 2015 | Tasso sotto lo zero

Nell'asta di titoli di Stato CTZ di fine anno il Tesoro ha collocato oggi 29 dicembre 2015 1,5 miliardi di titoli a 24 mesi, contro una richiesta di oltre il doppio, pari a 3,4 miliardi. Il rendimento lordo del titolo zero coupon resta negativo, a -0,109%, in ulteriore calo, di un punto base, sull'asta CTZ a due anni del mese scorso per un tasso che tocca il suo minimo storico.

Titoli di Stato | Aste 25 novembre | Tasso negativo per i CTZ

Nelle aste di titoli di Stato di oggi 25 novembre il Tesoro ha collocato 1,5 miliardi di euro in CTZ a 24 mesi con un rendimento negativo, in netto e ulteriore calo rispetto all'asta del mese precedente. L'interesse lordo sul CTZ a 2 anni è sceso a -0,095%. Ottima la domanda pari a 8 miliardi di euro.

La ragione del boom di richieste è che la BCE nella prossima riunione del direttivo del 3 dicembre probabilmente abbasserà ulteriormente i tassi sui depositi, attualmente a -0,20%, con le banche che dovranno impiegare la liquidità su altri strumenti finanziari, tipo i titoli di stato a breve termine.

Per i due BTPei, indicizzati all'inflazione dell'area euro, in asta sempre oggi i rendimenti sono scesi rispetto alle precedenti analoghe aste. Per il titolo a 15 anni con scadenza 15 settembre 2032, venduto per 391 milioni di euro, il tasso lordo di assegnazione è stato dello 0,83%, al minimo storico. Per il Btpei in scadenza il 15 settembre 2023, piazzato per 698 milioni di euro, il rendimento è stato pari a 0,08%.

Titoli di Stato | Aste BTPei e CTZ del 25 novembre 2015

Il 25 novembre 2015 il Tesoro mette in asta due BTP indicizzati all'inflazione dell'area euro per un importo massimo compreso tra 500 milioni e un miliardo di euro, e titoli di Stato CTZ a 24 mesi per 1 massimo 1,5 miliardi di euro.

Nel dettaglio saranno collocati BTPei con scadenza 15 settembre 2032 in 32esima tranche, a decorrere dal 15 marzo 2007, a un tasso di interesse reale del 2,6% annuo, pagabile ogni sei mesi (codice Isin IT0004243512) e BTpei off the run con decorrenza 15 settembre 2015 e scadenza 15 settembre 2023, in seconda tranche, a un tasso di interesse reale dell’1,25% annuo, pure pagabile semestralmente (Isin: IT0005138828).

Per quanto riguarda i CTZ, la settima tranche dei certificati del Tesoro zero coupon ha decorrenza 28 agosto 2015 e scadenza 30 agosto 2017. Il codice Isin è IT0005126989. Per i CTZ il collocamento dei titoli avviene con il meccanismo dell'asta marginale con determinazione discrezionale del prezzo di aggiudicazione e della quantità emessa all'interno del range di emissione prestabilito. Il totale del collocamento si ha eliminando le offerte non convenienti in base alle condizioni di mercato.

Titoli di Stato | Asta CTZ 27 ottobre 2015 | Tasso negativo

Nell'asta CTZ 24 mesi quinta tranche di oggi 27 ottobre per la prima volta un titolo di Stato italiano va in territorio negativo. Il CTZ con scadenza 30-08-2017 è stato collocato per 1,75 miliardi di euro a un tasso lordo di -0,023%, 14 punti base in meno rispetto all'analoga asta precedente. Nonostante tutto sono stati richiesti titoli per 3,7 miliardi di euro, per un rapporto di copertura a 2,12, in salita da 1,71% recedente.

Titoli di Stato | Asta CTZ 27 ottobre 2015

23 ottobre 2015 - Il 27 ottobre 2015 si terrà l'asta di CTZ a 24 mesi, in quinta tranche con scadenza al 30 agosto 2017. Vediamo le caratteristiche dell'emissione: la forchetta del collocamento oscillerà da un minimo di 1,5 miliardi a un massimo di 1,75 mld di euro. Il sistema utilizzato per la vendita dei CTZ biennali è quello dell'asta marginale con determinazione discrezionale del prezzo di aggiudicazione e della quantità emessa all'interno del range di emissione predefinito. Il codice ISIN è IT0005126989, mentre importo dell'asta supplementare fissato in 262,5 milioni di euro. il Tesoro ha invece cancellato l'asta, pre prevista per il 27 ottobre, di BTPei visto che a ottobre è stato emesso via sindacato il nuovo BTP€i 2032.

Leggi tutto: http://www.soldionline.it/notizie/obbligazioni-italia/mef-cancellata-l-asta-btp-i-del-27-ottobre-2015?cp=1

Leggi tutto: http://www.soldionline.it/notizie/obbligazioni-italia/le-caratteristiche-del-ctz-in-asta-il-27-ottobre-2015?cp=1

Titoli di Stato | Asta CTZ 25 settembre 2015 | Tasso in calo


Nell'asta CTZ a 24 mesi di oggi 25 settembre è stata assegnata la terza tranche del titolo di Stato Zero coupon con scadenza 30 agosto 2017 per un importo pari a 2 miliardi di euro e un tasso di rendimento lordo dello 0,116%, in calo di 5 punti base sull'analoga asta precedente. La domanda stata buona, con richieste per 3,423 miliardi e un rapporto tra di copertura pari a 1,71.

Sul secondario italiano dopo le aste di oggi lo spread tra Btp e Bund tedesco scende a 113 punti base dai 114 della chiusura di ieri per un rendimento del decennale italiano all'1,75%.

Titoli di Stato | Asta CTZ 24 mesi del 25 settembre 2015

Il Tesoro ha comunicato ieri, a mercati chiusi, che il 25 settembre 2015 si terrà un'asta di CTZ a due anni, in terza tranche, con decorrenza: 28 agosto 2015 e scadenza al 30 agosto 2017 per 1,5 miliardi un massimo di 2 miliardi di euro. Il codice ISIN è IT0005126989. Il collocamento del CTZ a 24 mesi verrà effettuato con il sistema dell'asta marginale con la determinazione discrezionale del prezzo di aggiudicazione e della quantità emessa all'interno del sopracitato intervallo di emissione.

Titoli di Stato | Asta CTZ 26 agosto 2015 | Tasso cala

Nell’asta CTZa 24 mesi di oggi 26 agosto il Tesoro ha venduto titoli di Stato per il massimo dell'offerta prevista, pari a 3 miliardi di euro, a un tasso di rendimento lordo in calo allo 0,166%, dallo 0,2014 dell'analogo collocamento del mese scorso.

Buona anche se in flessione la domanda pari a oltre 4,69 miliardi, per un rapporto di copertura di 1,57 dall’1,83 dell’asta di giugno.

"A mio avviso parte del mercato è ancora sottopeso di carta italiana, sono un po' le scorie della crisi greca di luglio. Le aste di questa settimana possono essere una buona occasione per rientrare"

dice un operatore a Reuters.

Dopo l'asta CTZ, lo spread tra BTP e Bund tedeschi decennali è in rialzo a 128 punti base da 124 punti base della chiusura di ieri, a causa del rimbalzo del Bund dopo il sell-off di martedì.

Il tasso del BTP italiano sul secondario cala a 1,952% a 1,986% della chiusura di ieri, per un mercato obbligazionario italiano che tiene bene testa ai timori che aleggiano sui mercati finanziari per il rallentamento dell'economia cinese.

Titoli di Stato | Asta CTZ del 26 agosto 2015


Il 26 agosto 2015 il Tesoro metterà in asta CTZ a 24 mesi, con decorrenza 28 agosto 2015 e scandenza il 30 agosto 2017, in prima tranche, per 2,5 miliardi massimo 3 miliardi di euro.

Il codice ISIN è da attribuire e l'importo dell'asta supplementare sarà pari a 900 milioni di euro. I CTZ sono collocati con il meccanismo dell'asta marginale con determinazione discrezionale del prezzo di aggiudicazione e della quantità emessa all'interno dell'intervallo di emissione.

L'importo del collocamento sarà determinato escludendo le offerte formulate a prezzi ritenuti sconvenienti date le condizioni di mercato.

Titoli di Stato | Asta CTZ 26 giugno | Tasso su

Nell'asta CTZ a 2 anni di oggi 26 giugno 2015 il Tesoro ha collocato 1,75 miliardi di euro di titoli di Stato con un tasso di rendimento in rialzo - ai massimi da febbraio scorso - allo 0,204% dallo 0,062% dell'analoga asta 24 mesi del 26 maggio, quando era stato toccato il minimo storico per i CTZ.

Il rapporto di copertura è stato pari a 1,83 (la domanda ha superato di 1,83 volte l'offerta).

"L'incertezza sulla Grecia rimane, ma i mercati stanno adottando un approccio costruttivo. Non c'è alcun segno di maggiore nervosismo, tantomeno di panico"

commentano gli strategist di Unicredit a Milano Finanza.

Titoli di Stato | Asta CTZ del 26 giugno

Dopodomani 26 giugno 2015 il Tesoro mette in asta titoli di Stato CTZ biennali, in nona tranche e in scadenza il 27 febbraio 2017. L'importo offerto è compreso in una forchetta che va da 1,25 a 1,75 miliardi di euro.

Il codice ISIN è IT0005089955, l'importo dell'asta supplementare è fissato in 262,5 milioni di euro. Il meccanismo di collocamento per i titoli di Stato Ctz a 24 mesi è quello dell'asta marginale con determinazione discrezionale del prezzo d'aggiudicazione e della quantità emessa entro il range di emissione previsto.

Titoli di Stato | Aste BTPei e CTZ 26 maggio 2015

Buoni risultati per le aste di titoli di Stato italiani di oggi 26 maggio. Il Tesoro ha collocato 2,978 miliardi di CTZ e BTPei, cioè indicizzati all'inflazione europea.

Piazzati in dettaglio 1,978 miliardi di Certificati del Tesoro zero coupon a due anni, con scadenza 27-2-2017, per circa 1,98 miliardi di euro su una forchetta massima dell'offerta che oscillava tra i 1,5 e 2 miliardi. Il tasso di rendimento è calato dallo 0,079% allo 0,062% della precedende analoga asta, per quello che è il nuovo minimo storico. Il rapporto di copertura è in lieve calo a 1,62 contro 1,64 del mese passato.

Venduti poi BTPEi con scadenza 2023 e 2026 con tassi d'interesse rispettivamente al 2,60% e del 3,10%. I Buoni del Tesoro Poliennali indicizzati all'inflazione europea 2026 sono stati collocati per 467 milioni di euro, quelli con scadenza 2023 per 533 milioni di euro.

Sul mercato secondario italiano dopo le aste di titoli obbligazionari pubblici del Tesoro lo spread il BTP decennale italiano e il Bund tedesco equivalente è calato a 137 punti base.

Titoli di Stato | Aste BTPei e CTZ 26 maggio

Il dipartimento del Tesoro del ministero dell'Economia comunica che nalle aste del 26 maggio 2015 offrirà titoli di Stato sulla scadenza medio-lunga per 1,5 massimo 3 miliardi di euro.

In dettaglio saranno offerti CTZ 27-02-2017, in settima tranche, da 500 milioni a un miliardo massimo (codice Isin: IT0005089955). Poi poi la trentesima tranche del BTPei 15-09-2023, con tasso di interesse reale annuo del 2,6% pagabile ogni 6 mesi (codice Isin IT0004243512) e la ventiquattresima tranche del BTPei 15-09-2026, con tasso di interesse reale pari al 3,1% annuo, sempe pagabile semestralmente (codice Isin: IT0004735152).

Il regolamento è previsto in data 28 maggio. I BTp indicizzati all'inflazione europea vengono offerti con 74 giorni di dietimi di interesse. La provvigione per il collocamento è dello 0,15% per il Certificato del Tesoro zero coupon 2017, dello 0,30% per il BTPei 2023 e dello 0,35% per il BTPei2026.

Titoli di Stato | Risultati aste BTPei e CTZ 27 aprile 2015

Nelle aste di titoli di Stato di oggi 27 aprile 2015 il Tesoro ha venduto in 30esima tranche BTPei a 10 anni settembre 2021, obbligazioni indicizzate all’inflazione dell’area euro, per 311,2 milioni di euro con un rapporto di copertura di 3,66, in salita dall’1,76 della precedente analoga asta di settembre 2013. Il prezzo di aggiudicazione è stato pari a 114,47, per un rendimento lordo negativo pari allo 0,16%. Il titolo assicura una cedola reale del 2,1% annuo.

Collocati anche BTPei 15 settembre 2024, per 438,8 milioni di euro con un rapporto di copertura di 2,9, dall’1,67 della precedente asta e analoga asta di marzo scorso . Il prezzo di aggiudicazione è stato pari a 119,76, per un rendimento lordo dello 0,22%. Il titolo di Stato decennale offerto in dodicesima tranche garantisce una cedola reale del 2,35%. Per i due BTP è stato venduto il massimo dell’offerta prevista apri a 750 milioni

Il Tesoro ha collocato sempre oggi anche tutti e 2 i miliardi di euro di CTZ a 24 mesi previsti, con il tasso d’interesse lordo che è sceso al nuovo minimo storico dello 0,079%, dallo 0,162% di marzo. Anche qui buoni risultati per la domanda che ha superato di 2,03 volte l’offerta, per un rapporto di copertura in crescita rispetto all’1,64 dell’asta CTZ a 2 anni del mese scorso.

Titoli di Stato | Aste BTPei e CTZ del 27 aprile 2015

24 aprile 2015. Il 27 aprile 2015 il Tesoro mette in asta due titoli di Stato BTP indicizzati all’inflazione europea, per 500 massimo 750 milioni di euro. I BTPei settembre 2021, offerti in 30esima tranche con decorrenza 15 marzo 2010 e scadenza il 15 settembre 2021 hanno un tasso di interesse reale del 2,1% annuo, con cedola pagabile semestralmente. IL codice ISIN è IT0004604671.

Il secondo BTPei, 15 settembre 2024, con decorrenza 15 marzo 2014, in dodicesima tranche, presenta un tasso di interesse reale del 2,35% annuo, anche qui pagabile ogni sei mesi, con codice ISIN IT0005004426. Il regolamento dei titoli è fissato al 29 aprile.

Inoltre sempre lunedì 27 aprile saranno offerti titoli di Stato CTZ a 2 anni, in quinta tranche, con decorrenza il 26 febbraio 2014 e termine il 27 febbraio 2017, per 1,5 massimo 2 miliardi di euro. Il codice ISIN è IT0005089955.

Titoli di Stato | Risultati aste BTP e CTZ 26 marzo | tassi ai minimi

Nelle aste di oggi 26 marzo 2015, il Tesoro ha collocato BTP indicizzati all'inflazione dell'area euro a 10 e 15 anni per il massimo dell'importo offerto pari a 1,5 miliardi per ciascuno dei due titoli di Stato.

Il tasso sul BTPei 2024 è sceso a zero e quello sulla scadenza 2016 allo 0,13%, buona comunque la domanda risultata pari rispettivamente a 1,67 e 2,61 volte l'offerta.

Sempre stamattina sono stati collocati anche 2 miliardi di euro di Ctz a 24 mesi, il massimo dell'offerta prevista, con il tasso di rendimento calato nuovo minimo storico dello 0,162%.

Sul mercato secondario lo spread Btp-Bund decennali è in lieve rialzo, a 112 punti, dai 109 ieri sera, per un rendimento del titolo decennale italiano salito all'1,34%.

Titoli di Stato | Aste BTP e CTZ 26 marzo 2015

26 marzo 2015. Il Tesoro domani 26 marzo avvia le aste di fine mese con l'emissione di BTPei a 10 e 15 anni, titoli di Stato indicizzati all'inflazione europea, e di CTZ in scadenza nel 2017 per un'offerta massima di 5 miliardi di euro.

Nel dettaglio saranno offerti CTZ tra 1,5 e 2 miliardi, BTP decennali tra 1 e 1,5 miliardi e BTP a 15 anni per lo stesso importo. Il BTP indicizzato all'inflazione dell'eurozona con scadenza 15 settembre 2024 viene offerto in decima tranche con un tasso di interesse reale, pagabile ogni sei mesi, del 2,35% annuo. Il codice ISIN è IT0005004426.

Il BTP indicizzato all'inflazione di Eurolandia in scadenza il 15 settembre 2026, in 22esima tranche, ha un tasso di interesse del 3,1% annuo, anche qui pagabile semestralmentem e ISIN: IT0004735152. Per entrambi i BTP la data di regolamento delle sottoscrizioni è fissata al 30 marzo. Infine verrà collocato il CTZ febbraio 2014, terza tranche, con scadenza 27 febbraio 2017, e Codice ISIN: IT0005089955.

Titoli di Stato | Risultati aste CTZ e BTPei 24 febbraio 2015: tassi giù

Il Tesoro italiano ha piazzato nelle aste di bond pubblici di stamattina 24 febbraio il massimo dell'offerta prevista, pari a 4 miliardi, per i CTZ a due anni e i BTPei a 15 anni. I primi, certificati zero-coupon, hanno fatto segnare un tasso ai nuovi minimi dall'introduzione dell'euro con vendite per complessivi 3 miliardi. Il rendimento si è attestato allo 0,219%, in calo rispetto dallo 0,281% dell'asta precedente. Buoni risultati anche per la domanda, pari a 1,5 volte l'offerta.

Venduto anche un miliardo di titoli di Stato indicizzati all'inflazione dell'eurozona, in scadenza a settembre 2026, con un rendimento in netto calo, allo 0,62% rispetto all'1,68% di ottobre e per una domanda pari a 1,8 volte l'offerta.

"Il costo di finanziamento molto basso riflette la discesa dei rendimenti a breve a pochi giorni dal lancio del Quantitativa easing. Anche la copertura è stata buona"

ha detto all'agenzia MF-DowJones uno strategist. Le aste dei periferici dell'eurozona sono favorite anche da una minore avversione al rischio per gli sviluppi positivi della situazione in Grecia, con Atene che oggi ha inviato la sua lista di riforme a Bruxelles, piano giudicato in prima battuta abbastanza esaustivo anche se necessita di aggiustamenti e ulteriori specifiche entro poche settimane.


Titoli di Stato | Aste CTZ e BTP€i 24 febbraio 2015

23 febbraio 2015. Il Tesoro mette in asta CTZ a due anni e BTP a 15 anni indicizzati all'inflazione dell'area euro domani 24 febbraio 2015.

Nel dettaglio si collocherà un CTZ a 24 mesi, in nona tranche, con scadenza il 27 febbraio 2017 per un minimo di 2,5 miliardi e un massimo di 3 miliardi di euro. Il codice ISIN è da attribuire.

L'emissione verrà effettuata con il sistema dell'asta marginale che prevede la determinazione discrezionale del prezzo di aggiudicazione e della quantità collocata entro l'intervallo di emissione stabilito.

Sempre il 24 febbraio si terrà l’asta di BTP indicizzati all’inflazione europea a 15 anni per un massimo di un miliardo di euro (da 0,5 a 1,0 mld). Il codice Isin IT0004735152, la scadenza il s 15 settembre del 2026, per una cedola annuale del 3,10%.

Titoli di Stato | Aste CTZ e BTPei di oggi 27 gennaio 2015

Il Tesoro ha piazzato nelle aste di titoli di Stato di oggi 27 gennaio 2015 CTZ biennali per 2 miliardi di euro, il massimo della forchetta prevista dall'offerta, che oscillava tra 1,5 e appunto 2 miliardi.

Il tasso è in calo rispetto all'analoga e precedente asta, scendendo dallo 0,489% allo 0,281%, il nuovo minimo storico dall'introduzione dell'euro, per un rapporto di copertura in salita, la domanda ha superato infatti di 1,59 l'offerta da 1,46 dell'asta CTZ a 2 anni dello scorso mese.

Nella altre aste in programma per oggi, il Tesoro ha collocato BTPei con scadenza settembre 2018 per 692 milioni a un tasso dello 0,2% e BTPei con scadenza settembre 2041 per 308 milioni di euro a un tasso all'1,16%.

Le aste di oggi erano un giro di boa molto importante visto che l'emissione cadeva a ridosso della vittoria alle politiche in Grecia del partito anti austerità Syriza e una dopo l'annuncio dell'avvio, a marzo, del piano di Quantitative Easing della Bce.

"Il Tesoro è riuscito a strappare ottimi rendimenti con una buona domanda. Le richieste per i titoli di Stato italiani sono state buone nonostante i rendimenti siano schiacciati verso il basso. (...) potremmo assistere a performance simili anche domani con i Bot e giovedì con i Btp in scia al lancio del QE da parte della Bce. I governi sono infatti incentivati ad emettere titoli per finanziarsi visti i rendimenti molto bassi"

ha detto all'agenzia MF-Dowjones uno strategist.

Titoli di Stato | Asta CTZ 29 dicembre 2014 | Tasso in calo


AGGIORNAMENTO 12:30. Nell'asta CTZ con scadenza 2016 di questa mattina il Tesoro ha piazzato tutti i 2,5 miliardi di titoli di Stato con un tasso in calo allo 0,489% dallo 0,692% fatto segnare nell'analoga asta di ottobre.

La richiesta da parte dei risparmiatori è stata di oltre 3,65 miliardi, per rapporto di copertura pari a 1,46, in calo da 1,71 dell’asta di ottobre.

Titoli di Stato | Asta CTZ 29 dicembre 2014, offerta fino a 2,5 mld

Il Tesoro emette nell'asta di oggi 29 dicembre 2014 CTZ con scadenza 30 agosto 2016 per un ammontare complessivo tra 2 e 2,5 miliardi di euro, in settima tranche e codice ISIN: IT0005044976.

Il meccanismo di collocamento dei titoli di Stato in collocamento oggi è quello dell'asta marginale con determinazione discrezionale del prezzo di aggiudicazione e della quantità emessa.

L’ammontare del collocamento viene stabilito escludendo le offerte formulate a prezzi non convenienti per il mercato. L'importo dell'asta supplementare è stato fissato in 375 milioni di euro.

Sul mercato obbligazionario italiano, per via della tensioni legate alla situazione politica greca (lo stallo per l'elezione del presidente della Repubblica), stamattina lo spread tra il Btp e il Bund tedesco a 10 anni è salito a 139 punti base dai 135 punti della chiusura del 23 dicembre, per un rendimento del nostro titolo decennale che sale all'1,97% da 1,94% precedente.

La terza votazione presidenziale in Grecia:

"potrebbe creare un po' di volatilità in vista delle aste e mettere pressione sui tassi"

spiega a Milano Finanza Luca Cazzulani, fixed-income strategist di banca Unicredit.

Titoli di Stato | Aste 28 ottobre 2014, schizza tasso dei CTZ

Aggiornamento 28 ottobre 2014 ore 13:00. Il Tesoro ha collocato nell'asta di oggi 2,5 miliardi di euro di CTZ quinta tranche con scadenza agosto 2016, il massimo dell'offerta, per un rendimento in salita - come era nelle attese - portandosi allo 0,692% dallo 0,385% dell'analoga asta del mese scorso, tasso che sale ai massimi da fine maggio. La domanda è risultata tonica con 4,281 miliardi di euro richiesti contro il massimo di 2,5 miliardi previsti dall'offerta.

In generale possiamo dire che l'asta è andata bene. Il recente "sell-off" sul due anni ha reso questa parte della curva
più attraente

ha spiegato a Reuters Alessandro Giansanti, strategist di Ing.

Nell'altra asta di oggi quella di BTP indicizzati all'inflazione dell'eurozona il Tesoro ha piazzato un miliardo di titoli: l'ottava tranche del BTpei con scadenza 15/09/2024 per 578,6 milioni a un tasso lordo dell'1,43% (dall'1,16% dell'asta di settembre) con una domanda pari a 1,219 miliardi, e la 18esima tranche del BTpei in scadenza 15/09/2026 per 421,4 milioni, con rendimento all'1,68% e per una domanda pari a 1,053 miliardi. La data d regolamento è fissata al 31 ottobre.



Titoli di Stato | Aste CTZ E BTP di oggi 28 ottobre 2014

28 ottobre 2014. Al via il trittico di aste di fine mese: oggi 28 ottobre 2014 il Tesoro prova a collocare CTZ a 24 mesi per per un massimo di 2,5 miliardi di euro e di Btp a 10 e 15 anni indicizzati all'inflazione europea per complessivi 2 miliardi di euro al massimo (range 0,5-1 mld per titolo). Domani invece si terrà l'asta Bot a 6 mesi e giovedì di quella Btp a 5 e 10 anni e CcTEu.

Intanto sul mercato secondario lo spread tra bund tedeschi ed equivalenti Btp decennali viaggia in area 169 punti, praticamente invariato rispetto alla chiusura di ieri,
Il tasso del titolo di Stato italiano sale al 2,564% da 2,555% della chiusura di ieri.

Titoli di Stato | Esito aste di oggi 25 settembre, sale tasso CTZ


Aggiornamento 25 settembre ore 12.35. Il collocamento dei BTPEI, titoli indicizzati all'inflazione dell'Eurozona, come per quello dei CTZ è risultato in sostanza in linea con le previsioni, per un totale di 1,47 miliardi, poco sotto l'obiettivo massimo di 1,5 miliardi. Nel dettaglio sono stati venduti 497 milioni di BTPEI trentennali, settembre 2041, per un tasso di rendimento medio del 2,12% e 966 milioni di BTPEI decennali per un rendimento medio all'1,16%, in calo dall'1,62% di fine giugno. La domanda per i BTPEI è stata pari a 1,81 volte l'importo assegnato per il titolo a 10 anni e a 2,81 volte l'importo assegnato per il titolo a 30 anni.

Aggiornamento 25 settembre ore 12.15. Nell'asta CTZ biennale di stamattina il rendimento del titolo a 24 mesi è risalito allo 0,385% dallo 0,326% precedente. Sono stati collocati tutti i 2,75 miliardi di euro di CTZ previsti dall'offerta per una domanda di quasi 4,7 miliardi, pari a 1,73 volte l'offerta.

Il Tesoro parte oggi 25 settembre con le aste di titoli di Stato di fine mese. Stamattina si terrà l'asta di CTZ a 24 mesi per un massimo di 2,75 miliardi di euro e di BTPEI a 10 e 30 anni (titoli indicizzati all'inflazione europea) per complessivi 1,5 miliardi.

Per il titolo biennale è difficile che i tassi di rendimento scendano al nuovo minimo storico visto che ieri in chiusura il rendimento del CTZ era salito allo 0,472% dal minimo storico dello 0,326% dell'asta di fine agosto. Inoltre il Mef a mercati chiusi ha fatto sapere che nell'asta a medio-lungo termine di lunedì 29 settembre ci saranno sul piatto dai 7 agli 8,5 miliardi di CCTeu e BTP a 5 e 10 anni, mentre domani ci sarà l'asta BOT a sei mesi.

Sul secondario italiano lo spread tra Btp decennali e Bund tedeschi equivalenti apre oggi stabile rispetto alla chiusura di ieri, a 136 punti base, per un rendimento del Btp al 2,37%.

Titoli di Stato | Asta CTZ 24 mesi di oggi 26 agosto 2014, tasso in calo

Aggiornamento 26 agosto 2014, ore 11.45. Il Tesoro nell'asta odierna ha collocato CTZ biennali per il massimo dell'offerta prevista e cioè per 3 miliardi di euro. Il rendimento è calato allo 0,326% dallo 0,428% dell'asta precedente, nuovo minimo storico. Buona la domanda che ha superato di 1,43 volte l'offerta.

Il Tesoro apre la settimana dell'emissione dei Titoli di Stato italiani oggi 26 agosto provando a collocare CTZ a 24 mesi per una somma compresa tra 2,5 e 3 miliardi di euro, nel giorno in cui lo spread Btp-Bund decennali fa segnare sul secondario il suo minimo record.

La scadenza del Ctz a due anni è fissata al 30 agosto 2016, il sistema di collocamento usato sarà quello dell'asta marginale con determinazione discrezionale del prezzo di aggiudicazione e della quantità emessa all'interno della forchetta prevista, escludendo le offerte pervenute con prezzi ritenuti non convenienti in base alla condizioni di mercato.

Titoli di Stato | Asta CTZ di oggi 28 luglio, tasso al minimo storico

Il Tesoro inaugura oggi 28 luglio la tornata di aste di titoli di Stato di fine mese piazzando tutti i 2,25 miliardi di euro di Ctz a 2 anni previsti dall'offerta (a fronte di una forchetta tra 1,75 e 2,25 mld) con un tasso di rendimento medio dello 0,428%, ancora in calo rispetto allo 0,591% dell'asta Ctz del mese scorso e di cui potete leggere più in dettaglio sotto.

Si tratta del nuovo tasso minimo di assegnazione dall'introduzione dell'euro. Il collocamento del Ctz con scadenza aprile 2016 ha fatto segnare un buon aumento della domanda, 2 volte superiore all'importo offerto, contro le 1,57 volte dell'asta di giugno.

Sul mercato secondario italiano lo spread tra Btp e Bund tedeschi a 10 anni aveva aperto stamane a 155 punti contro i 157 della chiusura di venerdì scorso, rimanendo stabile dopo l'asta odierna, per un tasso de decennale del Tesoro al 2,7%.

Titoli di Stato | Asta CTZ di oggi 25 giugno, tasso al minimo storico

Il Tesoro nell'asta Ctz di oggi 25 giugno ha piazzato tutti i 2,5 miliardi di euro previsti dall'offerta, per un rendimento medio dello 0,591%, in netto calo dallo 0,786% dell'asta Ctz del mese scorso per quello che è il nuovo tasso minimo di assegnazione dall'introduzione dell'euro.

L'asta di Ctz con scadenza 2 anni, aprile 2016, ha fatto segnare un aumento della domanda, pari a 1,57 volte l'importo offerto contro 1,51 precedente.

Sempre stamattina c'è stata l'asta di Btpei con scadenza 2024. Anche qui sono stati venduti tutti i titoli di Stato previsti dall'offerta per un tasso medio dell'1,62% e una domanda pari a 2,06 volte l'offerta.

Sul mercato secondario italiano dopo le aste lo spread tra Btp e Bund decennali che aveva aperto a 157 (dai 156 della chiusura di ieri) sale (sulla piattaforma Mts) fino a 159,7 punti base per un rendimento del Btp appena sotto il 3% (2,92%).

Titoli di Stato | Aste Ctz e Btpei di oggi 27 maggio

Il Tesoro ha messo in asta oggi 27 maggio Ctz a due anni per 3 miliardi di euro, tutti venduti con un tasso medio dello 0,786%, invariato rispetto all'asta Ctz del mese scosso.

Per il Certificato di credito del Tesoro zero coupon con scadenza aprile 2016, la domanda è stata di 1,51 volte l'importo offerto in aumento da 1,47 precedente.

Sempre stamattina sono stati piazzati Btpei, i titoli di Stato indicizzati contro l'aumento indesiderato dell'inflazione, con scadenza 2018 per un miliardo di euro, il massimo dell'offerta. Il rendimento medio si è attestato allo 0,53% in netto calo dall'1,21% dell'asta precedente per un bid-to-cover ratio (rapporto di copertura) pari a 2,03.

Domani ci sarà l'asta BoT semestrali e giovedì quella di BTp di medio-lungo periodo, si attendono tassi in calo. Sul mercato secondario italiano lo spread Btp-Bund decennali viaggia sotto i 160 punti base per un tasso del Btp che rimane sotto il 3%, al 2,97%.

Titoli di Stato | Asta CTz a 2 anni di oggi 24 aprile: il tasso sale

24 aprile 2014. Il Tesoro ha piazzato stamattina 24 aprile 2014 tutti i 3,5 mld del nuovo Ctz a 2 anni con scadenza aprile 2016 a fronte di una domanda che ha surclassato l'offerta di 1,5 miliardi. Il tasso medio dei Certificati di Credito del Tesoro zero coupon a 24 mesi è salito di otto centesimi, attestandosi allo 0,786%, rispetto al minimo storico toccato all'asta precedente.

Sul secondario italiano intanto lo spread tra Btp e Bund tedesco a 10 anni viaggia sui 156,4 punti, dai 156 della chiusura di ieri, per un rendimento del titolo di Stato decennale italiano al 3,092%.

Titoli di Stato | Asta CTz 24 mesi: tasso al minimo storico


26 marzo 2014. Com'era nelle attese il rendimento dei CTz a 24 mesi ha raggiunto nell'asta di oggi un nuovo minimo storico con il Tesoro che ha venduto tutti i 2,5 miliardi di euro di titoli di Stato zero coupon a due anni, con scadenza dicembre 2015. Il tasso è in calo al nuovo minimo dello 0,707% dallo 0,822% della precedente asta di febbraio e la domanda cresce: Il rapporto di copertura sale a 2,02 da 1,72 precedente, che significa che le richieste sono pari a 2 volte l'offerta.

Dopo il buon risultato dell'asta sul mercato secondario il differenziale tra BTp e Bund tedeschi decennali cala a 179 punti base, dai 181,9 dell'apertura odierna, per un tasso del BTp al 3,35%. Lo spread tra il Bonos spagnolo e il Bund tedesco a 10 anni si attesta invece a 171 punti base, con un rendimento del titolo iberico al 3,27%.

Titoli di Stato | Asta CTz 24 mesi del 26 marzo 2014: caratteristiche


25 marzo 2014. Mercoledì 26 marzo 2014 il Tesoro mette in asta Certificati di Credito del Tesoro zero coupon (cioè senza cedola), a 2 anni, con data di regolamento fissata per l'ultimo giorno del mese. La forchetta dell'offerta è compresa tra 2 e 2,5 miliardi di euro.

I CTz 24 mesi, nona trance, in collocamento domani hanno codice ISIN IT0004978208, e scadenza il 31 dicembre del 2015.

Gli investitori interessati all'asta di CTz a 2 anni, per lotti di 1.000 euro o multipli, possono prenotare attraverso gli intermediari finanziari, banche o Poste Italiane, entro oggi.

L'altra asta di titoli di Stato pure prevista per domani, di BTp€i, è stata invece cancellata dal dipartimento del Tesoro del Mef in quanto a marzo, con un sindacato di collocamento, si è già proceduto all'emissione del nuovo BTp€i con scadenza 2024.

Titoli di Stato | Aste CTz e BTp€i del 25 febbraio 2014: tasso ai minimi per il CTz

25 febbraio. Buona la prima per il nuovo governo Renzi. Il Tesoro ha venduto stamattina tutti i 2,5 miliardi di euro di CTz a 5 anni con tassi in calo, scesi sotto l'1%, cioè al minimo storico dello 0,822%, dall'1,031% della precedente asta. La domanda è stata pari a 1,72 volte l'offerta.

Collocati con successo anche un miliardo di BTp indicizzati all'inflazione dell'eurozona, con scadenza biennale. Anche qui il massimo della forchetta offerta, con tasso in discesa all'1,20% dall'1,39% precedente.

Sul mercato secondario dopo le aste dei titoli del nostro debito pubblico lo spread BTp-Bund decennali cala a 192 punti base, con tasso sul BTp al 3,60%. Il differenziale Bonos spagnoli-Bund fa segnare 186 punti base con rendimento del decennale iberico al 3,54%.

Titoli di Stato | Aste Ctz e BTp€i 25 febbraio 2014

24 febbraio. Domani 25 febbraio 2014 inizia la settimana di aste dei nostri titoli di Stato, con il Tesoro che collocherà BTp€i (indicizzati all'inflazione dell'eurozona) a CTZ (Certificati del Tesoro Zero Coupon).

Il nuovo governo Renzi subito alla prova dei mercati dunque, dopo che ieri sera Palazzo Chigi aveva dovuto smentire il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Delrio che aveva parlato di una nuova tassazione sui Bot (da 100.000 euro in su).

Nel dettaglio domani verranno collocati Ctz a 5 anni per un ammontare massimo compreso tra 2-2,5 mld euro, settima tranche, e BTp€i a 24 mesi, indicizzati all'inflazione dell'eurozona, tredicesima tranche, per un importo tra 500 milioni e 1 miliardo di euro.

Titoli di Stato, CTz: il Tesoro fa il botto


28 maggio 2013. Titoli di Stato con il botto. Il Tesoro ha piazzato nell’asta odierna tutti i 2,5 miliardi di euro di CTz con scadenza dicembre 2014. I tassi sono in discesa al minimo storico dell'1,113% dall'1,167% della precedente asta, per un domanda di 3,393 milardi, uguale a 1,57 volte l’offerta. L’attesa ufficializzazione, domani, dell’uscita dell’Italia dalla procedura di infrazione dell’Ue per deficit eccessivo, non può che far salire la fiducia degli investitori verso i nostri titoli di Stato.

I CTz (Certificati del Tesoro zero coupon) sono titoli senza cedola con durata all’emissione di 24 mesi. Sono comunque suscettibili di riaperture che possono ridurne la durata prevista all'inizio. La remunerazione è data dallo scarto di emissione che è la differenza tra il valore nominale a cui il titolo viene rimborsato a scadenza e quanto viene pagato alla sottoscrizione. I sottoscrittori possono acquistare CTz per un importo minimo di 1000 euro e multipli. Possono partecipare alle aste dei CTz solo gli intermediari istituzionali autorizzati ai sensi del D.lgs n. 58 del 24 febbraio 1998. Il prezzo di aggiudicazione del CTz è stato oggi di 98,26.

Il Tesoro, sempre nell’asta di stamattina, ha poi collocato 987 milioni di BTP€i 5 anni, con scadenza 15 settembre 2018 a un tasso del 2,65%. Si tratta dei Buoni poliennali del Tesoro indicizzati all’inflazione dell’area Euro (per salvaguardare gli investitori dagli aumenti del livello dei prezzi) calcolata con l'Indice armonizzato dei prezzi al consumo fornito ogni mese dall’Istituto di statistica europeo, Eurostat. Peri BTP€i offerti in quinta tranche la domanda del mercato è stata di 1,82 miliardi per un’offerta massima fissata dal Tesoro in un miliardo. Il rapporto di copertura è stato quindi pari a 1,84, il rendimento lordo fermo all’1,83%, con prezzo di aggiudicazione di 99,36.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

PROSEGUI LA LETTURA

Titoli di Stato: aste BTP e CTZ del 26 maggio é stato pubblicato su Soldiblog.it alle 15:00 di Wednesday 24 May 2017

]]>
0
Pensione: come calcolare i contributi versati Mon, 22 May 2017 11:06:36 +0000 http://www.soldiblog.it/post/121592/calcolo-dei-contributi-versati-pensione http://www.soldiblog.it/post/121592/calcolo-dei-contributi-versati-pensione re.mar. re.mar.

calcolo dei contributi versati

Come si fa il calcolo dei contributi versati per la pensione? Controllare la propria poisizione previdenziale è possibile grazie al servizio Inps che offre la possibilità a tutti gli iscritti di conoscere del proprio estratto contro contributivo, in soldoni il sunto di tutti i contributi eseguiti in favore del lavoratore o versati da lui stesso.

La sintesi dei versamenti da lavoro, figurativi e da riscatto, di divide a seconda della gestione a cui il lavoratore risulta iscritto, così avremo ad esempio gli iscritti all'Assicurazione Generale Obbligatoria che devono guadare nell'estratto conto previdenziale, mentre quelli degli iscritti alla Gestione Separata nell'estratto conto parasubordinati.

L’estratto conto contributivo permette quindi di verificare la regolarità dei contributi versati dai lavoratori autonomi così come dai datori di lavoro in favore dei lavoratori dipendenti, in modo da potersi accorgere e segnalare all’Inps eventuali discrepanze.

Inoltre per chi è vicino alla pensione c’è la possibilità di chiedere all’Istituto nazionale di previdenza l'estratto conto certificativo con valore legale che contiene l'attestazione analitica della propria posizione assicurativa. Per il dipendente privato il calco dei contributi è visibile dal 2005 a oggi.

Estratto conto Inps: il calcolo dei contributi

Nell’estratto conto contributivo sono ripotati i dati anagrafici del lavoratore e i relativi versamenti previdenziali divisi per periodo di riferimento, tipo di contributi (lavoro dipendente, autonomo, servizio militare etc.), i contributi utili espressi in giorni, settimane, mesi per il calcolo della pensione e per il raggiungimento del diritto, la retribuzione e i dati del riferimenti del datore di lavoro.

Come si accede all’estratto conto contributivo

Inserendo il proprio codice pin, l'utente può accedere alla sua area riservata consultando la lista delle denunce retributive anno per anno. Dalla matricola si può accedere alla pagina contenente il dettaglio della situazione retributiva annuale oppure si può chiedere l'estratto conto contributivo al contact center Inps facendo il numero numero 803-164, gratis da rete fissa (06-164164 da mobile).

PROSEGUI LA LETTURA

Pensione: come calcolare i contributi versati é stato pubblicato su Soldiblog.it alle 13:06 di Monday 22 May 2017

]]>
0
Come leggere i contatori di luce e gas Sat, 20 May 2017 07:26:01 +0000 http://www.soldiblog.it/post/121568/autolettura-contatori-di-luce-e-gas http://www.soldiblog.it/post/121568/autolettura-contatori-di-luce-e-gas re.mar. re.mar.

autovettura contatori luce e gas

Come fare l’autolettura dei contatori di luce e gas controllando l'andamento dei consumi senza accontentarsi di quelli stimati, cioè presunti, quelli che l'operatore attribuisce a partire dallo storico dei consumi?

L’autolettura del contatore della luce ad esempio ci fa capire anche l’effettiva potenza che assorbono punti luce, elettrodomestici e altri apparecchi elettrici. Il dato va poi comunicato al fornitore di energia entro la data di scadenza indicata in bolletta. L’autolettura dei contatori di luce e gas è un’operazione semplice e veloce da fare, come spiega il sito Facile.it sia per i contatore tradizionali che per quelli elettronici.

Per quelli tradizionali l’autolettura si rileva leggendo tutte le cifre della finestra trasparente del contatore, prima della virgola e fatta eccezione per gli 0. Le altre cifre non sono rilevanti perché sono relative a decimali di metri cubi.

Nel caso di contatore elettronico bisogna capire prima se si tratta di un dispositivo a lettura multioraria o per fasce orarie, informazione che si trova nei dettagli della bolletta. Per i contatori multiorari si dovranno appuntare numerazioni distinte relative a periodi della giornata differenti da comunicare poi all’operatore, per il contatore monorario i consumi vanno rilevati sull'intero arco della giornata quindi lettura da comunicare sarà una.

In ambo i casi va premuto il pulsante situato vicino il display, finché non compare l’informazione relativa al consumi: facendo la differenza con la precedente lettura si ottiene il consumo da fatturare. Con un contatore di tipo tradizionale della luce invece si devono leggere e comunicare (via sms, telefono o online) solo i numeri prima della virgola.

Per l’autolettura del gas con il contatore a rulli, si devono comunicare solo le cifre a sinistra della virgola, fatta eccezione per gli 0 iniziali; tutte le altre cifre, che ruotano più veloci e possono essere in rosso non servono. Per il contatore del gas a lancette, l'altro tipo più diffuso, si devono leggere e comunicare le cifre intere indicate da lancette e quadranti di colore nero.

PROSEGUI LA LETTURA

Come leggere i contatori di luce e gas é stato pubblicato su Soldiblog.it alle 09:26 di Saturday 20 May 2017

]]>
0
San Severo: marito e moglie uccisi in profumeria Wed, 24 May 2017 09:23:37 +0000 http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/583146/duplice-omicidio-a-san-severo-marito-e-moglie-uccisi-in-profumeria http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/583146/duplice-omicidio-a-san-severo-marito-e-moglie-uccisi-in-profumeria Daniele P. Daniele P.

duplice-omicidio-san-severo.jpg

Duplice omicidio questa mattina a San Severo, in provincia di Foggia, all’interno di una profumeria di via Don Minzoni di cui le due vittime, moglie e marito, erano proprietari.

Poche le informazioni diffuse al momento, se non che i due corpi senza vita sono stati rinvenuti all’interno del locale e che Nicola Salvatore e sua moglie sarebbero stati uccisi a colpi di mitragliatrice.

La pista della rapina, lo riferisce la stampa locale, sarebbe già stata scartata dagli inquirenti. Al vaglio l’ipotesi che questo duplice omicidio sarebbe legato a un altro delitto avvenuto a San Severo nell’ottobre 2016, quello del 17enne Mario Morelli, crivellato a colpi di pistola in piazza del Carmine da un suo coetaneo.

L’autore di quel delitto, secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, sarebbe il figlio della coppia uccisa questa mattina a San Severo. Questo particolare farebbe quindi propendere per una vendetta nei confronti della famiglia.

Nicola Salvatore era scampato a un agguato nel dicembre scorso. Le indagini proseguono.

PROSEGUI LA LETTURA

San Severo: marito e moglie uccisi in profumeria é stato pubblicato su Cronacaeattualita.blogosfere.it alle 11:23 di Wednesday 24 May 2017

]]>
0
Droga e 'ndrangheta, scoperta centrale nel milanese Tue, 23 May 2017 12:50:29 +0000 http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/583127/droga-e-ndrangheta-scoperta-centrale-nel-milanese http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/583127/droga-e-ndrangheta-scoperta-centrale-nel-milanese A.S. A.S.

Ventuno arresti in una vasta operazione dei carabinieri del Comando Provinciale di Milano e del Ros dei Carabinieri, che hanno scoperto ad Arluno (MI) la centrale della ‘ndrangheta per l’importazione e lo smistamento della cocaina proveniente dal Sudamerica. Le accuse parlano di associazione finalizzata al traffico di stupefacenti, aggravata dal metodo mafioso.

I Carabinieri hanno anche diffuso alcune delle intercettazioni utilizzate nelle indagini.Gli inquirenti sono partiti dall’arresto in flagranza, nel settembre 2015 a Bareggio di uno degli indagati, trovato in possesso di 30 kg di cocaina. Da qui si è verificato che la centrale di Arluno faceva riferimento ala cosca ‘ndranghetista Gallace, egemone nel territorio di Guardavalle, in provincia di Catanzaro e con ramificazioni sia in Lombardia che nel Lazio che gestiva l’importazione dal Sudamerica e il traffico di ingenti quantitativi di cocaina.

lotus_evora_s_carabinieri_12jpg

PROSEGUI LA LETTURA

Droga e 'ndrangheta, scoperta centrale nel milanese é stato pubblicato su Cronacaeattualita.blogosfere.it alle 14:50 di Tuesday 23 May 2017

]]>
0
Manchester, dopo gli arresti continuano le ricerche Wed, 24 May 2017 15:11:03 +0000 http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/583155/attentato-di-manchester-4-arresti-collegati-al-kamikaze-salman-abedi http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/583155/attentato-di-manchester-4-arresti-collegati-al-kamikaze-salman-abedi Daniele P. Daniele P.

Nuova operazione di polizia nella giornata di oggi a Manchester legata all’attentato di lunedì sera alla Manchester Arena dopo il concerto di Ariana Grande. Quattro persone, lo riferiscono le autorità locali, sono state arrestate fino a questo momento, compreso il fratello 23enne di quello che è stato identificato con certezza come il kamikaze che ha compiuto la strage, Salman Abedi.

L’identità delle altre tre persone finite in manette non è stata resa nota, così come il loro possibile collegamento con Salman Abedi. Nel pomeriggio, però, il Segretario di Stato per gli affari interni del Regno Unito, Amber Rudd, ha precisato che il giovane non avrebbe agito da solo e che l’attentato di lunedì sera costato la vita a 22 persone “è stato più sofisticato di alcuni degli attacchi che abbiamo visto in precedenza”:

Abbiamo arrestato tre persone e oggi pomeriggio abbiamo fatto irruzione in un’abitazione del centro di Manchester utilizzando un’esplosione controllata. Gli agenti si trovano ancora sul posto. […] In totale abbiamo quattro persone in custodia, ma queste ricerche continueranno.

Col passare delle ore, mentre il Regno Unito è in stato di massima allerta, prende sempre più corpo l’ipotesi che Abedi non fosse affatto un “lupo solitario”, ma che facesse parte di una rete di persone impegnate a pianificare attacchi in Inghilterra. Lo hanno confermato le parole del capo della polizia di Manchester, Ian Hopkins, che ha annunciato il proseguimento delle ricerche di possibili contatti del giovane attentatore.

L’antiterrorismo sta lavorando anche sugli ultimi spostamenti di Abedi, nato e cresciuto a Manchester insieme alla sua famiglia e rientrato in Libia per diversi mesi fino a pochi giorni fa, quando aveva fatto ritorno nel Regno Unito.

Intanto, mentre il lavoro delle forze dell’ordine prosegue senza sosta, è stato reso noto che le 22 vittime di lunedì sera sono state identificate e che tutte le famiglie sono già state contattate:

A causa dell’alto numero delle vittime, le autopsie richiederanno ancora quattro o cinque giorni. Dopo questo potremo formalmente comunicare al pubblico i nomi e cognomi.

PROSEGUI LA LETTURA

Manchester, dopo gli arresti continuano le ricerche é stato pubblicato su Cronacaeattualita.blogosfere.it alle 17:11 di Wednesday 24 May 2017

]]>
0
Vasculite, le possibili complicanze da conoscere Wed, 24 May 2017 14:30:23 +0000 http://scienzaesalute.blogosfere.it/post/569867/vasculite-le-possibili-complicanze-da-conoscere http://scienzaesalute.blogosfere.it/post/569867/vasculite-le-possibili-complicanze-da-conoscere Maria Vasta Maria Vasta

Vasculite complicazioni

La vasculite è una condizione provocata dall’infiammazione dei vasi sanguigni. Si tratta di una malattia che provoca dei cambiamenti nelle pareti dei vasi sanguigni, e che può causare danni agli organi e ai tessuti. Esistono diversi tipi di vasculite, e questa condizione potrebbe influenzare solo un solo organo (come la pelle), o potrebbe coinvolgere diversi organi. Inoltre, la condizione può essere di breve durata (acuta) oppure di lunga durata (ovvero cronica).

Le possibili complicanze della vasculite dipendono dal tipo e dalla gravità della malattia, o possono anche essere correlate agli effetti collaterali dei farmaci prescritti proprio per curare la condizione. Le possibili complicazioni della vasculite includono:

  • Danni agli organi più importanti
  • Coaguli di sangue e aneurismi: potrebbe essere necessario un intervento chirurgico per rimuovere l’aneurisma
  • Problemi alla vista o cecità
  • Infezioni: includono condizioni gravi e potenzialmente letali, come polmonite e infezione del sangue (sepsi o setticemia).

via | MayoClinic

PROSEGUI LA LETTURA

Vasculite, le possibili complicanze da conoscere é stato pubblicato su Scienzaesalute.blogosfere.it alle 16:30 di Wednesday 24 May 2017

]]>
0
Ectima contagioso: quali sono i sintomi Wed, 24 May 2017 09:56:17 +0000 http://scienzaesalute.blogosfere.it/post/569222/ectima-contagioso-quali-sono-i-sintomi http://scienzaesalute.blogosfere.it/post/569222/ectima-contagioso-quali-sono-i-sintomi Andrea Butkovič Andrea Butkovič

L'ectima contagioso è una malattia che colpisce gli animali ma può essere trasmessa anche agli umani

L'ectima contagioso è una dermatite pustolare contagiosa, chiamata anche in tal modo in quanto si tratta di una malattia esantemica virale, che interessa tutto il corpo con pustole e papule. L'ectima è una malattia che colpisce prevalentemente gli animali, ma può essere trasmessa anche agli esseri umani, soprattutto in caso di stretto contatto con i capi infetti.

L'ectima contagioso è una malattia virale, causata dal virus parapox, che viene contratto dal terreno sul quale capre e pecore pascolano. Negli esseri umani i sintomi dell'ectima contagioso si manifestano inizialmente con una pustola rossa sulle dita o sulla mano, le zone del corpo più a contatto con gli animali infetti.

Dopo circa due settimane in corrispondenza della papula rossa si sviluppa un nodulo di dimensioni notevoli, fino ai 3 centimetri, gonfio e spesso pieno di siero al suo interno. Il colore della pustola è di solito rosso, con un'eventuale zona biancastra. Le pustole possono svilupparsi sulle mani, sulle braccia, ma anche nelle zone genitali per autocontagio.

L'ectima contagioso non è trasmissibile tra gli esseri umani, ma rappresenta una zoonosi che può colpire soltanto in rari casi le persone che entrano in contatto con gli animali infetti in particolari zone sensibili del corpo, come la bocca. Un morso di un ovino potrebbe ad esempio provocare il contagio.

I sintomi dell'ectima contagioso sono soltanto di tipo dermatologico, anche se in alcuni casi si è registrato un leggero rigonfiamento dei linfonodi. La pustola guarisce da sola entro 10 settimane e non è contagiosa, né pericolosa. Le cure prevedono un trattamento topico a base di antivirali o antibiotici.

 

Foto | Flickr

PROSEGUI LA LETTURA

Ectima contagioso: quali sono i sintomi é stato pubblicato su Scienzaesalute.blogosfere.it alle 11:56 di Wednesday 24 May 2017

]]>
0
Bambini in sovrappeso aumenta il rischio depressione Wed, 24 May 2017 08:30:16 +0000 http://scienzaesalute.blogosfere.it/post/569833/bambini-essere-in-sovrappeso-aumenta-il-rischio-di-soffrire-di-depressione-in-eta-adulta http://scienzaesalute.blogosfere.it/post/569833/bambini-essere-in-sovrappeso-aumenta-il-rischio-di-soffrire-di-depressione-in-eta-adulta Maria Vasta Maria Vasta

Bambini sovrappeso

Bambini - Essere in sovrappeso durante l’infanzia aumenta il rischio di soffrire di depressione durante l’età adulta. A suggerirlo è un nuovo studio condotto dai membri del VU University Medical Centre, secondo cui coloro che sono in sovrappeso all'età di 8 o 13 anni corrono un maggiore rischio di depressione rispetto a coloro che hanno problemi di peso durante l’età adulta. Secondo gli esperti, l'obesità infantile può danneggiare in modo permanente l'autostima, con un conseguente sviluppo della depressione. Per analizzare la questione, gli esperti hanno esaminato un campione di 88 persone con un'età media di 75 anni.

I partecipanti sono stati valutati per determinare se avessero sintomi di depressione o se avessero mai ricevuto una diagnosi di questa malattia. I ricercatori hanno inoltre esaminato i dati scolastici risalenti a quasi 7 decadi prima, per scoprire se i partecipanti fossero stati in sovrappeso da bambini (BMI tra il 25 e il 29.9).

Esaminando i dati, gli esperti avrebbero constatato che coloro che da piccoli pesavano troppo avrebbero avuto maggiori probabilità di soffrire di depressione in età adulta.

Considerato l'aumento dell'obesità degli adolescenti e la maggiore influenza dei social media sull'immagine del corpo,

spiegano gli esperti

comprendere le associazioni tra obesità infantile e depressione è cruciale.

via | DailyMail

PROSEGUI LA LETTURA

Bambini in sovrappeso aumenta il rischio depressione é stato pubblicato su Scienzaesalute.blogosfere.it alle 10:30 di Wednesday 24 May 2017

]]>
0
Test di medicina 2015/2016: esame copiato dal web? Wed, 24 May 2017 07:47:47 +0000 http://scienzaesalute.blogosfere.it/post/569657/test-di-medicina-20152016-esame-copiato-dal-web http://scienzaesalute.blogosfere.it/post/569657/test-di-medicina-20152016-esame-copiato-dal-web ValentinaRorato ValentinaRorato

Test di medicina 2016-2017

C’è il sospetto che qualcuno abbia copiato durante il test di medicina 2015-2016. A sollevare la polemica è Giuseppe Bellofiore, neo laureato e abilitato alla professione all'università di Catania e futuro concorsista, che ha fatto alcune ricerche indipendenti e le ha diffuse sui social network. Che cosa c’è in queste ricerche?

Ha verificato le ricerche su Wikipedia nel luglio 2016 ed ha scoperto che la definizione di "Muscoli sopraioidei" non è mai stata cercata se non il giorno 19 luglio, tra le 12 e le 14, così come quella di "Malattia di Minamata" nel 28 luglio del 2015. Indovinate un po’? Proprio quel giorno in quella fascia oraria era in corso il test di accesso alle scuole di specializzazione di Medicina e Chirurgia. E non è tutto, perché Giuseppe Bellofiore, con le sue ricerche, evidenzia una gravissima situazione di copia e in colla.

"Forse qualcosa non ha funzionato nei controlli. Ai fini di garantire un corretto svolgimento della prova del test di specializzazione di medicina nel 2017, spero che questi dati possano stimolare gli organi competenti ad applicare una più adeguata attività di sorveglianza con l'utilizzo di specifici strumenti come metal detector e jummer".

Via | repubblica

PROSEGUI LA LETTURA

Test di medicina 2015/2016: esame copiato dal web? é stato pubblicato su Scienzaesalute.blogosfere.it alle 09:47 di Wednesday 24 May 2017

]]>
0