it_IT Entertainment Blogo.it - Ultime notizie della sezione Entertainment Tue, 13 Nov 2018 19:14:46 +0000 Tue, 13 Nov 2018 19:14:46 +0000 Zend_Feed_Writer 2 (http://framework.zend.com) http://www.blogo.it/entertainment 2004-2014 Blogo.it Playboy chiede scusa ad Ennio Morricone: 'parole su Tarantino in parte riprodotte in modo errato' Tue, 13 Nov 2018 19:01:17 +0000 http://www.cineblog.it/post/800590/playboy-ennio-morricone-quentin-tarantino http://www.cineblog.it/post/800590/playboy-ennio-morricone-quentin-tarantino Federico Boni Federico Boni

Il colpo di scena di una vicenda che va avanti da 48 ore, ovvero da quando Playboy Germania, per 'festeggiare' i 90 anni di Ennio Morricone, ha pubblicato un'intervista in cui il Maestro definiva Quentin Tarantino un 'cretino', autore di 'film spazzatura'.

Il compositore italiano, due volte premio Oscar, ha negato di aver mai rilasciato quell'intervista, annunciando querela. Questa mattina Playboy Germania ha confermato l'autenticità dell'intervista, a loro dire rilasciata il 30 giugno scorso a Roma, fino alla novità dell'ultima ora. Florian Boitin, Editor-in-Chief di Playboy Germania, ha ufficialmente chiesto scusa per l'errata pubblicazione.

"Dobbiamo purtroppo presumere che le parole pronunciate nell'intervista siano state, in parte, riprodotte in modo errato". "Fino ad ora, abbiamo sempre considerato il libero professionista che aveva condotto a nostro nome l'intervista di Ennio Morricone come un rinomato giornalista di stampa e radio". "In passato, non avevamo motivo di dubitare della sua integrità e della sua capacità giornalistica. Sulla base delle informazioni ora a nostra disposizione, dobbiamo purtroppo presumere che le parole pronunciate nell'intervista siano state, in parte, riprodotte in modo errato. Vorremmo esprimere il nostro rammarico se il signor Morricone è stato ritratto in una falsa luce. Stiamo lavorando per chiarire la questione".

L'intervista, condotta dal giornalista Marcel Anders, è stata pubblicata nel numero di dicembre di Playboy Germany e resa disponibile online domenica mattina. Playboy non ha specificato quali parti dell'intervista siano state citate erroneamente e non ha confermato se vi è una registrazione audio dell'intervista.

Morricone, domenica sera, aveva rivelato di non aver mai rilasciato alcuna intervista e di non aver mai visto il giornalista in questione, per poi riempire di elogi Tarantino, con cui ha vinto il suo 2° Oscar grazie alla colonna sonora di The Hateful Eight.

Fonte: HollywoodReporter

PROSEGUI LA LETTURA

Playboy chiede scusa ad Ennio Morricone: 'parole su Tarantino in parte riprodotte in modo errato' é stato pubblicato su Cineblog.it alle 20:01 di Tuesday 13 November 2018

]]>
0
Little Mix si separano dalla Syco di Simon Cowell poco prima dell'uscita del nuovo album, LM5 Tue, 13 Nov 2018 17:47:04 +0000 http://www.soundsblog.it/post/518097/little-mix-si-separano-da-syco-simon-cowell-uscita-album-lm5 http://www.soundsblog.it/post/518097/little-mix-si-separano-da-syco-simon-cowell-uscita-album-lm5 Alberto Graziola Alberto Graziola

Le Little Mix si sono separate dall'etichetta discografica Syco di Simon Cowell pochi giorni prima dell'uscita del loro nuovo album. La notizia è stata resa ufficiale e la girlband sarà gestita dalla Modest. Un portavoce del giudice di X Factor, Simon Cowell, ha confermato il tutto:

"Syco Music non lavorerà più con la Modest Management e, di conseguenza, con ogni artista che ha firmato con quella società di gestione"

Lavorano nella Modest Management anche i vincitori di X Factor dell'anno scorso, i Rak-Su, che ora hanno seguito le Little Mix nel passaggio dalla Syco di Cowell alla RCA, che fa ancora parte del più ampio gruppo Sony.

La girlband aveva firmato con Syco dopo aver vinto X Factor nel 2011.

Vantano anche quattro singoli No.1 e altri nove canzoni Top 10.

Il quinto album in studio delle Little Mix LM5, che include il nuovo singolo "Woman Like Me", uscirà venerdì 16 novembre 2018.

PROSEGUI LA LETTURA

Little Mix si separano dalla Syco di Simon Cowell poco prima dell'uscita del nuovo album, LM5 é stato pubblicato su Soundsblog.it alle 18:47 di Tuesday 13 November 2018

]]>
0
Analisi Auditel: Il pomeriggio di lunedì 12 novembre 2018 Tue, 13 Nov 2018 17:30:25 +0000 http://www.tvblog.it/post/1580548/analisi-auditel-il-pomeriggio-di-lunedi-12-novembre-2018 http://www.tvblog.it/post/1580548/analisi-auditel-il-pomeriggio-di-lunedi-12-novembre-2018 Hit Hit

Analisi Auditel: Il pomeriggio di lunedì 12 novembre 2018

Il pomeriggio parte con la curva di Canale5 con Beautiful al comando attorno al 20%, seguita dalla linea verde dei Tg Regionali attorno al 17% di share. In seguito è la curva di Canale5 a polarizzare come sempre gli ascolti toccando il 20% con Una vita, mentre la curva blu di Rai1 con Vieni da me scorre al di sopra della linea del 10% di share, mantenendo il medesimo valore nel corso della messa in onda e con la curva gialla dello Sportello di Forum che si ferma al di sotto della soglia del 10% di share.

In seguito solita performance della curva di Canale5 che continua ad essere al comando toccando il 28% con il varietà Uomini e donne, calando poi con Il Segreto fin verso il 22% ma restando sempre al comando. La curva blu di Rai1 con Il Paradiso delle signore rimane ai livelli di Vieni da me o poco sotto e poi cresce con Vita in diretta sfondando il muro del 15%, con la curva di Canale 5 che pur calando con Pomeriggio 5 resta sempre al comando di un paio di punti dal programma di Rai1.

Nel preserale risulta al comando, seppur di poco, la curva blu dell'Eredità che scorre vicina alla soglia del 25% di share, ma è molto vicina a lei la curva di Caduta libera che nel finale la tocca proprio al 25% di share. La curva del Tg3 e dei Tg Regionali scorre nella corsia che va dal 10 al 15% di share.

PROSEGUI LA LETTURA

Analisi Auditel: Il pomeriggio di lunedì 12 novembre 2018 é stato pubblicato su Tvblog.it alle 18:30 di Tuesday 13 November 2018

]]>
0
Dido: un concerto al Teatro degli Arcimboldi di Milano a maggio 2019 (info e biglietti) Tue, 13 Nov 2018 16:36:14 +0000 http://www.soundsblog.it/post/518091/dido-concerto-arcimboldi-milano-maggio-2019-biglietti http://www.soundsblog.it/post/518091/dido-concerto-arcimboldi-milano-maggio-2019-biglietti Alberto Muraro Alberto Muraro

A ben 15 anni di distanza dalla sua ultima tournée, torna la britannica Dido, l'artista di brani come Here with me, White Flasg e voce femminile di Stan di Eminem, che non è nient'altro che un campionamento del suo brano Thank You. Il prossimo 8 marzo, la cantante pubblicherà il disco Still on my mind, il quinto della sua carriera: l'album è stato anticipato ieri dal pezzo Hurricanes, che potete ascoltare qui.

https://www.instagram.com/p/BqFJDtcgnis/

Per presentare il suo nuovo disco e tutto il meglio della sua carriera, Dido tornerà ad esibirsi dal vivo a breve. Il prossimo 8 maggio la cantante sarà infatti ospite del nostro paese in occasione di un unico live del suo prossimo tour europeo fissato al Teatro degli Arcimboldi di Milano.

I biglietti per il concerto di Dido all'Arcimboldi saranno disponibili in anteprima per gli iscritti a #MyLiveNation dalle ore 10:00 di giovedì 15 novembre (per 24 ore). La vendita generale su Ticketmaster.it, Ticketone e punti vendita autorizzati verrà aperta dalle ore 10.00 di venerdì 16 novembre.

PROSEGUI LA LETTURA

Dido: un concerto al Teatro degli Arcimboldi di Milano a maggio 2019 (info e biglietti) é stato pubblicato su Soundsblog.it alle 17:36 di Tuesday 13 November 2018

]]>
0
Doctor Strange di Stan Lee: su Twitter una pagina della sceneggiatura del film mai realizzato Tue, 13 Nov 2018 16:22:52 +0000 http://www.cineblog.it/post/801226/doctor-strange-di-stan-lee-su-twitter-una-pagina-della-sceneggiatura-del-film-mai-realizzato http://www.cineblog.it/post/801226/doctor-strange-di-stan-lee-su-twitter-una-pagina-della-sceneggiatura-del-film-mai-realizzato Pietro Ferraro Pietro Ferraro

C. Robert Cargill co-sceneggiatore del film Marvel Doctor Strange, ha utilizzato Twitter per condividere una pagina tratta dalla sceneggiatura scritta da Stan Lee per un film degli anni '80, mai realizzato, che vedeva protagonista lo Stregone Supremo. Cargill ha collaborato con Jon Spaihts e il regista Scott Derrickson per creare la storia del film "Doctor Strange" del 2016 che ha introdotto ufficialmente Benedict Cumberbatch nell'Universo Cinematografico Marvel nei panni di Stephen Strange. Il film ha esplorato misticismo, dimensioni cosmiche alternative e il viaggio nel tempo introducendo per la prima volta questi concetti nell'UCM, a cui si è poi aggiunto il "Regno quantico" dei film di Ant-Man, tutti elementi che pare giocheranno un ruolo importante nel futuro del franchise.

Come tributo a Stan Lee scomparso a 95 anni, Cargill ha condiviso la storia del film mai realizzato di "Doctor Strange" su Twitter, che a quanto pare, ha visto Lee scrivere di proprio pugno alcune bozze della sceneggiatura quando Marvel tentò senza successo di realizzare il film negli anni '80. Lawrence Block, Bob Gale e Larry Cohen hanno tutti poi scritto delle ulteriori bozze della sceneggiatura, ma lo scrittore ha rivelato che quella di Lee era in assoluto quella che preferiva.

Come risultato di un film inusuale non è stato mai realizzato, con la Disney che ha acquistato la Marvel e i diritti sono tornati alla Marvel, ciò significa che il processo di sviluppo è durato ufficialmente 33 anni e tutti dovevano essere inclusi in una seconda mediazione.

 

In seguito, quando il progetto venne ripreso, Stan Lee preferì rifiutare il credito per la scrittura, secondo lui la sceneggiatura apparteneva di diritto a Cargill e a i suoi partner di scrittura.

Per quanto riguarda la pagina della sceneggiatura pubblicata che trovate a seguire, viene descritto quello che sembra un primo incontro tra Strange e l'Antico. La scena ricorda molto quella del film del 2016, in particolare il momento in cui l'Antico (Tilda Swinton) mostra ad un sempre più scettico e insofferente Strange (Benedict Cumberbatch) l'esistenza di diversi piani astrali e di una natura mistica dell'universo, esperienza che in principio sciocca Strange che rifiuta l'ipotesi sovrannaturale arrivando a pensare di essere stato drogato a sua insaputa. Inoltre sembra proprio che, nella sceneggiatura di Stan Lee, un primo incontro tra lo Stregone Supremo e Dormammu fosse collocato all'inizio del film, in una sorta di primo approccio di stampo mistico in cui Strange scopre di cosa è capace il Signore della Dimensione Oscura, quale capacità abbia Dormammu di corrompere le fragili creature umane. Strange è così sconvolto da questa orribile visione popolata di creature mostruose che pensa si tratti di qualche incubo partorito dalla sua mente. A quel punto l'Antico spiega a Strange che se la sua missione contro Dormammu dovesse fallire quello che Strange ha percepito come un incubo sarebbe in realtà il destino dell'intero genere umano.

 

 

 

Fonte: C. Robert Cargill

 

 

 

PROSEGUI LA LETTURA

Doctor Strange di Stan Lee: su Twitter una pagina della sceneggiatura del film mai realizzato é stato pubblicato su Cineblog.it alle 17:22 di Tuesday 13 November 2018

]]>
0
Game of Thrones, ad Aprile l'ultima stagione su HBO e Sky Atlantic Tue, 13 Nov 2018 16:16:38 +0000 http://www.tvblog.it/post/1580540/game-of-thrones-aprile-ultima-stagione-trono-di-spade http://www.tvblog.it/post/1580540/game-of-thrones-aprile-ultima-stagione-trono-di-spade Riccardo Cristilli Riccardo Cristilli

Un video pubblicato sui social, su Facebok, su Twitter, su YouTube e HBO conferma tutte le voci che circolavano negli ultimi mesi: l'ottava e ultima stagione di Game of Thrones andrà in onda ad Aprile 2019.

Ormai manca solo una data definitiva, tra il 7, il 14, il 21 o il 28 aprile le quattro domeniche di Aprile in cui l'ultima stagione de Il Trono di Spade - Game of Thrones potrebbe cominciare, il giorno dopo per l'Italia su Sky Atlantic come fatto anche con le precedenti stagioni.

 


Un mese che non è così sorprendente considerando che le prime sei stagioni sono sempre andate in onda tra marzo e aprile e solo la settimana è stata rilasciata a luglio del 2017. Inoltre aprile 2019 come mese di lancio della serie era stato anticipato lo scorso gennaio da Maisie Williams in un'intervista con Metro UK.

Sei episodi che si annunciano epici per l'ottava e ultima stagione di Game of Thrones - Il Trono di spade che arriverà ad aprile 2019, sei episodi che come spesso capita con questa serie tv saranno più lunghi dei canonici 50 minuti già frequenti sulla HBO. Sei settimane in cui i fan di tutto il mondo potranno per l'ultima volta vedere le avventure dei loro personaggi preferiti da Daenerys (Emilia Clark) e Jon Snow (Kit Harington) a Sansa (Sophie Turner) Tyrion (Peter Dinklage) e Arya (Maisie Williams).

Senza dimenticare che è stato annunciato da tempo che il finale di stagione conterrà una scena di battaglia che è stata girata lungo 55 notti nell'invero irlandese. Epica non solo nella resa ma anche nelle riprese. 55 notti di riprese sono una mole di lavoro che nessuna serie tv o film ha mai affrontato prima, ancora di più della Battle of The Bastards della sesta stagione o della Loot Train della settima stagione che hanno avuto bisogno di un mese di riprese.

Trascorse queste sei settimane tra aprile e maggio 2019, dopo i primi giorni di "lutto" in cui i fan potranno discutere di quanto visto, delle diverse morti che ci saranno e sviscerare tutte le loro teorie e i loro commenti, sarà già tempo di guardare al futuro e di pensare allo spinoff di Game of Thrones.

HBO, infatti, non vuole far morire il mondo del Trono di Spade e ha in produzione 5 spinoff di cui uno scritto da Jane Goldman sulla base di un'idea elaborata con George R.R: Martin, autore della saga di Game of Thrones, ha già ricevuto l'ordine per il pilot.

Finito un capitolo HBO e Game of Thrones è già pronta per lanciarne un altro.

PROSEGUI LA LETTURA

Game of Thrones, ad Aprile l'ultima stagione su HBO e Sky Atlantic é stato pubblicato su Tvblog.it alle 17:16 di Tuesday 13 November 2018

]]>
0
Dido: audio, testo e traduzione di Hurricanes, il suo nuovo singolo Tue, 13 Nov 2018 15:56:40 +0000 http://www.soundsblog.it/post/518028/dido-audio-testo-traduzione-hurricanes http://www.soundsblog.it/post/518028/dido-audio-testo-traduzione-hurricanes Alberto Muraro Alberto Muraro





Ad anticipare il progetto, nelle scorse ore, è arrivato il primo estratto Hurricanes, un pezzo delicato e dal sapore elettronico che ricorda, alla lontana, alcuni recenti lavori degli The XX.


PROSEGUI LA LETTURA

Dido: audio, testo e traduzione di Hurricanes, il suo nuovo singolo é stato pubblicato su Soundsblog.it alle 16:56 di Tuesday 13 November 2018

]]>
0
Torino 2018, il programma completo del 36esimo Festival del Cinema Tue, 13 Nov 2018 15:38:29 +0000 http://www.cineblog.it/post/801228/torino-2018-iprogramma-completo http://www.cineblog.it/post/801228/torino-2018-iprogramma-completo Federico Boni Federico Boni

133 lungometraggi, 23 mediometraggi e 22 cortometraggi, di cui 36 lungometraggi opere prime e seconde, 34 anteprime mondiali, 23 anteprime internazionali, 59 anteprime italiane, con oltre 4000 film visionati (tra corti, medi e lungometraggi). Questi i numeri della 36esima edizione del Torino Film Festival, inaugurato il 23 novembre da The Front Runner di Jason Reitman e chiuso il 1° dicembre da Santiago, Italia di Nanni Moretti.

La più importante sezione competitiva del festival, riservata a opere prime, seconde o terze, propone 15 film, inediti nel nostro Paese, con rappresentate le cinematografie di Polonia, Austria, Lussemburgo, Germania, Francia, Belgio, Grecia, Italia, Ungheria, Danimarca, Islanda, Brasile, Filippine, Stati Uniti, Canada. Tra i tanti anche Ride del nostro Valerio Mastandrea e Wildlife, esordio alla regia di Paul Dano.

Ricchissima anche la Festa Mobile, che spazia dal nuovo film di James Franco all'ultimo diretto da Ralph Fiennes, da Elisabetta Sgarbi a Cristina Comencini, da Blaze di Ethan Hawke all'atteso Colette di Wash Westmoreland, da Copia Originale di Marielle Heller a Juliet, Naked di Jesse Peretz, tratto dal romanzo di Nick Hornby Tutta un'altra musica.

Immancabile anche la sezione After Hours, da sempre orientato a thriller e horror. Da Unthinkable, catastrofico-mélo-apocalittico realizzato dal collettivo Crazy Pictures, al nuovo, durissimo e nerissimo action di Brillante Mendoza, Alpha, the Right To Kill, passando per El reino, dove lo spagnolo Rodrigo Sorogoyen (autore di Che Dio ci perdoni), ricostruisce le giornate al cardiopalma di un politico di successo che tenta di coprire le tracce delle sue appropriazioni indebite prima che queste lo portino alla rovina e l'apparente commedia Tyrel di Sebastian Silva, dove a poco a poco s'insinua e cresce una sottile, disturbante tensione intorno al protagonista, che scopre di essere l'unico ospite di colore in uno chalet sui monti Catskills, in mezzo ai tanti amici bianchi che festeggiano un compleanno.

Mercoledì 28 novembre, infine, il Torino Film Festival dedicherà un omaggio al regista Ermanno Olmi dal titolo “Lunga Vita a Ermanno Olmi!”. Un’intera giornata in cui saranno proposti film, documentari, materiali rari o inediti, incontri con ospiti speciali, testimonianze di collaboratori, allievi e ammiratori eccellenti e molte altre iniziative, per ricordare l'attualità e la vitalità di uno dei maestri del cinema moderno, che continua a porsi come esempio per il rigore morale e la perfezione formale. Ad accompagnare le proiezioni e i vari eventi sarà un amico e storico collaboratore di Olmi, il regista Maurizio Zaccaro. Molti gli ospiti che prenderanno parte agli eventi della giornta, come Betta e Fabio Olmi, Mario Brenta, Giacomo Campiotti, Federico Pontiggia, Cecilia Valmarana.

Tra le presenze finora confermate che prenderanno parte al Festival,Jennifer Alleyn, Altan, Jelena Angelovski, Pupi Avati, Stephan Barth, Christopher Bell, Juli Berkes, Ewa Bukowska, Renato Carpentieri, Cristina Comencini, Marco D’Amore, Stefano Dionisi, Daniele Gaglianone, Roberto Herlitzka, Luigi Lo Cascio, Vinicio Marchioni, Anna Marziano, Valerio Mastandrea, Melissa B. Miller, Nanni Moretti, Jason Reitman, Daniele Segre, Elisabetta Sgarbi, Zhao Tao, Jia Zhangke e Jie Zhou.

Concorso

TFF 2018

53 WOJNI / 53 WARS di Ewa Bukowska (Polonia, 2018, DCP, 82’)
ALL THESE SMALL MOMENTS di Melissa B. Miller (USA, 2018, DCP, 84’)
ANGELO di Markus Schleinzer (Austria/Lussemburgo, 2018, DCP, 111’)
ATLAS di David Nawrath (Germania, 2018, DCP, 99’)
LA DISPARITION DES LUCIOLES di Sébastien Pilote (Canada, 2018, DCP, 96’)
MARCHE OU CRÈVE di Margaux Bonhomme (Francia, 2018, DCP, 85’)
NERVOUS TRANSLATION di Shireen Seno (Filippine, 2017, DCP, 90’)
NOS BATAILLES di Guillaume Senez (Belgio/Francia, 2018, DCP, 98’)
OIKTOS / PITY di Babis Makridis (Grecia, 2018, DCP, 97’)
RIDE di Valerio Mastandrea (Italia, 2018, DCP, 95’)
ROSSZ VERSEK / BAD POEMS di Gábor Reisz (Ungheria, 2018, DCP, 97’)
DEN SKYLDIGE / THE GUILTY di Gustav Möller (Danimarca, 2018, DCP, 85’)
TEMPORADA di André Novais Oliveira (Brasile, 2018, DCP, 112’)
VARGUR / VULTURES di Börkur Sigbórsson (Islanda, 2018, DCP, 95’)
WILDLIFE di Paul Dano (USA, 2018, DCP, 104’)

Festa Mobile

TFF 2018

L’AMOUR DEBOUT di Michaël Dacheux (Francia, 2018, DCP, 83’)
ASH IS PUREST WHITE di Jia Zhangke (Cina, 2018, DCP, 150’)
BLAZE di Ethan Hawke (USA, 2018, DCP, 129’)
DAS BOOT di Andreas Prochaska (Germania, 2018, video, 120’)
BULLI E PUPE di Steve Della Casa e Chiara Ronchini (Italia, 2018, DCP, 80’)
CAN YOU EVER FORGIVE ME? di Marielle Heller (USA, 2018, DCP, 107’)
COLETTE di Wash Westmoreland (UK, 2018, DCP, 112’)
DOVLATOV di Aleksey German Jr. (Russia/Polonia/Serbia, 2018, DCP, 126’)
FIRST NIGHT NERVES di Stanley Kwan (Cina/Hong Kong, 2018, DCP, 100’)
THE FRONT RUNNER di Jason Reitman (USA, 2018, DCP, 113’)
IL GUSTO DELLA LIBERTÀ - CINEMA E ‘68 di Giovanna Ventura (Italia, 2018, DCP, 53’)
HAPPY NEW YEAR, COLIN BURSTEAD. di Ben Wheatley (UK, 2018, DCP, 95’)
JULIET, NAKED di Jesse Peretz (USA, 2018, DCP, 105’)
MADELINE’S MADELINE di Josephine Decker (USA, 2018, DCP, 94’)
THE MAN WHO STOLE BANKSY di Marco Proserpio (Italia, 2018, DCP, 90’)
I NOMI DEL SIGNOR SULCIC di Elisabetta Sgarbi (Italia, 2018, DCP, 80’)
OVUNQUE PROTEGGIMI di Bonifacio Angius (Italia, 2018, DCP, 99’)
PAPI CHULO di John Butler (Irlanda, 2018, DCP, 98’)
PRETENDERS di James Franco (USA, 2018, DCP, 90’)
RAGAZZI DI STADIO, QUARANT’ANNI DOPO di Daniele Segre (Italia, 2018, DCP, 82’)
SANTIAGO, ITALIA di Nanni Moretti (Italia, 2018, DCP, 80’)
SEX STORY di Cristina Comencini e Roberto Moroni (Italia, 2018, DCP, 60’)
ULYSSE & MONA di Sébastien Betbeder (Francia, 2018, DCP, 82’)
THE WHITE CROW di Ralph Fiennes (UK/Serbia/Francia, 2018, DCP, 122’)

After Hours

TFF 2018

ALPHA, THE RIGHT TO KILL di Brillante Mendoza (Filippine, 2018, DCP, 94’)
CATHARSYS OR THE AFINA TALES OF THE LOST WORLD di Yassine Marco Marroccu (Marocco, 2018, DCP, 98’)
DEAD NIGHT di Brad Baruh (USA, 2018, DCP, 86’)
HEVI REISSU / HEAVY TRIP di Juuso Laatio e Jukka Vidgren (Finlandia/Norvegia, 2018, DCP, 92’)
HIGH LIFE di Claire Denis (Germania/Francia/UK/Polonia/Canada/USA, 2018, DCP, 110’)
IN FABRIC di Peter Strickland (UK, 2018, DCP, 118’)
INCIDENT IN A GHOSTLAND di Pascal Laugier (Francia/Canada, 2018, DCP, 91’)
MANDY di Panos Cosmatos (USA, 2018, DCP, 121’)
PIERCING di Nicolas Pesce (USA, 2018, DCP, 81’)
EL REINO di Rodrigo Sorogoyen (Spagna/Francia, 2018, DCP, 122’)
RELAXER di Joel Potrykus (USA, 2018, DCP, 91’)
TYREL di Sebastián Silva (USA, 2018, DCP, 86’)
L’ULTIMA NOTTE di Francesco Barozzi (Italia, 2018, DCP, 87’)
UNTHINKABLE di Crazy Pictures (Svezia, 2018, DCP, 129’)


LA NOCHE DEL TERROR CIEGO di Amando De Ossorio (Spagna/Portogallo, 1972, DCP, 97’) .
EL ATAQUE DE LOS MUERTOS SIN OJOS di Amando De Ossorio (Spagna, 1973, DCP, 87’) .
EL BUQUE MALDITO di Amando De Ossorio (Spagna, 1974, DCP, 87’) .
LA NOCHE DE LAS GAVIOTAS di Amando De Ossorio (Spagna, 1974, DCP, 85’) .

TorinoFilmLab

TFF 2018


AZ ÚR HANGJA / HIS MASTER’S VOICE di György Pálfi (Canada/Ungheria/Francia/Svezia/USA, 2018, DCP, 108’)
LAND di Babak Jalali (Italia/Francia/Olanda/Messico, 2018, DCP, 111’)
LA NUIT A DÉVORÉ LE MONDE di Dominique Rocher (Francia, 2018, DCP, 93’)
L’OSPITE di Duccio Chiarini (Italia/Svizzera/Francia, 2018, DCP, 96’)
ZGODOVINA LJUBEZNI / HISTORY OF LOVE di Sonja Prosenc (Slovenia/Norvegia/Italia, 2018, DCP, 105’)

Film Commission Torino Piemonte
DRIVE ME HOME di Simone Catania (Italia, 2018, DCP, 100’)
IL MANGIATORE DI PIETRE di Nicola Bellucci (Svizzera/Italia, 2018, DCP, 109’)

Premio Maria Adriana Prolo 2018
SENZACHIEDEREPERMESSO di Pierfranco Milanese e Pietro Perotti (Italia, 2014, DCP, 95’)


Lunga vita a Ermanno Olmi!
“Lunga vita a Ermanno Olmi!” è organizzato dal Torino Film Festival e dal Museo Nazionale del Cinema in collaborazione con Edison, Rai Cinema, Rai Teche, Istituto Luce Cinecittà e la famiglia Olmi.
DIALOGO TRA UN VENDITORE DI ALMANACCHI E UN PASSEGGIERE di Ermanno Olmi (Italia, 1954, DCP, 10’)
MANON FINESTRA 2 di Ermanno Olmi (Italia, 1956, DCP, 12’) .
LA COTTA di Ermanno Olmi (Italia, 1967, DCP, 49’).
NASCITA DI UNA FORMAZIONE PARTIGIANA di Ermanno Olmi e Corrado Stajano (Italia, 1973, DCP, 62’)
TRE DONNE di Giacomo Campiotti (Italia, 1983, DCP, 25’)
ROBINSON IN LAGUNA di Mario Brenta (Italia, 1985, DCP, 24’)
IN CODA ALLA CODA di Maurizio Zaccaro (Italia, 1988, DCP, 63’)
IL DENARO - SECONDA PARTE di Ermanno Olmi (Italia, 1999, DCP, 54’)
IL MESTIERE DELLE ARMI di Ermanno Olmi (Italia/Francia/Germania/Bulgaria, 2001, 35mm, 105’)

PROSEGUI LA LETTURA

Torino 2018, il programma completo del 36esimo Festival del Cinema é stato pubblicato su Cineblog.it alle 16:38 di Tuesday 13 November 2018

]]>
0
Monster Hunter: nuove foto dal set del film live-action con Milla Jovovich Tue, 13 Nov 2018 15:07:07 +0000 http://www.cineblog.it/post/797402/monster-hunter-film-foto-dal-set-milla-jovovich http://www.cineblog.it/post/797402/monster-hunter-film-foto-dal-set-milla-jovovich Pietro Ferraro Pietro Ferraro

Aggiornamento per Monster Hunter, l'adattamento cinematografico live-action con Milla Jovovich basato sulla omonima serie di videogiochi della nipponica Capcom. Jovovich ha condiviso sul suo account Instagram nuove foto dal set che la vedono in tenuta militare insieme a due co-protagonisti del film.

E' dal 2012 che Paul W.S. Anderson, regista di Resident Evil, ha in mente questo adattamento e il progetto ha cominciato a prendere finalmente forma con il casting di Jovovich, moglie di Anderson e protagonista dei film della serie "Resident Evil". Da allora il cast è stato completato con le aggiunte di Ron Perlman e T.I. Harris. Mentre la premessa principale e l'aspetto del film non sono ancora stati descritti in modo dettagliato, queste immagini fornite da Jovovich danno un'idea di cosa aspettarsi da alcuni dei personaggi che questi membri del cast andranno ad interpretare.

Le foto condivise su Instagram da Jovovich mostrano qualcosa di ben diverso da quello che i fan della popolare serie di videogiochi fantasy giapponese si aspettavano di vedere. Questi personaggi non indossano armature e non brandiscono armi da mischia di alcun tipo. Invece nelle immagini vediamo uniformi militari, armi da fuoco e veicoli, con uno scenario desertico sullo sfondo. In precedenza abbiamo visto una foto del capitano Natalie Artemis, il personaggio di Milla Jovovich, che maneggiava un'arma "slinger", che è un elemento caratteristico del gioco, dimostrando che potrebbe esserci qualcosa di più nella trama del film di quanto non sembri da queste prime immagini.

Pare che il film seguirà una squadra di soldati che scoprono un mondo parallelo abitato da mostri e un personaggio chiamato "The Hunter" che sarà interpretato da Tony Jaa. A questo punto è possibile che queste foto rappresentino scene del film precedenti all'arrivo della squadra nel mondo popolato di mostri.

Ricordiamo che Paul W.S. Anderson oltre ad aver diretto i film di "Resident Evil" ha diretto anche il live-action Mortal Kombat con Christopher Lambert e l'inquietante gioiellino fanta-horror Punto di non ritorno.

 


 

 

Monster Hunter: nuove foto dal set con Milla Jovovich

Milla Jovovich ha condiviso un nuova foto dal set in cui svela il look del suo personaggio di Monster Hunter, il Capitano Natalie Artemis.

Il capitano Natalie Artemis viene mostrata con armatura completa nell'ultima immagine di "Monster Hunter". I fan del videogioco originale noteranno che lei indossa il suo "slinger" sul braccio, si tratta di un'arma del gioco che può lanciare proiettili come pietre oppure coltelli, corde, reti di cattura e altro ancora. Milla Jovovich ha deciso di condividere l'immagine dopo che un'altra immagine del sergente Marshall, condivisa dal personaggio di Diego Boneta, che brandisce un'arma moderna, immagine che ha fatto storcere il naso ai fan del gioco.

"Monster Hunter" è basato sull'omonima serie di videogiochi Capcom. Il gioco è un Action / RPG, che consente ai giocatori di cacciare e intrappolare i mostri, utilizzando un assortimento di diverse armi che vengono create man mano che il gioco procede. La serie di giochi è iniziata nel 2004 e in seguito ha guadagnato popolarità in Giappone grazie ad un gioco di carte collezionabili basato sulle prime cinque puntate della serie.

Paul W.S. Anderson, regista dei film di Resident Evil, dirige l'adattamento live-action di "Monster Hunter".

 


 


 


 

 

Monster Hunter: iniziate le riprese e prima foto dal set con Milla Jovovich

Hanno preso il via ufficialmente in Sudafrica le riprese dell'adattamento cinematografico di Screen Gems del videogioco Monster Hunter di Capcom.

Alla regia troviamo Paul W.S. Anderson, con Milla Jovovich designata a protagonista che ha condiviso sul suo account instagram una prima foto dal set.

Jovovich torna a collaborare con il suo regista e marito con cui ha girato i film della serie Resident Evil e l'avventura steampunk I tre moschettieri.

Il cast di "Monster Hunter" include anche il Ron Perlman di Hellboy e l'artista marziale Tony Jaa (Ong-Bak, Fast & Furious 7).

Jovovich interpreta un personaggio di nome Artemis, mentre Jaa è apparentemente il protagonista maschile del film, un uomo chiamato semplicemente "Il Cacciatore".

Rispolveriamo un'intervista del regista a Deadline in cui Anderson ha parlato di un approccio simile a quello di Resident Evil.

Non ci sono veri personaggi centrali quindi è un po' come quando ci siamo avvicinati a Resident Evil e abbiamo impostato i nostri personaggi e la nostra storia in quel mondo. Penso che questo sia un IP [proprietà intellettuale] perfetto per fare di nuovo esattamente la stessa cosa. Il mondo di Monster Hunter include questi enormi deserti che fanno sembrare il deserto del Gobi come una sabbiera, e hanno navi che navigano attraverso la sabbia. E' pieno di questi galeoni, ma piuttosto che navigare sulle onde dell'oceano, navigano attraverso onde di sabbia...Stai combattendo queste creature giganti, alcune grandi come un intero quartiere. Vivono sotto la superfice della terra e quando esplodono fuori, è come il miglior Dune. Hai anche questi draghi volanti, ragni giganti, le creature più meravigliose.

 

Paul W.S. Anderson ha detto che ci sarà un cambiamento piuttosto importante dal gioco al film riverlando che l'atto finale avrebbe portato questi mostri nel mondo reale.

L'atto finale ritorna nel nostro mondo ed è fondamentalmente questa epica battaglia dentro e intorno a Los Angeles, poi alla fine ci troviamo improvvisamente di fronte al fatto che le creature mitologiche del nostro mondo sono tornate a vendicarsi. Quindi abbiamo sicuramente un secondo film da pianificare.

 

Durante l'intervista a Deadline, Anderson ha rivelato anche la trama per il suo film di Monster Hunter.

Per ogni mostro, c'è un eroe. Un uomo comune senza prospettive scopre di essere in realtà il discendente di un eroe antico. Deve viaggiare in un mondo mistico per addestrarsi a diventare un cacciatore di mostri, prima che le creature mitiche di quel mondo distruggano il nostro.

 

Anderson sta lavorando al film con il suo partner co-produttore di Resident Evil, Jeremy Bolt, e sta sviluppando il progetto per la sua società di produzione Impact Studios. "Monster Hunter" è una serie di videogiochi action RPG sviluppata dalla Capcom di Resident Evil. Il primo episodio ha debuttato nel 2004 per la console PlayStation 2. A gennaio 2018 la serie ha registrato vendite per oltre 45 milioni di copie in tutto il mondo, principalmente in Giappone e in altri paesi asiatici, dove è cresciuta grazie alla popolarità della funzionalità multiplayer. L'ultimo episodio Monster Hunter: World, uscito il 26 gennaio 2018, è diventato il gioco più venduto della serie "Monster Hunter" e di Capcom con oltre 10 milioni di unità spedite entro agosto 2018. La serie ha venduto un totale di oltre 50 milioni di unità.

 


 

 

 

Fonte: Bloody Disgusting

 

 

 

 

PROSEGUI LA LETTURA

Monster Hunter: nuove foto dal set del film live-action con Milla Jovovich é stato pubblicato su Cineblog.it alle 16:07 di Tuesday 13 November 2018

]]>
0
Rissa nei talk, la moda del conduttore indignato e 'recidivo' Tue, 13 Nov 2018 14:45:11 +0000 http://www.tvblog.it/post/1580517/talk-rissa-quarta-repubblica http://www.tvblog.it/post/1580517/talk-rissa-quarta-repubblica Massimo Falcioni Massimo Falcioni

Inutile prendersi in giro: la rissa tira e attira, la rissa porta ascolti, la rissa genere interesse. Insomma, la rissa logora chi non ce l’ha (nel suo programma).

In una miriade di talk politici spalmati sull’intera settimana e tutte le reti, con gli stessi ospiti che fanno il giro delle sette chiese, la litigata risveglia dal torpore e rompe gli schemi, generando spunti per dibattiti e prese di posizione.

I conduttori la inseguono e tentano in tutti i modi di avvicinare la benzina al fuoco, salvo poi irritarsi una volta che l’incendio è scoppiato. E’ la moda dell’ultimo periodo, ovvero quella del padrone di casa indignato, che si preoccupa dell’udito delle persone a casa (“non si capisce nulla, per cortesia”) passando in breve tempo da burattinaio a moralizzatore.

C’è chi si affida al campanellino (vedi Serena Bortone ad Agorà) e chi usa direttamente il fisico, come la Berlinguer, piazzandosi tra la telecamera e l’urlatore a mo’ di docente che striglia il suo alunno. E’ accaduto circa un mese fa a Cartabianca, quando Mario Giordano e Vittorio Sgarbi diedero vita ad una gazzarra senza precedenti incentrata sulla vicenda di Mimmo Lucano.

E siccome va dato il buon esempio ed è giusto imparare dagli errori, ecco che Giordano e Sgarbi – sì, proprio loro – riappaiono qualche tempo dopo a Quarta Repubblica per discutere della rottura via social tra Matteo Salvini ed Elisa Isoardi. La distanza ideologica è fissata in partenza, con l’ex direttore del Tg4 e il critico d’arte inseriti nel blocco del ‘Processo di Qr’, uno sul fronte dei favorevoli, l'altro su quello dei contrari.

Lite pure qua, arricchita dalla contemporanea presenza di Roberto D’Agostino come terzo incomodo. Passa una settimana e la musica non cambia. Tema? La querelle sui negozi aperti o meno di domenica. Tra gli invitati, udite udite, Giordano e Sgarbi. Stavolta il duello è tra il giornalista e Francesca Barra, mentre il sindaco di Sutri è pronto a subentrare dalla panchina.

Ma passare da riserva a titolare è un attimo: “Lasciamoli aperti, non rompete il cazzo”, tuona Sgarbi contro Giordano, che non se lo lascia ripetere due volte e reagisce. Stavolta però c’è Porro che non accetta derive trash e minaccia: “Regia, giù i microfoni. Non parlate uno sopra l’altro. Regia, non è difficile, dai. Ora Vittorio parla per due minuti da solo, solo lui”.

Cronometro alla mano di secondi ne passano trenta. Giordano infatti lo contraddice, scatenando la "pacata" reazione dell’interlocutore:

“Sei un comunista, sei un comunista, sei un comunista, sei un comunista, sei un comunista, sei un comunista, sei un comunista, sei un comunista di merda, sei una zucca vuota, sei una merda secca. Sei rincoglionito nel buco del culo”.

Porro gesticola e chiede di nuovo di abbassare il volume. Peccato che lo show sia già andato in scena nel suo complesso.

Il caos piace, ma guai a confessarlo. Non sia mai che qualcuno sospetti una tacita complicità.

PROSEGUI LA LETTURA

Rissa nei talk, la moda del conduttore indignato e 'recidivo' é stato pubblicato su Tvblog.it alle 15:45 di Tuesday 13 November 2018

]]>
0
Toy Story 4: nuovi trailer in italiano del sequel d'animazione Disney / Pixar Tue, 13 Nov 2018 14:29:39 +0000 http://www.cineblog.it/post/801023/toy-story-4-trailer-italiano-disney-pixar-film http://www.cineblog.it/post/801023/toy-story-4-trailer-italiano-disney-pixar-film Pietro Ferraro Pietro Ferraro

[Per visionare il trailer clicca sull'immagine in alto]

 

Disney ha reso disponibili due trailer in italiano di Toy Story 4 che presentano anche un nuovo personaggio di nome Forky.

Il teaser trailer di "Toy Story 4" inizia con la hit del 1967 "Both Sides Now" Judy Collins e mostra il cast principale del franchise che si tiene per mano, dando il tempo di mostrare ogni personaggio. Tutto è tranquillo e sta andando esattamente come dovrebbe fino a quando non arriviamo alla fine della coda di Slinky Dog e vediamo un forchiaio con le braccia, le gambe e una faccia che disperato afferma di essere nel posto sbagliato e di non essere un giocattolo.

Lo strano personaggio a forma di forchiaio non è uno scherzo. Il suo nome è Forky, ed è doppiato da Tony Hale (Arrested Development, Veep). Non viene spiegato tutto su Forky e il suo ruolo rispetto all'amato cast di giocattoli, ma la sinossi ufficiale di "Toy Story 4" aggiunge alcune informazioni.

 

Woody è sempre stato fiducioso riguardo al suo posto nel mondo e che la sua priorità è prendersi cura di suo figlio, che si tratti di Andy o di Bonnie. Ma quando Bonnie aggiunge un nuovo giocattolo riluttante chiamato "Forky" nella sua stanza, un avventuroso viaggio con vecchi e nuovi amici mostrerà a Woody quanto può essere grande il mondo per un giocattolo.

 

Il regista John Cooley in una dichiarazione ha fatto un po' di luce sul misterioso personaggio di Forky. Secondo Cooley c'è molto di più in ballo con il nuovo personaggio di quanto si era pensato inizialmente. In apparenza Forky sembra proprio un banale forchiaio, ma il regista promette che c'è sicuramente più di quanto sembri.

Il mondo di Toy Story è basato sull'idea che ogni cosa al mondo abbia uno scopo. Lo scopo di un giocattolo è quello di essere lì per il suo bambino, ma per quanto riguarda i giocattoli realizzati con altri oggetti? Forky è un giocattolo realizzato da Bonnie da un forchiaio usa e getta, quindi si trova di fronte ad una crisi: vuole realizzare il suo scopo come forchiaio, ma ora ha un nuovo scopo come giocattolo che incombe su di lui.

 

"Toy Story 4" arriverà nei cinema il 21 giugno 2019.

 

 

[Per visionare il trailer clicca sull'immagine in alto]

 

 

Toy Story 4: trailer, poster e trama del sequel d'animazione Disney / Pixar

[Per visionare il trailer clicca sull'immagine in alto]

 

Woody, Buzz Lightyear, Jessie e il resto della banda di Toy Story accolgono il nuovo arrivato Forky" nel primo trailer di Toy Story 4. Il teaser include anche una sinossi aggiornata che rivela che il film porta gli amati personaggi di Toy Story in una nuovissima "avventura on the road".

Molto è cambiato da quando "Toy Story 4" è stato annunciato nel 2014. Il team originale includeva John Lasseter alla regia e Will McCormack e Rashida Jones (Separati innamorati) alla sceneggiatura, con una trama che seguiva Woody e Buzz in un'avventura per trovare Bo Peep. In seguito Lasseter, McCormack e Jones hanno tutti lasciato il progetto, con Josh Cooley (animatore per "Inside Out" e "Toy Story of Terror") salito a bordo per dirige in solitaria da una sceneggiatura di Stephany Folsom (co-sceneggiatrice non accreditata per "Thor: Ragnarok").

Disney / Pixar hanno inoltre pubblicato una sinossi aggiornata di "Toy Story 4" e un nuovo poster.

 

Woody è sempre stato fiducioso riguardo al suo posto nel mondo e che la sua priorità è prendersi cura di suo figlio, che si tratti di Andy o di Bonnie. Ma quando Bonnie aggiunge un nuovo giocattolo riluttante chiamato "Forky" nella sua stanza, un avventuroso viaggio con vecchi e nuovi amici mostrerà a Woody quanto può essere grande il mondo per un giocattolo.

 

"Forky" è doppiato in opriginale da Tony Hale (delle serie tv "Arrested Development" e "Veep") ed è un bizzarro outsider, a prima vista appare come una posata (forchiaio) trasformata in un bizzarro omino, che però insiste nel dire che lui non è un giocattolo. "Forky" nel teaser si fa subito riconoscere, entra nel panico e rompe l'armonioso girotondo musicale della banda di Toy Story.

La voce di Bo Peep, Annie Potts, ha confermato all'inizio di quest'anno che fa ancora parte del film, ma ha anche rivelato che dopo la partenza di Lasseter ben "tre quarti" della sceneggiatura originale di "Toy Story 4" è stata riscritta. Non è ancora chiaro come il personaggio di Bo Peep si adatti alla nuova storia del film, ma il personaggio tornerà dopo una sua un po' sbrigativa uscita di scena tra gli eventi di Toy Story 2 e 3.

"Toy Story 4" arriverà nei cinema americani il 21 giugno 2019.

 

 

 

 

PROSEGUI LA LETTURA

Toy Story 4: nuovi trailer in italiano del sequel d'animazione Disney / Pixar é stato pubblicato su Cineblog.it alle 15:29 di Tuesday 13 November 2018

]]>
0
È successo in TV - 13 novembre 1965: i grandi varieta Rai con Stasera, Rita! (video) Tue, 13 Nov 2018 12:08:01 +0000 http://www.tvblog.it/post/1580502/e-successo-in-tv-13-novembre-1965-stasera-rita-pavone-video http://www.tvblog.it/post/1580502/e-successo-in-tv-13-novembre-1965-stasera-rita-pavone-video Marco Salaris Marco Salaris

 

Antonello Falqui vi dice qualcosa? Uno dei più grandi registi del piccolo schermo, nonché degli indimenticabili varietà RAI diretti dalla fine degli anni '50 in poi, citando i più celebri: Canzonissima, Giardino d'Inverno, Studio Uno, Teatro 10 e più avanti Milleluci, Al Paradise ma non solo.

Nel bel mezzo del periodo d'oro, più precisamente nel 1965, il programma nazionale (ora Rai 1) realizza delle prime serate ad hoc, dedicate singolarmente ad un'artista di spicco come Rita Pavone, al culmine del suo successo e già onorata della conduzione di un programma tutto suo all'età di 20 anni: grandi ospiti, sketch ed esibizioni canore come un one woman show che si rispetti. E' la prima volta in cui i teleschermi della tv di Stato va in onda (in prima serata) un programma dedicato e condotto da una giovanissima artista.

Il successo di pubblico e di critica è evidente per tutte e quattro le puntate speciali (la prima il 13 novembre 1965), la cantante si cimenta per la prima volta nelle imitazioni di: Charlot, Marilyn Monroe, Al Jolson, Mina e le Dolly Sisters.

Gli artisti che intervengono - molti dei quali interagiscono con la protagonista - sono: Raimondo Vianello, Sandra Mondaini, Adamo, Paul Anka, Gianni Morandi, Gina Lollobrigida, Ugo Tognazzi, Aldo Fabrizi, Franca Valeri, The Rokes, Luciano Salce, le gemelle Kessler e Mina.

Da segnalare il duetto con la celebre tigre di Cremona, durante il quale, le due primedonne si scambiano le canzoni (Mina canta : Amore twist/ Che m’importa del mondo/La partita di pallone/Come te non c’è nessuno/Pel di carota), e Rita Pavone risponde con: Il cielo in una stanza/ Una zebra a pois/ Moliendo cafè/ Città vuota/ Due note. Insieme poi intonano, Stasera con te e Ciao Ciao.

PROSEGUI LA LETTURA

È successo in TV - 13 novembre 1965: i grandi varieta Rai con Stasera, Rita! (video) é stato pubblicato su Tvblog.it alle 13:08 di Tuesday 13 November 2018

]]>
0