it_IT News Blogo.it - Ultime notizie della sezione News Wed, 28 Jun 2017 08:38:56 +0000 Wed, 28 Jun 2017 08:38:56 +0000 Zend_Feed_Writer 2 (http://framework.zend.com) http://www.blogo.it/news 2004-2014 Blogo.it Terracina: nonno salva nipoti e muore annegato Tue, 27 Jun 2017 21:11:18 +0000 http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/584259/terracina-nonno-salva-nipoti-muore-annegato http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/584259/terracina-nonno-salva-nipoti-muore-annegato Alessandro Guerra Alessandro Guerra

Tragedia a Terracina, in provincia di Latina, dove un uomo di 73 anni è morto dopo aver salvato dall'annegamento tre bambini.

I fatti sono accaduti attorno alle 17 di oggi, in una spiaggia libera nei pressi della foce del fiume Sisto: tre bambini, tra gli 8 e gli 11 anni, stavano giocando in acqua ma a causa della corrente non riuscivano a tornare a riva.

Per salvarli, si sono tuffati in acqua un uomo di 73 anni, una donna di 65 e un altro adulto di 44 anni. I tre sono riusciti a salvare i bambini ma non sono riusciti a rientrare a riva.

Il 73enne, nonno di due dei tre bimbi in acqua, è deceduto; grave la donna che si è tuffata in acqua, la nonna dell'altro bimbo, che è soccorsa con un'eliambulanza e trasportata all'ospedale con una sindrome da annegamento. Non è grave la terza persona, un cittadino cubano.

"Le condizioni fisiche dei bambini sono buone. Come quelle del giovane soccorritore, che non desta preoccupazione. Serie invece le condizioni della donna di circa 65 anni ricoverata all’ospedale di Latina", ha dichiarato il comandante della Capitaneria di Porto di Terracina, Alessandro Poerio.

Così il comandante spiega la dinamica dell'incidente: "Si è verificato nel tratto di spiaggia libera, quindi senza bagnini. Gli stabilimenti circostanti avevano tutti la bandiera rossa, a segnalare il divieto di stare in acqua".

In alto le immagini, tratte da Google Maps, del luogo dove sono avvenuti i fatti.

PROSEGUI LA LETTURA

Terracina: nonno salva nipoti e muore annegato é stato pubblicato su Cronacaeattualita.blogosfere.it alle 23:11 di Tuesday 27 June 2017

]]>
0
Panico sull'aereo, il pilota: "Pregate" - Video Tue, 27 Jun 2017 14:39:41 +0000 http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/584255/airasia-problemi-tecnici-in-volo-sulloceano-indiano-il-pilota-pregate-video http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/584255/airasia-problemi-tecnici-in-volo-sulloceano-indiano-il-pilota-pregate-video Daniele P. Daniele P.

Un problema tecnico su un volo di AirAsia X partito due giorni fa a Perth, in Australia, e diretto a Kuala Lumpur, in Malesia, ha fatto sobbalzare e vibrare il velivolo per più di un’ora, provocando il terrore tra i passeggeri ormai pronti al peggio, specialmente dopo che il pilota, in almeno due occasioni, ha chiesto loro di mettersi a pregare.

I piloti, anche in caso di pericolo, sono soliti mantenere la calma - o almeno non lanciano messaggi di panico attraverso gli altoparlanti - ma in questo caso la persona che si trovava alla guida del mezzo ha preferito avvisare i passeggeri e mostrarsi profondamente preoccupato.

Alla fine tutto si è concluso nel migliore dei modi: il pilota è riuscito a riportare l’Airbus A330 a Perth, da dove era partito poco prima, e l’atterraggio si è svolto senza particolari intoppi. La compagnia aerea ha comunicato che l’incidente è ancora sotto inchiesta e anche l’azienda Rolls-Royce, che ha realizzato i motori del velivolo, sta facendo tutto gli accertamenti caso.


airasia.jpg

PROSEGUI LA LETTURA

Panico sull'aereo, il pilota: "Pregate" - Video é stato pubblicato su Cronacaeattualita.blogosfere.it alle 16:39 di Tuesday 27 June 2017

]]>
0
Monterotondo, centro raccolta rifiuti in fiamme Tue, 27 Jun 2017 10:24:09 +0000 http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/584247/monterotondo-rm-centro-raccolta-rifiuti-in-fiamme-video http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/584247/monterotondo-rm-centro-raccolta-rifiuti-in-fiamme-video Daniele P. Daniele P.

Nuovo incendio in un centro di raccolta rifiuti alle porte di Roma. A poche settimane dal caso di Pomezia, dalle prime ore di questa mattina i vigili del fuoco sono al lavoro per domare le fiamme divampate all’interno di una ditta per la raccolta e il trattamento dei rifiuti di Monterotondo, a pochi chilometri dalla Capitale.

Secondo quanto reso noto dai vigili del fuoco, le fiamme avrebbero coinvolto principalmente carta, legno e plastica. Sul posto sono presenti due squadre dei vigili del fuoco, tre autobotti e un’autoscala.

PROSEGUI LA LETTURA

Monterotondo, centro raccolta rifiuti in fiamme é stato pubblicato su Cronacaeattualita.blogosfere.it alle 12:24 di Tuesday 27 June 2017

]]>
0
Cuneo, 24enne adesca oltre 100 minorenni online Tue, 27 Jun 2017 09:27:34 +0000 http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/584244/cuneo-24enne-adesca-oltre-100-minorenni-online http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/584244/cuneo-24enne-adesca-oltre-100-minorenni-online Daniele P. Daniele P.

pc-online.jpg

Un ragazzo di 24 anni residente in provincia di Cuneo è stato arrestato dalla Polizia Postale di Torino con l’accusa di aver adescato online, nel corso degli ultimi tre anni, almeno un centinaio di minorenni.

Il giovane, direttore sportivo di una squadra di calcio giovanile, avrebbe creato una serie di finti profili di donne e ragazze sui social network e attraverso questi avrebbe adescati i giovanissimi, quasi tutti facenti parte del mondo del calcio giovanile, e li avrebbe convinti a inviargli immagini erotiche, arrivando anche a ricattarli per averne di nuove.

Immagini pedopornografiche che il 24enne, secondo quanto reso noto dalle autorità, avrebbe conservato nel proprio computer e che adesso sono state sequestrate dagli inquirenti.

Il 24enne è stato posto agli arresti domiciliari.

PROSEGUI LA LETTURA

Cuneo, 24enne adesca oltre 100 minorenni online é stato pubblicato su Cronacaeattualita.blogosfere.it alle 11:27 di Tuesday 27 June 2017

]]>
0
Brutte notizie per gli automobilisti Tue, 27 Jun 2017 13:05:07 +0000 http://www.soldiblog.it/post/121849/tacito-rinnovo-rc-auto-novita http://www.soldiblog.it/post/121849/tacito-rinnovo-rc-auto-novita re.mar. re.mar.

tacito rinnovo rc auto

Tacito rinnovo Rc Auto, il ritorno. Francesco Cancellato de "Linkiesta" ha scoperto e scritto per primo che una norma sul ripristino del tacito rinnovo è stata inserita nel ddl concorrenza: quali sono le probabili conseguenze? Gli aumenti delle polizze assicurative.

Cos'è il tacito rinnovo Rc Auto

Il tacito rinnovo Rc auto è una clausola del contratto di assicurazione che prevede il rinnovo automatico del contratto scaduto in assenza di esplicita disdetta da parte del cliente. Senza alcuna comunicazione da parte del cliente infatti fino a maggio 2012 le compagnie assicurative tradizionali rinnovavano automaticamente le polizze Rc Auto e Moto per altri 12 mesi. Era compito e onere del cliente comunicare con lettera raccomandata la volontà di disdetta del contratto 15 giorni prima della scadenza.

Tutte questo discorso vale per le assicurazioni fisiche, tradizionali, non per quelle online che non hanno mai beneficiato della clausola e per le quali ritorno del tacito rinnovo Rc auto o meno nulla cambia, perché comunque continueranno a non usufruirne.

Il tacito rinnovo assicurativo venne abolito dal governo Monti nel giugno 2012, per favorire la concorrenza nel settore; da allora secondo i dati citati da Cancellato il premio si è ridotto di circa 80 euro in 4 anni, il 18,3% sul totale, per un trend in discesa.

Ora invece le compagnie assicurative potranno "giocare" sulle dimenticanze dei clienti per scadenze e disdette - rendendo di fatto impraticabili i cambi di compagnia assicurativa per ottenere condizioni più vantaggiose - con il risultato finale di stoppare il calo dei prezzi delle polizze?

La replica della senatrice Laura Puppato

La senatrice Laura Puppato (PD) autrice dell’emendamento che abolisce il divieto al tacito rinnovo per alcuni aspetti delle polizze assicurative ha replicato con una lettera al direttore de L'Inkiesta che riportiamo anche noi.

"Il cliente sarebbe stato costretto a scegliere tra la temporaneità di una copertura e un contratto pluriennale". Scrive la senatrice Puppato spiegando le sue ragioni:

Caro direttore,

l’abolizione del tacito rinnovo nelle assicurazioni rami danni non obbligatorie sarebbe stato un regalo alle grandi case assicuratrici e un danno per i cittadini.

L'emendamento approvato mesi fa in commissione industria senato dichiarava l'intento di far ritenere un'ulteriore apertura alla libera concorrenza la scelta di togliere di mezzo il tacito rinnovo nei contratti assicurativi rami danni, cosa vera solo all'apparenza e per chi non mastica di assicurazioni... Proviamo a capire il perché.

I contratti assicurativi privati non sono una tassa, né una estorsione cui il cittadino si sottopone suo malgrado; nel settore rami danni che vede coperture volontarie e non obbligatorie - al contrario di ciò che avviene per l'Rc auto dove sussiste l'obbligatorietà di stipula - il cittadino o l'azienda valutano sul mercato la copertura più idonea alle proprie necessità, oppure stipulano questa garanzia presso la compagnia e/o l'agenzia che ritengono di propria fiducia.

Stiamo discutendo di contratti né obbligatori né preconfezionati, ma di polizze anche molto complesse che riguardano beni primari come la salute, la sicurezza, i propri fabbricati e l'attività imprenditoriale, dunque è chiaro che il contratto riveste un'importanza notevole, consta di clausole e descrizioni, nasce da valutazioni e richieste del cliente accettate dall'agente e dalla compagnia, talvolta anche speciali...

Quale sarebbe in questi casi, il vantaggio per il cliente di ritrovarsi dopo un anno con un contratto che è carta straccia, non più rinnovabile alle medesime condizioni, ma a condizioni peggiorate con franchigie, scoperti o aumenti di premio, solo perché per quel rischio assicurato ha avuto nel corso dell'anno un sinistro o, se si tratta di una malattia o di un infortunio, un aggravamento del rischio che lo rende più costoso o non assicurabile?

Non c'è alcun vantaggio infatti.

Strano a dirsi ma nella condizione uscita dalla modifica fatta approvare con un blitz alla commissione Senato, prima della necessaria correzione alla Camera, quel medesimo cliente che, a parole, si vorrebbe difendere, viene invece costretto a scegliere tra la temporaneità di una copertura e un contratto pluriennale, magari proprio decennale, senza preoccuparsi minimamente per la sua libertà di scelta.

Dunque si dovrebbe considerare come "concorrenziale" che un cliente sia costretto ad un vincolo di così lunga durata - vero cappio al collo che impedisce ogni forma di disdetta- ma ci si preoccupa di liberarlo da una copertura assicurativa con un contratto annuale avente tacito rinnovo.

La cosa è alquanto sospetta, tutto pare fuorché una norma a favore del cliente.

Ma l'ulteriore verifica presso i mercati assicurativi Ue - più limpidi e trasparenti nonché di più lunga storia - ci garantiscono ancora di più sulla nostra convinzione, giacché i contratti temporanei, gli annuali con e senza il tacito rinnovo e anche i pluriennali esistono come scelta sempre disponibile per il cittadino-cliente in ogni parte di Europa a partire dalle grandi tradizioni assicurative del nord Europa. Mentre noi in nome di chissà quale principio, non dovremo più permettere queste opportunità, limitandole, e togliendo di mezzo, guarda un po', non i contratti decennali, ma quelli ben più consapevoli e vantaggiosi, disdettabili 30gg prima della scadenza, annuali ma con il vincolo per la compagnia di mantenere la copertura e il rischio alle medesime condizioni della stipula.

Come dire che il diavolo si annida nei particolari.

La verità dunque richiede conoscenza del settore e approfondimento, si vedrà così che la norma che cancella i contratti annuali con tacito rinnovo ha certo degli estimatori... ma non sono i cittadini.

Bensì le grandi compagnie di assicurazione che in un sol colpo tengono sotto scacco gli agenti professionisti - magari plurimandatari grazie alla norma Bersani - per incrementare le vendite on line e preconfezionate, ovvero mettendo il cittadino di fronte a contratti di decine di pagine, ricche di clausole, senza l’intermediazione di una persona di sua fiducia, con il rischio di firmare contratti incomprensibili che, in caso di bisogno, lasciano l'amaro in bocca e nessun ritorno economico al cliente danneggiato.

Non solo, li lasciano pure scoperti dalle garanzie senza preavviso oppure esposti al pagamento di premi più onerosi o di franchigie e scoperti più alti grazie a condizioni che cambiano e di cui il cliente non ha alcuna contezza...Per concludere saremo stati, senza la sacrosanta modifica apportata anche su mia convinzione alla Camera - ultimo passaggio del dl concorrenza - l'unico paese europeo ad eliminare il contratto più garantista per il cliente ma meno favorevole alle imprese di assicurazione ... e avremo avuto pure "l'originalità" di inserirlo nella legge per ampliare la concorrenza....

Sono completamente estranea a favori di corporazione, conosco il settore e so distinguere semplicemente a chi conviene, che cosa...ho anche avanzato perciò la proposta di rescindere dal contratto unilateralmente - ma solo da parte del cliente - o di ridurre drasticamente i tempi di disdetta, se si intende davvero fare il vantaggio del consumatore debole. Ma ciò non è avvenuto perché gli intenti a monte di quel provvedimento erano ben altri. Dunque almeno impediamo le soluzioni peggiorative per i clienti e possiamo ben dire oggi, scampato pericolo!

Laura Puppato

* senatrice Pd

Ps.

( Chi ha voluto vedere, nella mia azione in Parlamento, un tentativo di difendere chissà quali interessi occulti, ha preso un granchio colossale, non conosce la mia storia ne' la mia forza deontologica che mi ha permesso di passare indenne da ogni crisi, in oltre 30 anni di nobile storia assicurativa e di rappresentanza.)

PROSEGUI LA LETTURA

Brutte notizie per gli automobilisti é stato pubblicato su Soldiblog.it alle 15:05 di Tuesday 27 June 2017

]]>
0
Salvataggio banche venete: quanto costa Mon, 26 Jun 2017 11:52:20 +0000 http://www.soldiblog.it/post/121841/salvataggio-banche-venete-costi http://www.soldiblog.it/post/121841/salvataggio-banche-venete-costi re.mar. re.mar.

salvataggio banche venete

Salvataggio banche venete, quanto mi costi? Il conto per la collettività derivante dalla crisi e dal salvataggio "per decreto" delle banche venete Veneto Banca e Banca Popolare di Vicenza costerà in tutto 42,5 miliardi di euro secondo l'associazione dei consumatori Codacons. In soldoni, sostiene l'associazione presieduta da Carlo Rienzi, i 118.994 soci di Bpvi e gli 87.502 di Veneto Banca hanno dovuto subire il deprezzamento delle proprie azioni per 10 miliardi di euro; a questo sono da aggiungere le perdite degli ultimi anni per circa 9 miliardi di euro e gli aumenti di capitale per 6,5 miliardi.

"A tali cifre si aggiungono i costi del salvataggio di Stato varato ieri dal Governo che mobiliterà 17 miliardi di euro portando il conto complessivo della crisi delle banche venete a sfiorare i 42,5 miliardi di euro. La gestione scriteriata delle banche venete viene addossata alla collettività, con i cittadini che, ancora una volta, pagheranno il conto della crisi degli istituti di credito un maxi-esborso che intacca le tasche non solo di azionisti e obbligazionisti delle due banche venete, ma dell’intera collettività attraverso risorse pubbliche che vengono distratte in favore dei salvataggi di Stato" dice Rienzi.

Salvataggio banche venete, il decreto e il ruolo di Intesa

Il decreto legge, approvato dal Consiglio dei ministri nel weekend, ha reso possibile la liquidazione coatta amministrativa di Veneto Banca e Popolare di Vicenza, con conseguente passaggio della parte "non malata" delle due banche venete al Gruppo Intesa Sanpaolo che stamane vola in borsa.

Il contratto di cessione a Intesa San Paolo della attività di Popolare Vicenza e Veneto Banca "include una clausola risolutiva, che prevede l'inefficacia del contratto e la retrocessione alle banche in liquidazione coatta amministrativa del perimetro oggetto di acquisizione, in particolare nel caso in cui il Decreto Legge non fosse convertito in legge, ovvero fosse convertito con modifiche e/o integrazioni tali da rendere più onerosa per Intesa Sanpaolo l'operazione, e non fosse pienamente in vigore entro i termini di legge" spiega Intesa. Il governo ci mette subito 5,2 miliardi per tenere aperti gli sportelli delle due venete.

Il presidente del consiglio Paolo Gentiloni si dice soddisfatto per aver evitato un "fallimento disordinato". I commissari nominati da Bankitalia sono per le due banche commissarie sono, per Bpvi, Fabrizio Viola, Claudio Ferrario, Giustino Di Cecco; Alessandro Leproux e Giuliana Scognamiglio per Veneto Banca.

PROSEGUI LA LETTURA

Salvataggio banche venete: quanto costa é stato pubblicato su Soldiblog.it alle 13:52 di Monday 26 June 2017

]]>
0
Equitalia stop, al via l'Agenzia Entrate-Riscossione Mon, 26 Jun 2017 07:06:30 +0000 http://www.soldiblog.it/post/121831/equitalia-agenzia-entrate-riscossione http://www.soldiblog.it/post/121831/equitalia-agenzia-entrate-riscossione re.mar. re.mar.

Agenzia Entrate-Riscossione

Equitalia dal 30 giugno 2017 cessa di esistere: abolita, soppressa dal decreto fiscale 193/2016, convertito poi nella Legge 225/2016. Tutti i debiti, le cartelle esattoriali, gli altri rapporti pendenti e le cause in corso vengono così trasferiti ad Agenzia delle Entrate-Riscossione che diventa in sostanza la nuova Equitalia.

Cartelle esattoriali e debiti pendenti con Equitalia anche relativi a tasse locali come Imu, Tasi e Tari, saranno quindi da corrispondere all'Agenzia delle Entrate-Riscossione. Il cambio di soggetto non cancella insomma cartelle e debiti. Chi ora si trova con una cartella di pagamento di Equitalia, o chi ha un piano di rateizzazione in corso, dovrà corrispondere il dovuto ad Agenzia delle Entrate-Riscossione.

I benefici per i debitori del passaggio di testimone Equitalia-Agenzia Entrate-Riscossione? Nessuno, se si esclude la cosiddetta rottamazione delle cartelle inevase, una mini sanatoria su interessi di mora e sanzioni.

Agenzia delle Entrate-Riscossione avrà più poteri della vecchia Equitalia che potrà usare i dati e le informazioni già in uso all'Agenzia "anche ai fini dell'esercizio delle funzioni relative alla riscossione nazionale". Il questo quadro di inserisce la possibilità di pignoramento diretto del conto corrente, da luglio 2017.

PROSEGUI LA LETTURA

Equitalia stop, al via l'Agenzia Entrate-Riscossione é stato pubblicato su Soldiblog.it alle 09:06 di Monday 26 June 2017

]]>
0
Vicenza, frana nel comune di Enego - VIDEO Sun, 25 Jun 2017 09:38:10 +0000 http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/584207/vicenza-frana-nel-comune-di-enego-video http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/584207/vicenza-frana-nel-comune-di-enego-video Daniele P. Daniele P.

L’inattesa ondata di maltempo che ha travolto in queste ore le Alpi, le Prealpi e gran parte della Pianura Padana ha portato con sé violente piogge e grandinate. Nel piccolo comune di Enego, sull’Altopiano dei Sette Comuni in provincia di Vicenza, una frana ha investito la frazione di Fossi Di Sotto, bloccando la strada che porta proprio ad Enego.

I filmati diffusi via Facebook dalla pagina Meteo Bassano e Pedemontana del Grappa mostrano il disagio e i danni provocati dalla frana, che ha di fatto bloccato la viabilità dei residenti. I mezzi di soccorso sono già all’opera nella zona, mentre tutti i cittadini sono stati prontamente invitati a non recarsi nell’area.

vicenza-frana-nel-comune-di-enego.jpg

PROSEGUI LA LETTURA

Vicenza, frana nel comune di Enego - VIDEO é stato pubblicato su Cronacaeattualita.blogosfere.it alle 11:38 di Sunday 25 June 2017

]]>
0
Il Qatar si ribella alle richieste dei paesi arabi Sat, 24 Jun 2017 19:43:10 +0000 http://www.polisblog.it/post/386695/qatar-respinte-le-richieste-arabia-saudita-egitto-emirati-arabi-e-bahrain http://www.polisblog.it/post/386695/qatar-respinte-le-richieste-arabia-saudita-egitto-emirati-arabi-e-bahrain Daniele Particelli Daniele Particelli

Si fa sempre più tesa la situazione nella Penisola Araba dopo che il ministro degli esteri del Qatar, Mohammed bin Abdulrahman Al Thani, ha annunciato di aver respinto la lista delle 13 richieste imposte da Arabia Saudita, Egitto, Emirati Arabi Uniti e Bahrain per fare in modo di rimuovere le sanzioni imposte al Qatar in queste ultime settimane, dopo che le accuse supporto al terrorismo si sono fatte più forti e concrete.

Nel respingere nuovamente al mittente quelle accuse, Al Thani ha sottolineato come quelle richieste non abbiano nulla a che vedere con la lotta al terrorismo, ma sarebbero invece finalizzate a limitare la sovranità del Qatar.

L’elenco completo delle tredici richieste non è stato reso pubblico, ma stando a quanto diffuso dall’agenzia di stampa Associated Press, i quattro Paesi avrebbero chiesto, tra le altre cose, di:


    - chiudere l’emittente Al Jazeera
    - ridurre ogni legame con l’Iran e chiudere tutte le sedi diplomatiche nel Paese
    - chiudere la base militare in Turchia
    - interrompere ogni legame con lo Stato Islamico, con al-Qaeda e con Hezbollah
    - interrompere ogni legame con l’organizzazione dei Fratelli Musulmani, già bandita negli altri Paesi
    - rifiutarsi di naturalizzare i cittadini dei quattro Paesi ed espellere quelli che si trovano attualmente sul proprio territorio
    - consegnare tutti gli individui ricercati per terrorismo negli altri quattro Paesi
    - interrompere il finanziamento di ogni entità estremista indicata come terrorista dagli Stati Uniti
    - fornire informazioni dettagliate sulle figure dell’opposizione che il Qatar ha finanziato in Arabia Saudita e nelle altre Nazioni.
    - allinearsi politicamente, economicamente e in ogni altro modo col Consiglio di cooperazione del Golfo.
    - interrompere il finanziamento di ogni organizzazione di informazione in aggiunta ad Al Jazeera, come Arabi21 e Middle East Eye.
    - pagare una somma di cui non è stata resa pubblica l’entità.

Il ministro degli esteri degli Emirati Arabi Uniti ha precisato che davanti a un rifiuto del Qatar di accettare quelle richieste, l’unica soluzione è l’interruzione totale di ogni contatto col Paese:

L’alternativa è la chiusura totale. É molto difficile per noi mantenere i rapporti con un partner che promuove attivamente quella che è a tutti gli effetti un’agenda estremista e terrorista.

DOHA, QATAR - JANUARY 04:  View of the skyline in Doha on January 4, 2011 in Doha, Qatar. The International Monetary Fund (IMF) recently reiterated its projection for the Qatari economy with predictions of double digit growth for 2010 and 2011. Though natural gas and petroleum production are still the biggest two single sources of income, the non-energy sector overtook oil and gas in Qatari GDP for 2009. Qatar is heavily dependant on foreign labour from countries such as India, Sri Lanka, Bangladesh, the Phillipines and other Arab countries. Foreigners make up approximately two thirds of the Qatari population. The FIFA world cup 2022 will takes place in Qatar. (Photo by Christof Koepsel/Getty Images)

PROSEGUI LA LETTURA

Il Qatar si ribella alle richieste dei paesi arabi é stato pubblicato su Polisblog.it alle 21:43 di Saturday 24 June 2017

]]>
0
Nuoro, allevatore ucciso a colpi di fucile Sat, 24 Jun 2017 13:17:28 +0000 http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/584168/nuoro-allevatore-ucciso-a-colpi-di-fucile http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/584168/nuoro-allevatore-ucciso-a-colpi-di-fucile Daniele P. Daniele P.

omicidio-fonni.jpg

Un uomo di 47 anni, Salvatore Nolis, è stato ucciso questa mattina mentre si trovava a bordo della propria automobile in aperta campagna a Fonni, in provincia di Nuoro.

L’uomo, operaio forestale e allevatore per passione, stava rientrando a casa dal suo ovile quando è stato raggiunto da due colpi di fucile alla testa, esplosi da una distanza ravvicinata mentre era ancora seduto in auto.

Non ci sono testimoni e il movente è ancora sconosciuto, ma appare probabile che la persona che ha ucciso Nolis era a conoscenza dei suoi spostamenti e l’ha atteso al ritorno dall’ovile. Del caso si stanno occupando carabinieri della Compagnia di Nuoro, guidati dal maggiore Alessio Falzone.

PROSEGUI LA LETTURA

Nuoro, allevatore ucciso a colpi di fucile é stato pubblicato su Cronacaeattualita.blogosfere.it alle 15:17 di Saturday 24 June 2017

]]>
0
Cuore, i consigli dei cardiologi per un'estate sicura Tue, 27 Jun 2017 07:59:19 +0000 http://scienzaesalute.blogosfere.it/post/570477/cuore-i-consigli-dei-cardiologi-per-unestate-sicura http://scienzaesalute.blogosfere.it/post/570477/cuore-i-consigli-dei-cardiologi-per-unestate-sicura ValentinaRorato ValentinaRorato

cuore-diabete.jpg

Le alte temperature possono mettere a dura prova la nostra salute. Per questo motivo la Società italiana di cardiologia (Sic), in queste giornate di caldo afoso, ha elaborato una serie di consigli per proteggere il nostro cuore. Come ricorda il presidente Francesco Romeo:

"Questa situazione climatica così estrema con valori di temperatura e afa molto alti è pericolosa per i soggetti a rischio, soprattutto anziani e cardiopatici. Sono a rischio perché tale situazione climatica determina una alterazione del sistema circolatorio: c'è una perdita di liquidi ed una vasodilatazione e traspirazione eccessive; ciò può portare ad una disidratazione che può a sua volta portare a insufficienza renale acuta oppure ad una iposodimia, ovvero un basso valore di sodio nel sangue, che si configura poi con danni neurologici importanti".


  • Evitare temperature esterne alte e restare in ambienti ventilati
  • Bere molto acqua e mangiare molta frutta che contiene acqua e potassio

  • Evitare abiti che impediscano la traspirazione
  • Evitare pasti abbondanti.
  • Il mare va bene ma nelle prime ore della mattina o in quelle serali.
  • Attenzione ai farmaci: il caldo può accentuarne l'effetto e quindi nel periodo estivo potrebbe rendersi necessario cambiare i dosaggi, sempre sotto il controllo dello specialista. E fondamentale è anche conservare i medicinali correttamente, rispettando le temperature indicate sulle confezioni
  • I soggetti con ipertensione arteriosa in trattamento durante l'estate devono controllare più spesso la pressione e dovrebbero discutere con il medico l'eventualità di ridurre la terapia. Sempre i pazienti affetti da ipertensione o scompenso cardiaco dovrebbero inoltre evitare gli sbalzi da temperature troppo calde a troppo fredde. Esporsi a lungo al sole per poi tuffarsi in acque fredde può infatti provocare una congestione, soprattutto nei soggetti che prendono farmaci.
  • L'aria in montagna è caratterizzata da una ridotta 'pressione parziale' d'ossigeno e questo induce il cuore ad un lavoro maggiore, portando alcuni rischi. Per questo è opportuno informare il medico della destinazione scelta, adeguando opportunamente la terapia, evitare le quote troppo alte al di sopra dei 1.500 metri e raggiungere la destinazione in quota progressivamente.

PROSEGUI LA LETTURA

Cuore, i consigli dei cardiologi per un'estate sicura é stato pubblicato su Scienzaesalute.blogosfere.it alle 09:59 di Tuesday 27 June 2017

]]>
0
Labirintite: i sintomi da riconoscere Tue, 27 Jun 2017 07:52:08 +0000 http://scienzaesalute.blogosfere.it/post/569857/labirintite-i-sintomi-da-riconoscere http://scienzaesalute.blogosfere.it/post/569857/labirintite-i-sintomi-da-riconoscere Andrea Butkovič Andrea Butkovič

I sintomi della labirintite sono simili a quelli di ansia e panico.

La labirintite è un'infiammazione dell'orecchio interno conosciuta anche con i nomi di otite interna o neurite vestibolare. La labirintite infatti colpisce il sistema vestibolare, il principale responsabile del nostro senso dell'equilibrio. I sintomi della labirintite possono essere scambiati per sintomi di altre malattie, anche perché l'esordio della malattia è acuto e repentino.

I sintomi della labirintite si manifestano senza alcun preavviso e di colpo, con molta violenza. Ecco tutti i sintomi da riconoscere della labirintite:


  • vertigini

  • nausea

  • vomito

  • nistagmo (movimenti involontari degli occhi)

  • ansia

  • attacchi di panico

  • confusione

  • acufeni

  • difficoltà a mantenere l'equilibrio

  • giramenti di testa

  • mal di stomaco

  • pallore

  • perdita dell'udito

  • depressione

  • tremore

  • palpitazioni

  • mal di testa


Spesso i danni provocati dalla labirintite sono irreversibili, come la perdita dell'udito e quella della funzionalità del sistema vestibolare. I sintomi della labirintite possono durare anche a lungo, tutto il tempo necessario per il cervello di adattarsi a ricevere le informazioni sull'equilibrio soltanto da un orecchio.

PROSEGUI LA LETTURA

Labirintite: i sintomi da riconoscere é stato pubblicato su Scienzaesalute.blogosfere.it alle 09:52 di Tuesday 27 June 2017

]]>
0
Epatite E: cause, sintomi e vaccino Tue, 27 Jun 2017 08:58:45 +0000 http://scienzaesalute.blogosfere.it/post/570480/epatite-e-cause-sintomi-e-vaccino http://scienzaesalute.blogosfere.it/post/570480/epatite-e-cause-sintomi-e-vaccino Patrizia Chimera Patrizia Chimera

Epatite E

L'epatite E è una malattia del fegato provocata da un virus e si trasmette per via oro-fecale, mangiando alimenti o bevendo acqua contaminati da feci infette. E' molto rara in Italia e nei paesi industrializzati, mentre è più frequente nei paesi in via di sviluppo e in quelli dove le condizioni igieniche sono precarie. L'epatite E è frequente in Medio Oriente, in Messico e India, con un'incidenza maggiore nei soggetti con età compresa tra 15 e 34 anni.

L'epatite E ha un periodo di incubazione che va da 2 a 9 settimane e dura in media 40-50 giorni. I sintomi con cui si presenta l'epatite E sono molto simili ai sintomi dell'epatite A: possiamo notare ittero, malessere generale, anoressia, dolori addominali, dolori articolari, febbre anche molto alta. I sintomi si fanno più gravi se l'epatite E colpisce le donne incinte. E' più mortale dell'epatite A.

Prevenire si può, evitando di bere acqua non confezionata nei paesi a rischio, lavando bene frutta e verdura, sbucciando la frutta, mangiando carne e pesce solamente cotti. Attenzione ai cubetti di ghiaccio e a lavarsi i denti con l'acqua della bottiglietta chiusa. Non bere acqua mentre si fa un bagno in mare o sotto la doccia. Lavarsi spesso le mani e non usare oggetti a uso personale di altre persone è di fondamentale importanza.

Come si cura l'epatite E? Non esiste una terapia specifica ed efficace, per questo la prevenzione è importante. In Cina è anche già disponibile un vaccino in grado di prevenire l'epatite E.

PROSEGUI LA LETTURA

Epatite E: cause, sintomi e vaccino é stato pubblicato su Scienzaesalute.blogosfere.it alle 10:58 di Tuesday 27 June 2017

]]>
0
Disturbo dell’ipersessualità: quali sono i sintomi Tue, 27 Jun 2017 13:21:39 +0000 http://scienzaesalute.blogosfere.it/post/569895/disturbo-dellipersessualita-quali-sono-i-sintomi http://scienzaesalute.blogosfere.it/post/569895/disturbo-dellipersessualita-quali-sono-i-sintomi Andrea Butkovič Andrea Butkovič

L'ipersessualità è considerata una dipendenza come altre.

Il disturbo dell'ipersessualità o dipendenza sessuale viene chiamato in inglese sex addiction e si presenta come un disturbo psicologico e comportamentale simile ad ogni dipendenza. La persona affetta da ipersessualità non vive la sessualità come un momento intimo di piacere, ma come un'ossessione utilizzata per sfogare paure, traumi e stress.

I sintomi del disturbo dell'ipersessualità sono l'ossessione per il sesso e il comportamento compulsivo che spinge di continuo all'atto sessuale, alla masturbazione o a comportamenti correlati come il voyeurismo. Sono sintomi dell'ipersessualità anche l'ansia, la depressione e l'aggressività.

I sintomi dell'ipersessualità però possono variare nel tempo e di solito peggiorano fino a portare la persona in un profondo stato di stress psicofisico. I sintomi tipici della dipendenza sessuale comprendono alterazioni del sonno, frustrazione, apatia e stanchezza cronica, diminuzione della memoria e delle abilità intellettive, problemi sociali e comportamenti a rischio di vario tipo.

Tra i comportamenti a rischio scatenati dall'ipersessualità figurano l'esposizione alle malattie sessualmente trasmissibili, il consumo anche illegale di pornografia e comportamenti disinibiti in contesti non opportuni. Le cause dell'ipersessualità possono essere traumi e disturbi psicologici di vario tipo o situazioni che generano nella persona un sistema di credenze irreale basato su un'immagine di sé distorta.

Secondo alcuni psicologi la persona affetta da disturbo dell'ipersessualità è convinta di non poter essere amata da nessuno e che il sesso è il bisogno principale della propria vita. Chi soffre di ipersessualità è convinto di essere una brutta persona e che non può in alcun modo dipendere da altre persone. Per questo la vita sociale e i rapporti di chi è affetto da ipersessualità sono molto difficili.

PROSEGUI LA LETTURA

Disturbo dell’ipersessualità: quali sono i sintomi é stato pubblicato su Scienzaesalute.blogosfere.it alle 15:21 di Tuesday 27 June 2017

]]>
0